Abbinamento vino bianco e pesce, un accostamento dovuto al Tannino

0
367
Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture

Sentiamo spesso dire che il vino bianco si sposa a meraviglia con il pesce, come una sorta di legge universale. In pochi però sanno per quale motivo nasce questa consuetudine e perché il vino bianco in effetti riesca ad adattarsi in modo eccellente al pescato. Tutto dipende dal tannino, una sostanza naturale contenuta nel vino, che nel vino bianco è contenuta in quantità minore perché di solito non si esegue la macerazione delle bacche, che è appunto responsabile della produzione di questa sostanza. Approfondiamo l’argomento nel dettaglio.

Il pesce si abbina al vino bianco? Merito del tannino

Per prima cosa, il pesce è un alimento generalmente meno saporito rispetto ad altri come la carne, quindi il gusto del vino dev’essere più sobrio e leggero, per non sovrastare i sapori del pescato. Il sapore del vino dipende proprio dalla quantità di tannini, che nei bianchi è abbastanza bassa, al punto da permettere di conservare al palato la capacità di gustarsi qualsiasi alimento delicato. La bassa percentuale di tannini nel vino bianco conferisce a quest’ultimo alcune caratteristiche che, in gergo, sono indicate come freschezza e acidità.

L’acidità favorisce la pulizia della bocca dai cibi con i quali è entrata in contatto in precedenza, e questo aiuta ancor di più ad assaporare i gusti poco accentuati come quello del pesce. In linee generali, dunque, vale questa regola: con un cibo leggero, sia esso pesce o altro, bisogna sempre e comunque abbinare un vino leggero come il bianco.

Vini bianchi da abbinare al pesce: quali sono le opzioni?

Si comincia con una lista di vini bianchi made in Italy che si sposano perfettamente con il pesce, come ad esempio il Val d’Arbia e il Velletri DOC, insieme al Friuli Aquileia, ottimi per gli accostamenti con pesci come il cefalo, gli agoni fritti e le acciughe. Nella lista si inseriscono anche il Pomino DOC con lo scorfano ai funghi, il Vernaccia di San Gimignano con il dentice brasato, e il Montecarlo DOC con le capesante.

Oltre ai classici bianchi italiani, come il Vermentino e la Falanghina, si possono provare poi sapori più ricercati da abbinare ai propri primi di pesce, come ad esempio gli Chardonnay e i Pinot grigi della cantina vini Borgogna disponibili su Tannico, vini dal gusto ricercato e corposo, ottimi per occasioni speciali. Le opzioni in termini di abbinamento sono potenzialmente infinite, dato che è possibile combinare tanti ottimi vini ad altrettanto ottime ricette a base di pesce, come il Bolgheri col merluzzo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here