Salernitana sconfitta, a San Siro l’Inter vince 2-0.

0
17
epa10246916 Inter Milan’s Denzel Dumfries (L) in action against Salernitana's Pasquale Mazzocchi during the Italian serie A soccer match between FC Internazionale Milano and US Salernitana, in Milan, Italy, 16 October 2022. EPA/MATTEO BAZZI

L’Inter continua a correre, spinta da Lautaro Martinez e Barella.

I due protagonisti del pareggio di Barcellona si vestono da trascinatori anche con la Salernitana: due gol, uno per tempo, per sbarazzarsi dei campani senza troppe difficoltà.

“Siamo stati sempre in controllo, la squadra ha sviluppato bene il suo gioco. Temevo questa gara vista la sfida in Europa di mercoledì, ma li avevo visti concentrati”, il commento di Inzaghi post-partita intervistato da Sky.

Con la Salernitana, così, l’Inter ha mostrato nuovamente il suo volto migliore, anche grazie alla scelta del tecnico di confermare l’undici titolare visto in Catalogna, con l’unica eccezione di Acerbi in campo al posto di Bastoni in difesa.

Perché è vero che i campani sono rimasti in partita fino al raddoppio di Barella nella ripresa, ma il risultato sarebbe potuto essere diverso se, dopo l’iniziale vantaggio firmato Lautaro (destro da fuori che ha sorpreso un non irreprensibile Sepe), lo stesso argentino e Dzeko non avessero sprecato diverse occasioni. I campani di Nicola hanno provato a pungere con Kastanos, Piatek e Dia, troppo poco però per impensierire davvero Onana, confermato ancora titolare per la quarta partita consecutiva.

Nel secondo tempo, così, nonostante una buona reazione della Salernitana, il gol di Barella innescato da un lancio mancino di Calhanoglu ha mandato di fatto i titoli di coda sulla gara, con i nerazzurri in totale controllo nell’ultima mezzora della sfida. Un’Inter ritrovata, quindi, e che ora aspetta anche il ritorno di Lukaku per rilanciare le sue ambizioni di rincorsa alla vetta (“ha subito un infortunio che non gli era mai capitato in carriera”, le parole di Inzaghi). (ANSA).

L’allenatore della Salernitana Davide Nicola è intervenuto a DAZN dopo la partita persa 2-0 contro l’Inter: “Sono soddisfatto della prestazione dei ragazzi. Siamo arrivati alla partita dovendo cercare nuove soluzioni visto che abbiamo perso in un colpo solo Maggiore e Radovanovic. Mi è piaciuta la disponibilità dei ragazzi e della capacità dei ragazzi di interpretare sia la pressione bassa che alta. Abbiamo fattoanche meglio della partita precedente in cui abbiamo vinto ma l’avversario era diverso e molto qualitativo, che sa fare tutto. Era importante essere organizzati e determinati senza rinunciare a giocare e ripartire. L’unico appunto è sul secondogol, conoscevamo certe dinamiche e ci siamo attardati a riposizionarci, questo ci ha penalizzato. Diventa poi difficile recuperare due gol. Potevamo arrivare al pareggio già nel primo temposul tiro di Kastanos. Bene in alcune ripartenze in cui non abbiamo concretizzato. Dobbiamo continuare a lavorare come stiamo facendo, con l’organico al top potremo essere ancora più competitivi. Noi non cerchiamo mai il colpevole, ma ragioniamo da squadra. Siamo sempre critici e lavoriamo per migliorare, cosa che faremo anche in settimana. Va riconosciuta la forza dell’Inter ma anche lo spirito che ha messo in campo la Salernitana. Possiamo migliorare, non dobbiamo accontentarci. Noi come gruppo di lavoro dobbiamo capire se è stato fatto abbastanza a livello di prestazione: oggi questo è stato fatto, ma dobbiamo migliorare alcuni aspetti. Bohinen? Credo ciecamente in ogni mio giocatore, ma il recupero di Bohinen è importante perché nel suo ruolo ci può dare tante soluzioni. Spero di recuperare quanto prima gli indisponibili, così si alzano le possibilità di scelte”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here