Salernitana, ancora una sconfitta con 4 reti al passivo, il Torino vince 4-0. Ore calde per Castori, si parla già di Maran.

0
393
Torino’s Tommaso Pobega score the gol (3-0) during the italian Serie A soccer match Torino FC vs US Salernitana at Olimpico Grande Torino Stadium in Turin, Italy, 12 september 2021 ANSA/ALESSANDRO DI MARCO
Infissi a Salerno con lo sconto del 50% ecobonus - preventivi gratuiti

Un poker per ripartire: il Toro travolge la Salernitana, Juric trova il primo successo sulla panchina granata dopo le sconfitte contro Atalanta e Fiorentina e allo stadio Grande Torino si torna a respirare un entusiasmo che non si vedeva da tempo, non solo a causa del Covid e degli impianti chiusi.

Il 4-0 firmato da Sanabria nel primo tempo e da Bremer, Pobega e Lukic nella ripresa, è un’enorme iniezione di fiducia in vista del proseguimento della stagione.

Per la Salernitana, invece, terza sconfitta consecutiva.

Nei primi minuti di gara si fanno sentire la preoccupazione degli zero punti conquistati e la paura dell’ultimo posto in classifica, così Toro e Salernitana partono con il freno a mano tirato. Poi, nella seconda metà del primo tempo, la squadra di Juric ci prova sull’asse degli esterni, con Ansaldi a cercare gli inserimenti di Singo, ma Belec non è mai impegnato. Proprio l’esterno argentino trova il vantaggio con un bel pallonetto, ma la sua posizione di partenza sul lancio di Bremer è irregolare.

Tra il 37′ e il 38′ esce fuori la squadra campana: prima Bonazzoli va in pressing su Milinkovic-Savic che si attarda nel rinvio e rischia tantissimo, poi con Di Tacchio che di testa anticipa Zima ma il pallone è respinto dal palo. Proprio allo scoccare del 45′, ecco il gol che fa esplodere il Grande Torino: cross perfetto di Ansaldi, Sanabria sovrasta Gagliolo e Ruggeri e insacca alle spalle di Belec.

All’intervallo Castori è costretto a sostituire Ruggeri, infortunato, e poi inserisce Lassana Coulibaly e Djuric.

Milinkovic-Savic mostra i suoi difetti nelle uscite ma la Salernitana non ne approfitta e il Toro trova il raddoppio: è ancora un traversone di Ansaldi a mandare in crisi la difesa campana, Bremer salta più in alto di Gagliolo e fa 2-0. Da una parte fanno il loro esordio Praet e Pobega, dall’altra è il battesimo di Ribery. Iil centrocampista di proprietà del Milan firma il tris in mischia.

Il sigillo sul 4-0 finale è di Lukic in pieno recupero. Il Grande Torino esulta, è la prima vittoria di Juric. Per la Salernitana, invece, i numeri cominciano a preoccupare: due reti fatte, addirittura 11 quelle subite.
(ANSA).

Queste le parole dette da Fabriizo Castori, in conferenza stampa, sulla sconfitta di Torino per 4-0.

“Un conto è perdere 2-0, un altro tornare a casa con una umiliazione. Siamo una neopromossa e siamo perfettamente consapevoli che ci aspetta un campionato di grande sofferenza, ci vorrebbe un pizzico di spensieratezza e spregiudicatezza in più. Purtroppo, dopo tre giornate, ho la sensazione che la palla scotti tra i piedi e che i ragazzi siano convinti che da un momento all’altro commetteranno un errore decisivo. Così non va bene”.

Proseguendo nella disamina il tecnico dei campani ha aggiunto: “Ci sono tutti i presupposti per risalire la china, mancano ancora 35 partite, ma è determinante cambiare registro. Continuiamo a subire sempre gli stessi gol, è un peccato perchè reggiamo abbastanza bene specialmente nei primi tempi ma usciamo dalla gara alle prime avversità”.

Analizzando la partita, Castori ha sottolineato: “Posso dire che, sull’1-0 per il Torino, c’è stata una chance importantissima per Djuric e potevamo fare 1-1. Anche successivamente Bonazzoli ha cercato la giocata con Ribery ed è stato anticipato di un soffio. In A non ti perdonano e devi portare gli episodi dalla tua parte. Non sono preoccupato, ma arrabbiato. Riprenderemo a lavorare con la consapevolezza che possiamo farcela e che, a volte, le grandi imprese si costruiscono gestendo con intelligenza le difficoltà”.

Fabrizio Castori è in serio rischio esonero, per la figuraccia rimediata. E soprattutto, in queste prime 3 giornate non ha rimediato neanche un punto. A differenza, invece, delle altre due neopromosse che hanno 3 punti. L’Empoli li ha rimediati, clamorosamente contro la Juventus. Il Venezia, proprio contro la squadra toscana al Castellani.

la Salernitana potrebbe già aver trovato il sostituto. Si tratta di Rolando Maran (fonte, tuttomercatoweb). È il profilo più in pole in questo momento. Il tecnico trentino è reduce da un’esperienza negativa come allenatore del Genoa. Fu esonerato, infatti, a dicembre dello scorso anno. È in cerca di riscatto e, sicuramente, sulla panchina della squadra campana può avere un’altra chance. Nel caso venga acquistato avrà il duro compito di portare i granata alla salvezza.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here