Ennesimo incidente sul lavoro nel Salernitano: operaio vivo per miracolo a Pontecagnano Faiano. L’allarme di Gigi Vicinanza (Cisal metalmeccanici nazionale): “Dati allarmanti. Serve rafforzare i controlli nei cantieri”.

Dopo il successo del 2023 Vittoria Assicurazioni, in occasione del Torneo Italiano di Beach Rugby, torna sulle spiagge d’Italia con il Vittoria for Women Tour con Federazione Italiana Rugby e Specchio dei tempi. In ogni tappa sarà possibile sostenere la lotta contro i tumori femminili con una donazione, fare una visita senologica gratuita e divertirsi al Vittoria Village.
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Studio di dermatologia e medicina estetica della dottoressa Alessia Maiorino a Salerno
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

“Sono sconcertato”. Così Gigi Vicinanza, componente della segreteria nazionale della Cisal Metalmeccanici è intervenuto sull’ennesimo incidente sul lavoro avvenuto in provincia di Salerno, con un operaio salvo per miracolo a Pontecagnano Faiano dopo il ribaltamento di un escavatore. “Sono vicino al lavoro e alla sua famiglia. Lo spavento deve essere stato tanto. Tuttavia, non si può continuare a tacere l’enorme preoccupazione per un fenomeno, come la carenza di sicurezza nei cantieri, che non si arresta nel Salernitano. Si faccia chiarezza sulla dinamica di quanto avvenuto giovedì a Pontecagnano Faiano”, ha detto Vicinanza.

Un ennesimo incidente sul lavoro che preoccupa il sindacalista della Cisal Metalmeccanici nazionale. “I dati restano allarmanti. A mio avviso, non credo si stia facendo abbastanza per ridurre questa piaga. Tanti incidenti registrati nel Salernitano non finiscono sulle cronache locali e nazionali. Spesso fanno notizia solo quelli mortali o spettacolari. Tanti altri finiscono nel dimenticatoio. Lo ribadisco: è necessario rafforzare gli organici degli enti ispettivi. Perché senza ispettori i controlli non si fanno o non se ne fanno abbastanza”.