Una magia di Cicerelli regala i 3 punti alla Salernitana che si rilancia alla grande alla corsa promozione.

0
256
funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

E’ stata una rete siglata da Emanuele Cicerelli a decidere il match tra Salernitana e Frosinone. In un confronto che ha visto una certa differenza in campo a livello di conclusioni pericolose, il momento chiave è arrivato al minuto 55 quando Cicerelli, subentrato dalla panchina, ha superato irrimediabilmente il portiere avversario. Quel gol, conti alla mano, è bastato per portare in dote tre punti davvero preziosi. Il match, infatti, si è concluso con il risultato di 1-0.

Da segnalare l’assist di Tomasz Kupisz, decisivo per il gol vittoria. Sempre nelle fila della Salernitana, Vid Belec è stato poco impegnato: una sola parata nel corso di tutto il match.

Nella sconfitta del Frosinone, Francesco Bardi oltre al gol subito è comunque stato poco impegnato: solo 3 parate nel corso di tutto il match. Molto agonismo in campo con 7 cartellini gialli in totale: di cui 4 per il Frosinone e 3 per la Salernitana.

Fabrizio Castori, tecnico della Salernitana, dopo il 90esimo del match vinto contro il Frosinone non nasconde la sua gioia. «Abbiamo conquistato un successo importantissimo. Chi stava in panchina ha cambiata la partita ma ci sono i meriti anche di chi era in campo dal primo minuto perché una partita va approcciata, studiata. Chi entra e indovina la giocata giusta riesce a farlo anche grazie a loro. Abbiamo giocato bene, siamo stati bravi nel tenere ritmo ed intensità, rintuzzando all’inizio forte del Frosinone. Con il passare dei minuti abbiamo insistito, trovato il vantaggio con merito e crescendo con un finale importante. Questa vittoria è importante, siamo usciti alla grande nel secondo tempo».

Sulle scelte di formazione e sugli interpreti: «Cicerelli e Kupisz sono esterni da 4-4-2, Kupisz si adatta anche nel 3-5-2, modulo che penalizza Cicerelli. Emanuele è un calciatore importante non meno forte rispetto a chi gioca dall’inizio. Lui è uno che riesce a incidere a partita in corso rispetto a chi è più capace nell’arco dei novanta minuti. Comunque quando è entrato ha fatto bene, si è fatto trovare pronto, questa era una partita adatta per lui. Sa spaccare le partite a gara in corso e va sfruttato dove rende meglio. Modulo? Non ci fissiamo sui moduli, sono convincenti i principi e i concetti che la squadra continua a mostrare al di là dei moduli».

Un pensiero, Castori, lo ha rivolto anche ai tifosi. «Il calcio senza tifo è insipido, lo sport è per tutti, giocare a porte chiuse è difficile. In questo momento non averli accanto allo stadio e sentire lì il loro affetto manca tanto».

Preoccupa l’infortunio subito da Coulibaly. «Ha subito un infortunio abbastanza brutto, è un problema alla caviglia non di poco conto. Speriamo di recuperarlo presto. Con Coulibaly possiamo giocare sia a tre che a due, senza di lui possiamo passare al 4-4-2».

Lo sguardo, adesso, è già proiettato alla sfoda contro la Virtus Entella. «Non gestirò, altrimenti darei un pessimo segnale alla squadra. Prima o poi i diffidati verranno ammoniti, posso ragionare solo in più casi sui diffidati. Non credo che recupereremo Aya e Durmisi».

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here