ONLIFE – Iniziative innovative per accrescere le competenze digitali e offrire migliori opportunità professionali ai NEET

finanza agevolata
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Studio di dermatologia e medicina estetica della dottoressa Alessia Maiorino a Salerno
BANDO: ONLIFE – Iniziative innovative per accrescere le competenze digitali e offrire migliori opportunità professionali ai NEET
SCADENZA: entro le ore 13.00 del 16 dicembre 2022

Il bando ha l’obiettivo di accrescere le competenze digitali dei giovani NEET al fine di garantire migliori opportunità e condizioni di inserimento e permanenza nel mondo del lavoro.

Il Fondo per la Repubblica Digitale – Impresa Sociale intende finanziare iniziative valide e innovative che garantiscano l’accesso equo e il coinvolgimento concreto del target di riferimento in programmi formativi di qualità, anche ampliando l’offerta di servizi accessori funzionali ad assicurare la partecipazione attiva dei beneficiari, potendo così contribuire fattivamente al contrasto all’inattività e all’esclusione sociale.

In particolare, gli interventi dovranno rendere attrattivi i programmi di upskilling e reskilling digitale proposti, attraverso azioni di sensibilizzazione del target riguardo ai benefici e ai vantaggi offerti non solo in termini di occupabilità, ma anche di realizzazione personale e inserimento sociale. L’obiettivo ultimo del bando è individuare progetti di sviluppo delle competenze digitali, che, una volta sperimentati, valutati e riconosciuti come efficaci, siano “scalabili” e possano divenire oggetto di politiche pubbliche funzionali all’incremento delle competenze digitali del Paese, come registrate dal DESI.

CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE AL BANDO
Soggetto responsabile

Alla data di pubblicazione del bando, il soggetto responsabile deve essere un soggetto pubblico o privato senza scopo di lucro e possedere i seguenti requisiti:

  1. essere un ente del terzo settore (cui si applicano le disposizioni contenute nel Codice del terzo settore (D.lgs. 117/2017), un’università13, un centro di ricerca14, un centro di trasferimento tecnologico, un ente di formazione, un Istituto Tecnico Superiore (ITS);
  2. essere stato costituito da almeno due anni in forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata o registrata;
  3. non avere mai svolto attività in contrasto con le finalità del Fondo;
  4. possedere una comprovata esperienza nell’ambito della formazione digitale, dimostrando risultati concreti sia in termini qualitativi (es. contenuti e materiali formativi, competenze sviluppate nei destinatari), che quantitativi (es. n. persone formate negli ultimi due anni). Tale requisito può essere soddisfatto anche dagli eventuali partner e/o partner sostenitori;
  5. aver presentato una sola proposta in risposta al presente bando. Nel caso di presentazione di più proposte da parte di uno stesso soggetto responsabile, queste verranno tutte considerate inammissibili;
  6. non essere presente in altre proposte in qualità di partner nel presente bando;
  7. avere la sede legale in Italia. Un’organizzazione può presentarsi come soggetto responsabile ad entrambi i bandi pubblicati dal Fondo per la Repubblica Digitale – Impresa Sociale (bandi “Futura” e “Onlife”). Qualora, durante la fase istruttoria, entrambe le proposte risultassero ammissibili, sarà finanziata quella con il punteggio standardizzato più alto tra le due graduatorie.

Altri soggetti della partnership

  1. (ulteriori rispetto al soggetto responsabile) possono essere enti senza scopo di lucro, università pubbliche o private non profit, centri di ricerca, centri di trasferimento tecnologico non profit, enti di formazione non profit, Istituti Tecnici Superiori (ITS), centri per l’impiego, sistemi regionali di istruzione e formazione professionale, scuole secondarie di secondo grado, associazioni di categoria, organizzazioni sindacali, Regioni, enti pubblici;
  2. nessun partner, con la sola eccezione delle università, dei centri di ricerca, delle Regioni e degli enti pubblici, potrà partecipare a più di una proposta, pena l’esclusione di tutte le proposte in cui esso è presente.

Altri soggetti della partnership del mondo No Profit

È possibile coinvolgere le imprese all’interno del progetto, in qualità di partner sostenitori, al fine di costruire una proposta formativa in ambito digitale il più possibile in linea con le esigenze professionali del mondo imprenditoriale. Le realtà del mondo for profit possono essere partner sostenitori del progetto, senza gestire alcuna quota di budget. La partecipazione di enti for profit non deve essere finalizzata alla ricerca del profitto, ma a generare opportunità di occupazione per i beneficiari diretti dei percorsi formativi del progetto.

Inoltre, gli enti profit possono contribuire al progetto anche apportando conoscenze, competenze e risorse per lo sviluppo di skill digitali professionalizzanti effettivamente spendibili nel mondo del lavoro, anche attraverso il coinvolgimento diretto di dipendenti/collaboratori in qualità di formatori. In questo caso, l’impresa diventa un fornitore di servizi a cui è possibile corrispondere una quota di budget entro una certa soglia, pari, al massimo, al 25% del contributo richiesto.

AMBITI DI INTERVENTO

Le proposte progettuali devono prevedere azioni puntuali che assicurino reali possibilità di accesso e fruibilità di un’offerta formativa efficace e qualificata che agisca sull’apprendimento e il rafforzamento di competenze digitali di base e avanzate dei giovani non occupati e non inseriti in percorsi di istruzione e formazione, nella fascia di età 15-34 anni e residenti in Italia, al fine di diminuire il disallineamento tra domanda e offerta di lavoro e rispondere ai fabbisogni professionali in ambito ICT, generando nuove opportunità di occupazione.

Si può richiedere un contributo compreso tra 250 mila e 1 milione di euro. Non è richiesta alcuna quota di cofinanziamento. La liquidazione del contributo è basata sul principio pay for performance, in base al quale i diversi pagamenti saranno effettuati alla verifica dei risultati ottenuti, con un focus particolare sulla creazione di nuova occupazione. La durata massima dei progetti è 15 mesi, la durata di ciascun percorso formativo non può superare i 9 mesi.

Vuoi ricevere maggiori informazioni su questo bando?
Contattaci:
Ulysses Consulting – www.ulyssesconsulting.eu
Via Giacomo Budetti 44, 84098 Pontecagnano Faiano (SA)

A cura di Luigi Mario Meazza