Givova Scafati, sconfitta a Sassari

MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko

E’ stata la partita dei parziali e contro-parziali quella del PalaSerradimigni tra Banco di Sardegna Sassari e Givova Scafati, che ha visto trionfare 79-76 la prima, sebbene nell’arco della sfida si sia trovata più volte sotto anche in doppia cifra di svantaggio.

Senza coach Sacripanti in panchina, vittima di una forte colica renale a poche ore dalla palla a due, la compagine dell’Agro si è resa protagonista di una sfida fatta di alti e bassi, di vantaggi importanti e ritorni subiti, che hanno senza dubbio regalato emozioni, ma hanno aumentato il rammarico finale di aver perso una sfida che poi, nel finale punto a punto, ha dato ragione ai padroni di casa, bravi a sfruttare a proprio vantaggio gli episodi chiave.

Le percentuali di tiro da tre più basse rispetto alle medie stagionali ed il numero di tiri liberi sbagliati hanno senza dubbio contribuito a decidere l’esito finale della contesa.

LA PARTITA

I primi minuti della sfida non regalano particolari spunti o emozioni. Sono tanti gli errori di entrambi i quintetti, con quello ospite che, trascinato dall’ex Robinson, sembra avere qualcosa in più (6-9 al 5’). Gombauld sotto canestro e Tyree sugli esterni sono due fattori importanti per i padroni di casa, ma non bastano per invertire la rotta della sfida (11-14 al 7’). Entrambi gli allenatori attingono a mani basse dalle rispettive panchine. I cambi non mutano però l’andazzo della sfida, che vede sempre avanti i campani fino alla fine del primo quarto (14-21), grazie al buon impatto di Gentile A. e nonostante la mano calda di Treier.

Stessi ritmi e medesima intensità anche in avvio di secondo quarto, in cui ad un timido ritorno dei locali (18-22 al 12’) fa da contraltare la reazione ospite, che vale la doppia cifra di vantaggio al 14’ (20-30), grazie alle triple di Strelnieks e Logan. Il Banco di Sardegna aumenta l’intensità difensiva e, mettendo in campo maggiore fisicità, ritrova anche la via del canestro con più frequenza, annullando il divario con un parziale di 10-0 (30-30 al 18’). Negli ultimi minuti, i quintetti si fronteggiano a viso aperto ed in maniera equilibrata, raggiungendo gli spogliatoi sul 35-33 in favore degli isolani.

Dopo un avvio di ripresa col freno a mano tirato, la sfida inizia a riprendere vigore con i centri dalla lunga di Charalampopoulos che valgono il 42-38 al 23’. Ci pensa Gentile A., ottimamente coadiuvato da Nunge, a fare la voce grossa. Entrambi, con l’aiuto di Rossato e Strelnieks, in meno di un amen riportano i viaggianti in doppia cifra di vantaggio (42-52 al 27’, con un parziale di 0-14). La risposta dei locali non si fa attendere: Gentile S. e Kruslin sono i principali protagonisti del contro-parziale di 12-1 con cui i biancoazzurri si riportano addirittura in vantaggio (54-53) ad un giro di lancette dalla terza sirena, che arriva invece sul 54 pari.

Comincia forte e con intensità la Givova l’ultima frazione, portandosi avanti 56-64 al 32’ (bene Nunge). Segue l’ennesimo contro-parziale sassarese di 16-0 (bene Gentile S.), che, in maniera perentoria e decisa, mettendo intensità, ritmo e fisicità, ribalta di nuovo il risultato della contesa (72-64 al 37’). Le triple di Rossato e Rivers riaccendono la speranza gialloblù (72-70 al 39’), ma la successiva tripla di Kruslin assopisce ogni velleità, anche se Pinkins, a 9’’ dalla sirena, prova a rianimarla (75-73). Gombault realizza entrambi i liberi quando mancano 6’’ (77-73) e nell’azione successiva Strelnieks va a segno dalla lunga distanza (77-76 a 2’’). Fallo su Tyree, che dalla linea della carità non sbaglia e regala il successo ai suoi con il risultato di 79-76.

LE DICHIARAZIONI

Il capo allenatore Marco Ciarpella: «Il primo pensiero va a Pino Sacripanti, vittima di un malore che lo ha costretto a ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso, impedendogli di essere in panchina: avremmo voluto vincere anche per lui, ma non ci siamo riusciti. La squadra ha avuto un buon impatto con la partita, è stata avanti anche più volte senza però mai riuscire a piazzare la zampata per chiuderla. Emblematico è stato ad esempio l’episodio della palla vagante persa ad un minuto dalla fine da cui è scaturita la tripla di Kruslin, come emblematici sono stati gli errori ai liberi ed i secondi tiri concessi nella prima parte di gara agli avversari. E’ un peccato, perché, statistiche alla mano, abbiamo tirato 15 volte in più dal campo rispetto a Sassari, ma ci è mancata l’energia e la fisicità per finire dentro l’area. Sassari è stata invece brava a togliere l’iniziativa ai nostri palleggiatori, raddoppiando sui pick and roll, mentre noi purtroppo non siamo riusciti nella prima metà a far uscire la palla, a dispetto della seconda metà in cui invece, pur riuscendo a servire il lungo e ad aprire di più il campo, nel finale siamo stati puniti da palle vaganti, uno contro uno e qualche buon canestro degli avversari».

I TABELLINI

BANCO DI SARDEGNA 79 – 76 GIVOVA SCAFATI

BANCO DI SARDEGNA SASSARI: Cappelletti 4, Pisano n. e., Treier 7, Pitirra n. e., Tyree 10, Kruslin 13, Raspino, Gandini n. e., Gentile S. 9, Gombauld 20, McKinnie, Charalampopoulos 16. Allenatore: Bucchi Piero. Assistenti Allenatori: Oldoini Massimiliano, Bulleri Massimo.

GIVOVA SCAFATI: Sangiovanni n. e., Gentile 9, Mouaha n. e., Pinkins 13, De Laurentiis n. e., Rossato 10, Logan 4, Robinson 7, Rivers 7, Nunge 15, Pini, Strelnieks 11. Allenatore: Ciarpella Marco. Assistente Allenatore: Costagliola Di Fiore Massimo.

ARBITRI: Massoni Manuel di Grosseto, Quarta Denis di Torino, Catani Marco di Pescara.

NOTE: Parziali: 14-21; 21-12; 19-21; 25-22. Falli: Sassari 21; Scafati 19. Usciti per cinque falli: Strelnieks. Tiri dal campo: Sassari 28/55 (50,9%); Scafati 28/70 (40%). Tiri da due: Sassari 20/31 (64,5%); Scafati 17/41 (41,5%). Tiri da tre: Sassari 8/24 (33,3%); Scafati 11/29 (37,9%). Tiri liberi: Sassari 15/16 (93,8%); Scafati 9/15 (60%). Rimbalzi: Sassari 34 (8 off.; 26 dif.); Scafati 33 (15 off.; 18 dif.). Assist: Sassari 24; Scafati 19. Palle perse: Sassari 17; Scafati 13. Palle recuperate: Sassari 9; Scafati 12. Stoppate: Sassari 7; Scafati 0.