Maltempo, allerta sabato 20 dalle 6 alle 21.

Studio di dermatologia e medicina estetica della dottoressa Alessia Maiorino a Salerno
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

La Protezione Civile della Regione Campania ha diramato un avviso di allerta meteo di livello Giallo valido su tutto il territorio regionale dalle 06:00 di sabato 20 maggio 2023 alle 21:00 di sabato 20 maggio 2023. In tutte le zone si prevedono “precipitazioni locali, anche a carattere di rovescio o isolato temporale, soprattutto nella parte centrale della giornata, puntualmente di moderata intensità”.

Nell zone 1 (Piana campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana), 3 (Penisola sorrentino-amalfitana, Monti di Sarno e Monti Picentini), 5 (Tusciano e Alto Sele), 6 (Piana Sele e Alto Cilento), 8 (Basso Cilento) sono attesi anche “venti forti dai quadranti orientali, in graduale attenuazione dal pomeriggio” e “mare agitato, soprattutto lungo le coste esposte, in attenuazione dal tardo pomeriggio”.

L’allerta mette in guardia da “fenomeni temporaleschi caratterizzati da una incertezza previsionale e rapidità di evoluzione, con possibili danni alle coperture e strutture provvisorie dovuti a raffiche di vento, fulminazioni, possibili grandinate e a caduta di rami o alberi; Ruscellamenti superficiali con possibili fenomeni di trasporto di materiale; Possibile innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori, con inondazioni delle aree limitrofe, anche per effetto di criticità locali (tombature, restringimenti, ecc); Possibili allagamenti di locali interrati e di quelli a pian terreno;

Scorrimento superficiale delle acque nelle sedi stradali e possibili fenomeni di rigurgito dei sistemi di smaltimento delle acque meteoriche con tracimazione e coinvolgimento delle aree urbane depresse. Possibili cadute massi in più punti del territorio ed occasionali fenomeni franosi legati a condizioni idrogeologiche particolarmente fragili”.

Si raccomanda ai Sindaci – autorità di protezione civile sui rispettivi territori – di mantenere attivi i Centri Operativi Comunali (COC) anche in assenza di precipitazioni e di attuare tutte le misure previste dai rispettivi piani comunali di protezione civile per prevenire, mitigare e contrastare il rischio idrogeologico nonché di assicurare la corretta ricezione dei messaggi da parte della sala Operativa Regionale.