Linea d’Ombra, tutto pronto per il gran finale sabato 30.

ldo 2021
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Studio di dermatologia e medicina estetica della dottoressa Alessia Maiorino a Salerno
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Per il last day della 26esima edizione di Linea d’Ombra Festival la direzione artistica ha voluto puntare su due grandi nomi, due mondi a specchio che si guardano e si riflettono: da una parte c’è quello di Alessandro Capitani, regista cinematografico e televisivo che ha messo a segno tre bei successi con “In viaggio con Adele”, “Bellissima” e “I nostri fantasmi”, e dall’altra c’è un artista scatenato come Raiz, poeta di note con gli Almamegretta e caratterista di razza sui set.

Domani (sabato 30 ottobre) il pomeriggio di Linea d’Ombra avrà inizio alle ore 17.30 con la presentazione del progetto “Una Banca di racconti”, realizzato grazie al contributo del Fondazione Cassa Rurale di Battipaglia – Banca Campania Centro, e la seconda proiezione del cortometraggio “Questo è l’anello” firmato alla regia da Luigi Marmo. Il soggetto e la sceneggiatura sono dello scrittore Diego De Silva e la produzione è di Hobos Factory. A seguire, per la sezione fuori concorso, ci sarà la proiezione di “Seminaria Sogninterra” di Ivars Huxly, il primo documentario prodotto da Duna di Sale e Salerno Letteratura dedicato ad una associazione che, da dieci anni, promuove l’arte contemporanea nella sua funzione sociale.

Premiazione Alle 19.30, sempre alla Sala Pasolini, ci sarà la premiazione dei film in concorso nelle cinque sezioni Passaggi d’Europa, CortoEuropa, LineaDoc, VedoAnimato e VedoVerticale. Quest’edizione del festival, si caratterizza, in particolare nelle sezioni competitive, per una programmazione attenta alle opere innovative di giovani autori che s’impongono all’attenzione internazionale. Durante la cerimonia saranno assegnati il “Premio NEXSOFT” al miglior lungometraggio sezione Passaggi d’Europa, il “Premio BANCA CAMPANIA CENTRO” al miglior cortometraggio sezione CortoEuropa ed il “Premio FONDAZIONE CARISAL” al miglior cortometraggio sezione VedoVerticale. Durante la serata saranno presentate anche le quattro giurie ufficiali, che hanno affiancato la Giuria Popolare e quella Open on line, formate da Miriam Bliese, Milena Mancini, Guglielmo Poggi (Passaggi D’Europa); Giulio Mastromauro, Valerio Vestoso, Christopher Yates (CortoEuropa); Carlo Hintermann, Juan David Gonzales Monroy, Rachel Rakes (LineaDoc); Martin Smatana, Alessandro Rak, Mauro Uzzeo (Vedo Verticale). Subito dopo Boris Sollazzo, condirettore del festival, condurrà l’ultimo talk dal titolo “Shooting star”, protagonista della serata sarà il regista Alessandro Capitani. Alle 20.30 negli spazi della Sala Menna ci sarà la proiezione dei film vincitori.

Il cinema, la musica e l’arte sono stati i coprotagonisti di questa edizione del festival che ha voluto guardare al “Domani” da diversi punti di vista. Ed è per questo che per il gran finale la direzione artistica ha puntato su uno degli artisti italiani più eclettici, Raiz. Alle ore 22 per la sezione “Off records” Boris Sollazzo condurrà l’ultimo incontro con il cantautore e attore napoletano.

Linea d’Ombra Festival XXVI edizione è un’iniziativa promossa dall’Associazione SalernoInFestival e realizzata con il contributo e il patrocinio della Direzione generale Cinema e audiovisivo – Ministero della Cultura, della Regione Campania con la Film Commission Regione Campania, del Comune di Salerno. Main Sponsor: Fondazione Cassa Rurale Battipaglia – Banca Campania CentroNexsoft S.p.A. Altro ente sostenitore: Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana. Altri sponsor: Allianz Salerno Mare – Mario Parrilli srlRotary Salerno Rotary Salerno 1949 a.f. La direzione artistica è di Peppe D’Antonio e Boris Sollazzo.

A cura di Agostino Marotta