IL PROFESSOR ANIELLO DI MAURO RACCONTA FERNANDO PESSOA  A “LA CONGREGA LETTERARIA “ DI VIETRI SUL MARE.

Dopo il successo del 2023 Vittoria Assicurazioni, in occasione del Torneo Italiano di Beach Rugby, torna sulle spiagge d’Italia con il Vittoria for Women Tour con Federazione Italiana Rugby e Specchio dei tempi. In ogni tappa sarà possibile sostenere la lotta contro i tumori femminili con una donazione, fare una visita senologica gratuita e divertirsi al Vittoria Village.
Studio di dermatologia e medicina estetica della dottoressa Alessia Maiorino a Salerno
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

“La poesia è una falsa felicità che è felicità”.   “ La regola del mondo è la disarmonia non l’armonia”, “Possiamo morire solo se amiamo”, sono alcune delle frasi di  Fernando Pessoa, uno dei più grandi poeti del ‘900: un uomo piccolo, quasi insignificante, con i baffetti, gli occhialini, il suo cappello nero a falde larghe; un uomo dall’aspetto goffo e sgradevole, come lui stesso diceva, che non si stimava, che non aveva certezze; una persona infelice e sola che vedeva il mondo con la meraviglia e lo stupore di un bambino: un genio della poesia.  A raccontare la vita, la poetica del “poeta dell’abisso” è stato  il professor Aniello Di Mauro, già docente di Latino e Greco nei licei salernitani, in occasione del primo degli  “Incontri Letterari” organizzato presso  la  meravigliosa  villa settecentesca “Palazzo Suriano Heritage Hotel” di Vietri  sul Mare dei fratelli Camillo e Carlo De Felice, dall’associazione culturale vietrese ”, diretta artisticamente dal professor Antonio Gazia e  da Alfonso Vincenzo Mauro, con il  sostegno  dell’Amministrazione Comunale di Vietri sul Mare nelle persone del Sindaco Giovanni De Simone e dell’Assessore alla Cultura Antonello Capozzolo.

Il professor Di Mauro ha raccontato che Pessoa nacque a Lisbona il 13 giugno del 1888 e che morì di cirrosi epatica il 30 novembre del 1935, all’età di 47 anni:” Per un trentennio fu una presenza fondamentale sulla scena letteraria del suo Paese, solo dopo cinquant’anni di studi sul poeta venne assurto a patrimonio di tutti: dopo la sua morte, fino ad oggi, dal “baule” prodigioso dei suoi manoscritti sono continuati ad uscire testi che rendono sempre più intricato e vertiginoso il mondo di questo scrittore che più che uno scrittore, fu un’intera letteratura”. Di Mauro ha ricordato che Pessoa scriveva a proprio nome o con vari “eteronomi”: ” Alvaro de Campos, Bernardo Soares, Riccardo Reis: ognuno provvisto di una propria personalità anagrafica, di una realtà esistenziale, seppure fittizia, e di un proprio stile; “una sola moltitudine” che nasceva dall’invenzione dissociata e proliferante di una sola persona in carne e ossa, Fernando Pessoa“. Di Mauro ha spiegato che Freud, Pirandello e Pessoa hanno scoperto che l’individuo non esiste, che siamo tutti divisi: ” Per questi autori non si sa più qual è l’io, e quindi l’io non è più misura del mondo, ma l’unica cosa da fare è sdoppiarsi e guardarsi vivere”.  A recitare alcuni brani del libro più famoso di Pessoa “Le Inquietudini” è stato il professor Luigi Alfinito. Il libro è stato firmato con il nome di Bernardo Soares come ha spiegato il professore Di Mauro :” Pessoa è un universo poetico che offre immensa materia da esplorare per la complessità della sua persona in cui le contraddizioni forniscono una visione multipla della vita. La poesia di Pessoa è uno specchio riflettente in cui la figura del poeta riproduce tante altre figure che, nella visione sono diverse, ma nella realtà sono una cosa sola. In questo consiste l’originalità e l’universalità di Pessoa la cui immaginazione non conosce limiti e abbraccia il mondo intero”. (Foto di Edoardo Colace).

Aniello Palumbo