Tentata concussione, GdF mette 2 commercialisti e un avvocato ai domiciliari a Nocera.

0
390
Due imprenditori salernitani operanti nel settore della grande distribuzione sono stati arrestati dai militari della Guardia di Finanza di Salerno, 26 febbraio 2021. Ai domiciliari sono finiti due fratelli, Luigi Di Bianco e Maria Rosaria Di Bianco, che gestivano una rete di supermercati in città. I due imprenditori sono accusati di bancarotta fraudolenta per distrazione patrimoniale, correlati al fallimento di numerose società riconducibili al medesimo gruppo imprenditoriale. ANSA/ GUARDIA DI FINANZA SALERNO +++ ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING +++

La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno ha eseguito un’ordinanza applicativa di misure cautelari personali, con contestuale perquisizione, nei confronti di due commercialisti nocerini, nonché di un avvocato, per i quali sono stati disposti gli arresti domiciliari.

L’inchiesta, coordinata dal procuratore Antonio Centore e dal sostituto procuratore Chiara Fasano, è legata a episodi di tentata concussione avvenuti nell’ambito di procedure fallimentari in atto al Tribunale di Nocera Inferiore.

Nell’inchiesta risultano indagate anche altre sei persone.

L’indagine trae origine da una denuncia sporta, nel 2018, da un imprenditore operante nel settore conserviero che riferiva di aver ricevuto da una persona terza, per conto della Curatela Fallimentare, la richiesta di una considerevole somma di denaro al fine di non ostacolare – attraverso la presentazione di ricorsi o ricorrendo ad altre condotte ostruzionistiche – la positiva conclusione di una contestuale procedura esecutiva parallela a quella in corso in ambito fallimentare. A questa vicenda ha fatto seguito una seconda denuncia presentata da un altro imprenditore insolvente Il gip, con riferimento al delitto di tentata concussione, ha pertanto disposto gli arresti domiciliari . (ANSA).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here