Il film su MSF a Linea d’Ombra giovedì 28.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Studio di dermatologia e medicina estetica della dottoressa Alessia Maiorino a Salerno
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Giovedì 28 ottobre, al Piccolo Teatro di Portacatena di Salerno, il gruppo di volontari di Medici Senza Frontiere (MSF) di Napoli organizza alle 21.30 la proiezione del film “Egoisti”, con la voce narrante di Stefano Accorsi, realizzato da Aftermedia in collaborazione con MSF, per celebrare i 50 anni dell’organizzazione medico-umanitaria.

L’evento rientra nel palinsesto della XXVI edizione del Linea D’Ombra Festival, in programma a Salerno dal 23 al 30 Ottobre, a cui MSF partecipa per il terzo anno consecutivo.

 

A introdurre la proiezione sarà la testimonianza dell’antropologa campana Bianca Barone, che condividerà con il pubblico la sua personale esperienza di operatrice umanitaria di MSF. È proprio la tematica dell’azione umanitaria, infatti, il cuore di “Egoisti”, che ben si collega al tema di questa edizione del Festival, il “domani”.

Nelle scene del documentario, infatti, si susseguono i racconti personali di medici, infermieri, logisti – e dei loro cari – che scelgono di partire per contribuire a un cambiamento, per cercare di garantire un presente, ma soprattutto un domani migliore a chi vive in contesti di emergenza in tutto il mondo.

 

Distribuito in inglese, francese, italiano e tedesco, “Egoisti” è già stato premiato in diversi festival internazionali (come il Festival dei Diritti Umani di Lugano, il Berlin Human Rights Festival di Berlino ed il Cannes World Film Festival nella categoria “Best Feature Documentary”) e offre un punto di vista diverso sull’azione umanitaria, attraverso le storie di chi ne ha fatto una scelta di vita, tra l’“egoismo” di seguire la propria vocazione e il desiderio di aiutare l’altro.

 

Disastri naturali, guerre, epidemie sono ormai immagini comuni dove gli operatori umanitari sono in prima linea a testimoniare e aiutare chi ne ha bisogno. Abbiamo deciso di girare questo film mettendo al centro l’impegno umanitario e tutto ciò che esso comporta” raccontano il regista Stéphane Santini e la coregista Géraldine Andre.

 

Il film (durata 56 min) sarà disponibile anche on-line sulla Piattaforma Netfest.

 

L’ingresso è gratuito con prenotazione obbligatoria al seguente link: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-linea-dombra-festival-egoisti-190985160757?aff=ebdsoporgprofile

 

 

Sinossi del film

Un film diverso, nella forma e nella scrittura. La guerra, le grandi emergenze, le pandemie, le carestie. In tutto il mondo, gli operatori umanitari sono abituati alle missioni e ai contesti più estremi e più rischiosi. Rari sono invece gli operatori umanitari che si avventurano nei meandri della propria intimità. 40 operatori umanitari e i loro cari hanno compiuto questo passo, per parlarci del rischio, dell’impegno, della prima volta, dell’impotenza, degli incontri, della passione, del ritorno, dell’inesprimibile, dal profondo dei loro cuori. In questo film, naturalmente proiettato verso gli altri, la questione dell’egoismo delle donne e degli uomini che hanno deciso di impegnarsi nell’umanitario si è posta, ed imposta, come un’evidenza. Al di fuori di qualsiasi contesto geopolitico e sanitario, ognuno con le proprie parole, il proprio sguardo e la propria esperienza ci porta dove gli operatori umanitari non si avventurano mai. Senza artifici o ipocrisia, i testimoni di questo film ci raccontano chi sono, il loro impegno nei confronti dell’altro, i loro dubbi, le loro debolezze e le immagini che li perseguitano.

Ma gli operatori umanitari non sono gli unici testimoni in questo film. Per la prima volta anche coloro che condividono la loro vita privata e la loro intimità ci parlano di sé. Storie di vita e di doppia vita nel cuore di un mondo iperrealistico, in un documentario inedito, cinematografico e intimo.

 

MSF, 50 anni di umanità 

“Cinquant’anni di umanità”: sono le parole che riassumono la storia di MSF che nel 2021 festeggia il cinquantesimo anno dalla nascita. E sono le stesse che muovono ogni giorno oltre 65.000 operatori umanitari MSF impegnati a portare cure mediche e aiuto incondizionato nelle emergenze di oltre 80 paesi. A raccontarlo, la campagna di sensibilizzazione che per tutto il 2021 ricorderà i momenti storici e le sfide ancora aperte, tutti i dettagli su www.msf.it/50anni. 

 

Il Gruppo MSF di Napoli nasce nel 2008. Nel corso di dieci anni sono stati tanti i volontari che hanno ruotato intorno ad un nucleo di “fondatori” portando un prezioso contributo, sia concreto che emotivo, e creando amicizie durature. Il coinvolgimento verso i principi e le attività di MSF è stato tale che alcuni di noi hanno “preso il volo” e hanno deciso di partire come operatori umanitari. L’obiettivo del nostro gruppo è proprio quello di far conoscere MSF sul territorio attraverso l’organizzazione di attività di sensibilizzazione e raccolta fondi. La presenza di volontari di Caserta e di Salerno ci permette di svolgere attività anche in queste città. https://www.medicisenzafrontiere.it/partecipa/diventa-volontario/gruppo-di-napoli/ 

 

Per informazioni

Gruppo MSF di Napoli

Facebook: Medici Senza Frontiere – Gruppo di Napoli https://www.facebook.com/msf.napoli/

Email: info.napoli@rome.msf.org