Opere d’arte rubate e portate nelle ville in Costiera, recuperate dai Carabinieri.

0
947
funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

Rubati alle chiese, anche quelle terremotate dell’Aquila da anni inagibili, per decorare una serie di ville della Costiera amalfitana da dare in affitto a ricchi villeggianti.

E’ il paradossale destino di 37 piccoli e grandi capolavori dell’arte, un tesoro di tele e di tavole nel quale spiccano cinque pale d’altare, ma anche uno splendido “Cristo che prega nell’orto” attribuito a Guido Reni, che i carabinieri dei beni culturali (Tpc) hanno recuperato al termine di un’indagine partita nel settembre 2017 e coordinata dalla Procura della Repubblica di Salerno.

Un bottino accumulato in 20 anni di furti messi a segno un po’ in tutta Italia e per il quale sono state denunciate tre persone. In particolare le pale, risalenti al ‘600 e ‘700, erano state trafugate prima del dicembre 2012 da San Nicola a Capestrano e San Giacomo Apostolo a Scoppito, due chiese dell’aquilano martoriate dal terremoto e non ancora riaperte al pubblico. Il Cristo di Reni era stato rubato, invece, ad una famiglia nobiliare napoletana. (ANSA)

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here