Tassa di soggiorno, Cammarota: “L’amministrazione si svegli, non c’è più tempo. Si decida: sia gratuita fino a dicembre o sia una tassa di scopo”.

0
729

Mancano pochi giorni e la tassa di soggiorno, salvo nuovi provvedimenti, si dovrà pagare. Nessun atto amministrativo, nessuna indicazione per albergatori e gestori di strutture ricettive, generando così il caos e perdendo ulteriori occasioni per la città e per la casse comunali”.

Così Antonio Cammarota, presidente della commissione trasparenza in merito alla tassa di soggiorno che dal primo luglio tornerà in vigore.

“Avevamo chiesto – spiega Cammarota – per evitare confusione la gratuità fino al 31 dicembre, ed invece ci siamo ritrovati con provvedimenti spezzatino. Ad oggi, nonostante l’intesa Stato – Città sul rimborso per i mancati proventi il comune di Salerno ancora non ha deciso il da farsi”.

Delle due l’una, incalza Cammarota: “O con atto amministrativo si consente ancora la gratuità o si riattivi individuando dei parametri precisi. La tassa di soggiorno, sia tassa di scopo per incrementare servizi turistici, trasporti e iniziative”. “Sia una opportunità per i turisti, per gli imprenditori e per la città. Non sia una semplice gabella ma sia qualcosa di concreto. Ribadiamo, inoltre, la necessità di convocare il Consiglio comunale per affrontare temi finanziari, ricordando, infine, che è scaduto il termine per l’approvazione del bilancio”, conclude Cammarota.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here