Reginella, omaggio alla canzone napoletana, torna il Maiori Music Festival, sabato 17 alla Collegiata.

0
1240
funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

Sarà il concerto del 18 maggio, “Reginella, omaggio alla canzone napoletana, ad inaugurare la nuova stagione concertistica del Maiori Music FestivaI, un cartellone ricco che include concerti e spettacoli, 25 in tutto, distribuiti tra i luoghi più rappresentativi di Maiori e che coinvolgeranno artisti nazionali e internazionali e eccellenze regionali, un percorso artistico di grande prestigio che culminerà con il Festival agli inizi del mese di Settembre.

Quaranta voci di bambini, componenti il giovane coro dell’Istituto comprensivo Collecini – Giovanni XXIII di S. Leucio (Caserta), interpreteranno brani della tradizionale canzone napoletana, elaborati e trascritti dal M°Claudio De Siena, nella Collegiata di S. Maria a mare a Maiori (ore 18,30). La giovane corale è nata nel 2016 e è composta da quaranta allievi delle classi seconde e terze della scuola secondaria di primo grado dei plessi S. Leucio, Castel Morrone e Casola. Il repertorio che esegue è basato principalmente sull’interpretazione di brani appartenenti alla canzone napoletana popolare e d’autore adeguatamente elaborati e trascritti da Claudio De Siena che è anche il pianista accompagnatore. Il coro ha partecipato e vinto numerosi concorsi musicali di rilievo nazionale, europeo ed internazionale. Innumerevoli le partecipazioni a eventi come a esempio l’esibizione nel Complesso Monumentale del Belvedere di S. Leucio con l’accompagnamento della U.S. Naval Force Europe Band (Banda della NATO). Tra le tante attività del coro è da ricordare l’ incisione del CD “Reginella, 100 e non sentirli”, una raccolta di brani tratti dalla tradizione musicale napoletana. Il programma del concerto in Collegiata a Maiori prevede tra le più belle e note arie napoletane con l’accompagnamento al piano e la direzione del M° Claudio de Siena: I’ te vurria vasà!… (Vincenzo  Russo – Eduardo Di Capua) 1900; Anema e core (Salve D’Esposito – Tito Manlio) 1950; Torna a Surriento (Giovanbattista De Curtis – Ernesto De Curtis) 1904; Napule è (Pino Daniele) 1977; Funiculì Funiculà (Giuseppe Turco – Luigi Denza) 1880; Reginella (Libero Bovio – Gaetano Lama) 1917; Carmè Carmè (Totò) 1935); ‘O surdato ‘nnammurato (Aniello Califano – Enrico Cannio) 1915; Michelemmà (Canto Popolare) 1650;  Canto delle lavandaie del Vomero (Canto Popolare) 1250; Simmo ‘e Napule paisà (Giuseppe Fiorelli – Nicola Valente) 1944; Voce ‘e notte (Eduardo Nicolardi – Ernesto De Curtis) 1904; Passione (Libero Bovio – Ernesto Tagliaferri / Nicola Valente) 1934; ‘O sole mio (Giovanni Capurro – Eduardo Di Capua) 1898; Dicitencello vuje (Enzo Fusco – Rodolfo Falvo) 1930.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here