Picentia Short Film Festival, successo per la sesta edizione del festival di cortometraggi a Battipaglia.

0
17

Era stato preannunciato e così è stato. Il Picentia Short Film Festival apre il suo sesto appuntamento con una giornata pirotecnica all’insegna dell’arte.

Verso l’infinito…è il cinema! Questo è il grido attraverso cui si è dimostrata una tesi introdotta sei anni fa, e che vede la settima arte contenitore di tutte le altre.

Il Festival aveva già dato ufficioso benvenuto al pubblico il giorno 15 con una delle novità introdotte quest’anno: i laboratori con le scuole. In collaborazione con la Vitruvio Academy, scuola di formazione multidisciplinare della Vitruvio Entertainment, e con l’ausilio del Comune di Battipaglia, che si dimostra ancora una volta vicino alla cultura, sono stati inseriti in programma ben sei workshop, divisi in tre giorni, per tre istituti diversi, a dimostrazione dell’impegno dell’intera organizzazione nel voler parlare anche ai più giovani. Giovedì 15 settembre sono stati presentati i primi due workshop all’Istituto Superiore “Ferrari” di Battipaglia. Il topic è stato “Il supereroe”,  sviluppato in ambito fumettistico e cinematografico, con i docenti Salvatore Parola, Matteo A. Sabatino e Stefano Valva, che hanno intrattenuto quasi duecento ragazzi, in un suggestivo viaggio costellato di chicche e curiosità per gli appassionati.
Nella giornata di ieri è toccato all’Istituto Superiore “Besta-Gloriosi” ospitare i workshop del festival, con tantissimi studenti interessati a seguire due laboratori, imbastiti per trattare – sempre attraverso il filtro fumettistico e cinematografico – il tema “Il sogno”, una narrazione a cavallo tra il reale e il mondo onirico.

Terminati i vincenti appuntamenti con i liceali, il cuore del Festival è tornato a piazza Aldo Moro, con l’apertura dell’Area Expo, ampliata ulteriormente, e a cura di Salvatore Parola. Presenti una teca multimediale delle opere di fuoco del prof. Raiola, esposizioni delle tele del prof. Paraggio e la presentazione delle tavole di fumettisti di caratura nazionale quali: Vincenzo “Viska” Federici,  Alessandro Ranaldi, Oriana Carione e Marianna Perdinci.

A ulteriore conferma della tesi del direttore artistico Luca Capacchione, alle 17.00 c’è stata la presentazione dell’ultima fatica letteraria della giovane scrittrice Cristina Leone Rossi, dal titolo “Dopo?”, edito da Bookabook.

È seguita la proiezione fuori concorso del cortometraggio “Paralysis”, con interviste e commenti degli autori Carlo Andrea Maucci e Fabio Sieni.

Grande sorpresa per gli ospiti, all’arrivo del Ministro Mara Carfagna, che ha portato i suoi saluti e manifestato orgoglio per un evento che acquisisce anno dopo anno un respiro sempre più internazionale.
Alle 19.00 è toccata alla conferenza stampa di Germano Lanzoni, presso la Sala Conferenze “Vicinanza”. Il noto speaker del Milan ha attirato curiosi e appassionati, attribuendo al festival un appeal ancora più trasversale.

Il via alla serata di premiazioni è stato dato alle ore 21.30, con Agata Fortis e Ivano Cavaliere al timone della nave guidata tra cortometraggi concorrenti nelle categorie di concorso Horror&Thriller e Past&Future.

Premiati i lavori Lettera a Lia di Nicky Larkin (Past&Future) e Cloro di Alessandro Stelmasiov (Horror&Thriller). Assegnati anche una menzione speciale al cortometraggio Ufficio Accettazione di Gioele Airini e il Premio “Rivelazione dell’anno” per i videoclip dei brani “Come un film” e “Dubbi non ho” (feat Folcast).

L’intera serata è stata mandata in onda sui canali ufficiali del festival e su quelli del Gruppo Radio Musica Television, che ha riservato il solito box radio guidato da Gaetano Risi, Francesco Effuso, Cecilia Borriello e Michela Tammaro.

Ultimo appuntamento in programma è stato il PSFF Aftershow, un salotto informale in cui gli spettatori hanno avuto modo di vivere l’ambiente del Festival attraverso il filtro degli addetti ai lavori.

Nuovo giorno, nuovo successo. Il Picentia Short Film Festival si conferma paniere di cultura e intrattenimento. Lo start è avvenuto alle ore 11.00 con gli ultimi due workshop indirizzati alle scuole. I docenti Davide Bottiglieri, Matteo A. Sabatino e Stefano Valva, della Vitruvio Academy, hanno incontrato gli studenti dell’Istituto Superiore E.Medi, offrendo spunti interessanti in ambito letterario e cinematografico a tema “Harry Potter”.

Alle 16.00 il Palazzo di Citta di Battipaglia ha aperto le sue porte per offrire ai cittadini la possibilità di visitare l’area Expo, allestita con le opere di Alfredo Raiola, Carmine Paraggio, Vincenzo “Viska” Federici, Alessandro Ranaldi, Oriana Carione, Marianna Perdinci e Salvatore Parola.
Alle ore 18.00, presso la Sala Conferenze “Domenico Vicinanza”, si sono susseguiti la presentazione dell’ultimo libro di Luca Serafini, intitolato “Il cuore di un uomo”, edito da Rizzoli, e gli interventi di Michele D’Anca e Raffaele Buranelli in merito alla tutela dei lavoratori nel mondo dello spettacolo.

È seguito l’incontro con Roberto Capucci, regista, sceneggiatore e produttore cinematografico italiano.
La serata di premiazioni ha avuto inizio alle ore 21.30,  capitanata dai soliti impeccabili Ivano Cavaliere e Ilaria Agata Fortis, che hanno intrattenuto i presenti con sketch e presentazioni dei corti in gara nelle categorie Green&Nature e Drama&Social, vinte rispettivamente da Tale of the Great Oak di Maria Gimenez Cavallo e Cuore di Pierpaolo De Mejo.

Premiata inoltre l’artista Rosa Chiodo come “Nuova Napoli nel mondo 2022” per il videoclip del brano “Femmene – Rosa Chiodo feat Tony Esposito” (da “Cenerentola è nata a Napule”), 2022, regia di Alessandro Freschi.

In programma, anche la proiezione del cortometraggio Anti, prodotto da ACT Production, EmmePi Studio e Vitruvio Entertainment, diretto da Luigi Di Domenico e scritto da Davide Bottiglieri, con Michele D’Anca, Danilo Napoli, Ivano Cavaliere e Ilaria Agata Fortis.

L’intera serata è stata mandata in onda sui canali ufficiali del festival e su quelli del Gruppo Radio Musica Television, che ha riservato il solito box radio guidato da Gaetano Risi, Francesco Effuso, Cecilia Borriello e Michela Tammaro.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here