Una breccia nel muro, inaugurata palestra del centro per bambini autistici ristrutturato con il ministro De Vincenti.

Dopo il successo del 2023 Vittoria Assicurazioni, in occasione del Torneo Italiano di Beach Rugby, torna sulle spiagge d’Italia con il Vittoria for Women Tour con Federazione Italiana Rugby e Specchio dei tempi. In ogni tappa sarà possibile sostenere la lotta contro i tumori femminili con una donazione, fare una visita senologica gratuita e divertirsi al Vittoria Village.
Studio di dermatologia e medicina estetica della dottoressa Alessia Maiorino a Salerno
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Inaugurata oggi 21giugno a Salerno, nella ex  scuola  di quello che era il “IX Circolo Didattico” dismesso, nel primo giorno d’estate ,   la Palestra del Centro “ Una breccia nel muro” completamente ristrutturato.

Il Centro era già  stato inaugurato nel 2013  grazie all’intervento del”Bambin Gesù “ di Roma e sponsor  che hanno creduto in un progetto possibile e realizzabile, ma le richieste dalle varie regioni del sud Italia hanno superato le aspettative , tanto da ingrandire la struttura e recuperare anche l’ex  archivio e la palestra.

Nel 2012 uffici e scuola dell’infanzia erano stati già spostati presso  l’edificio della scuola  media, diventando così  l’ Istituto Comprensivo “Rita levi Montalcini”. Vedere oggi  questa  antica struttura che è stata insieme alla scuola elementare “Barra” la prima scuola costruita nel 1931 a Salerno, trasformata in un luogo di accoglienza così prestigioso e utile è motivo di orgoglio non solo perla città ma per l’intera Regione Campania e  tutto il Mezzogiorno.

“Il Centro – ha precisato il dott.Alberto Zuliani, presidente dell’Associazione di volontariato Una breccia nel muro – ospita ora, settimanalmente, 36 bambini; la durata prevista per il trattamento è di un anno, ma molti proseguono.
La domanda è crescente. In quattro anni il Centro si è preso cura di circa 70 bambini fra i 18 mesi e i 12 anni di età, per oltre l’80% con meno di 6 anni.  Sono stati svolti corsi di parent training per le famiglie al loro ingresso; sono stati avvicinati gli insegnanti, curricolari e di sostegno; i supervisori hanno partecipato ai gruppi di lavoro sull’handicap, GLH.

Sono stati ospitati numerosi tirocini in convenzione con alcune università, fra le quali Roma Sapienza e Salerno e Scuole di specializzazione di psicoterapia. E’ stata ed è tuttora svolta un’attività significativa di ricerca, in collaborazione con ricercatori delle università di Roma Sapienza, Cagliari e Losanna.
Sull’attività clinica del Centro sono state svolte sei tesi di laurea. L’Associazione “Una breccia nel muro” partecipa al “Coordinamento autismo Campania”ed  è diventata in pochi anni  una realtà esemplare, un punto di riferimento per il trattamento dell’autismo nel Mezzogiorno”.

Dopo l’intervento del Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli e dell’Assessore alle Politiche Sociali Nino Savastano,  ha concluso  questa giornata  così speciale  con le famiglie e  gli operatori del Centro,  il  Ministro della Coesione territoriale e del Mezzogiorno Claudio De Vincenti ribadendo“ la necessità di un Centro così  rispondente ai bisogni dei cittadini,   che  ha dato oggi una grande lezione alla politica – ha    precisato il Ministro-  , quella di dimostrare  e confermare quanto la visione e la concretezza  del lavoro  quotidiano e costante  siano la dimostrazione che  chi crede in un progetto e  sa coinvolgere istituzioni,  privato sociale , realizza passo dopo passo   grandi opere. Questa  lo è!”

Tutte le autorità intervenute , gli operatori del Centro Nazionale  “Una breccia nel muro”, le famiglie dei bambini autistici, ne sono convinti, entusiasti per aver trovato un luogo accogliente , sereno, luminoso dove c’era una  scuola  e oggi ci sono mura rinate  con una breccia di solidarietà e impegno civile.

 

Gilda Ricci