Premio Charlot, Arturo Brachetti venerdì 23 all’Arena del Mare.

0
482
Infissi a Salerno con lo sconto del 50% ecobonus - preventivi gratuiti



Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture


Domani, venerdì 23 luglio, il sipario della XXXIII edizione del Premio Charlot, la kermesse dedicata al più grande attore di tutti i tempi, si alzerà per offrire al pubblico il “Pierino, il Lupo e l’altro” di Arturo Brachetti. Sold-Out per l’attore piemontese, come prevedibile, che ritorna dopo 3 anni allo Charlot, pronto a stupire, emozionare e conquistare ancor di più il suo pubblico.

La giornata di domani, del Premio Charlot, segna però anche altri appuntamenti, si parte dalla mattina, quando nel Salone del Gonfalone di Palazzo di Città, alle ore 10, Emanuela Pacotto sarà protagonista di un incontro con i giovani dal titolo “I Pokemon 25 anni dopo: Origine e sviluppo di un fenomeno”. All’incontro, patrocinato dal Leo Club Salerno Host, dall’Area Centro del Distretto Leo 108YA e dal Rotaract Campus Salerno dei Due Principati, parteciperanno il Sindaco Vincenzo Napoli, il Patron Claudio Tortora, Alfonso Amendola (Professore di sociologia degli Audiovisivi sperimentali Università degli studi di Salerno) e Annachiara Guerra (Unisa), modera Stefano Pignataro.

Alle 21,30 all’Arena del Mare di Salerno, i giornalisti Alessandra Comazzi (La Stampa) e Gigi Marzullo (RaiUno), avranno il compito di consegnare il Premio Charlot Giornalismo a Titta Fiore de Il Mattino.

A seguire, come detto, Arturo Brachetti in “Pierino, il Lupo e l’altro” Concerto di Ensemble Symphony Orchestra

La musica si può vedere? In questo caso, la risposta è sì. Perché “Pierino, il lupo e l’altro” è un concerto classico ma non è un concerto tradizionale. Il progetto nasce dall’idea di creare un’occasione concreta di ampliare il pubblico della musica sinfonica con una formula originale, capace di coinvolgere e divertire: una vera e propria attività di divulgazione musicale. La base di partenza di “Pierino, il lupo e l’altro” è l’Ensemble Symphony Orchestra, una delle più conosciute orchestre nell’ambito nazionale che ha fatto della versatilità delle sue cifre stilistiche: grazie all’attenzione che ha per ogni tipo di genere, il suo repertorio spazia dalle arie d’opera più conosciute alle colonne sonore di film di fama mondiale. La parte musicale si appoggia al racconto di Arturo Brachetti, uno degli artisti teatrali italiani più noti al mondo, qui impegnato in veste di voce narrante. Profondo conoscitore del teatro internazionale, da tempo affianca a quello di artista il ruolo di showteller (letteralmente raccontatore di spettacoli), uno degli aspetti meno noti ma più radicati di Brachetti, con lo scopo di diffondere e divulgare la conoscenza delle arti dello spettacolo in maniera semplice e coinvolgente. Dall’incontro tra queste due realtà nasce Pierino, il lupo e l’altro, un concerto dal sapore di spettacolo, inusuale e accessibile che, grazie alla resa in forma visiva, porta a tutti la musica classica (sia habitué sia nuovo pubblico) sempre impeccabile dal punto di vista artistico. Il concerto è diviso in due parti. La prima è Pierino e il lupo di Sergej Prokofiev così come lo conosciamo e lo abbiamo incontrato più volte, spesso nel periodo scolastico. Qui, grazie alla voce e maestria di Brachetti, con la complicità dell’orchestra, il pubblico vive un’esperienza divertente e coinvolgente, che lo trascina con facilità nel mondo della musica classica. Sul palco appaiono (a sorpresa) prima Prokofiev e poi Arturo Brachetti, che si rivolge direttamente agli spettatori spiegando loro che, se si vuole ascoltare quest’opera, bisogna aver il cuore leggero 2 come quello dei bambini. Da qui comincia a raccontare la favola… I personaggi, rappresentati dagli strumenti musicali, entrano in scena. Brachetti li fa vivere attraverso semplici effetti che aiutano il pubblico a seguire il filo narrativo, fino alla parata finale. La seconda parte è L’altro, un percorso a sorpresa tra i differenti stili di direzione musicale, reso divertente dalla complicità dell’orchestra e del pubblico. Il concerto si chiude con un suggestivo momento di sand painting a dimostrazione di come il connubio tra le arti, apparentemente lontane tra loro, possa creare nuove e affascinanti esperienze.

Nell’estate Arturo Brachetti è presente anche con il suo talk Arturo racconta Brachetti, una chiacchierata a-tu-per-tu con il pubblico: sarà come entrare nel dietro le quinte della sua vita, parlando dei debutti, dei viaggi intorno al mondo, della vita quotidiana, delle “mille arti” in cui eccelle e altro ancora.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here