Tutela del lavoro e sicurezza dei prodotti, operazione dei Carabinieri nell’Agro.

0
432
20080410 - SANT'ANTONIO ABATE (NAPOLI) - CRO INCIDENTI LAVORO: MORTO NEL NAPOLETANO, SCHIACCIATO DA CASSE Copero da un telo termico, nell'area di scarico di una industria conserviera di Sant'Antonio Abate, vicino Napoli, il corpo di Massimo Borriello, l'operaio di 36 anni morto schiacciato da una pila di casse cadute da un muletto. Un uomo, Massimo Borriello, 36 anni, è morto in un incidente sul lavoro. E' stato schiacciato da alcune casse che venivano scaricate in un deposito di un industria conserviera di Sant'Antonio Abate, in provincia di Napoli. (ANSA).
Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture

Se ritenevano che il tempo di permanenza in bagno dei lavoratori era eccessivo la paga veniva decurtata e, talvolta, anche annullata del tutto.

E’ quanto avrebbero appurato i carabinieri del Reparto Tutela Agroalimentare di Salerno che oggi, al termine di indagini coordinate dalla Procura di Nocera Inferiore, hanno notificato due misure cautelari nei confronti altrettanti imprenditori ai quali i militari, il 26 maggio 2021, avevano sequestrato – d’urgenza – 800 tonnellate di concentrato di pomodoro egiziano contenenti pesticidi oltre il consentito, in parte già venduto e spacciato per un prodotto italiano.

E proprio dal prosieguo di quelle attività investigative che sono emersi gli indizi che hanno convinto gli inquirenti a chiedere e ottenere dal giudice i provvedimenti. Ai due soci – A.P.M.T. e A.D.M. – di una industria conserviera dell’ago-nocerino-sarnese sono stati notificati rispettivamente una misura cautelare agli arresti domiciliari e un divieto di dimora.

Ai loro dipendenti, inoltre, sottoposti anche a turni massacranti, anche di 43 ore continuative, sarebbero stati corrisposti 4,35 euro per ciascuna ora di lavoro.

Contestualmente è stato notificato anche un sequestro preventivo, finalizzato alla confisca, di quasi 980mila euro che, secondo gli inquirenti, corrisponderebbe ai costi d’impresa risparmiati illegalmente attraverso le presunte condotte illecite. Sanzioni amministrative, per 275.600 euro infine, sono state comminate dalla Direzione Provinciale dell’Inps. Tra i lavoratori, che venivano tenuti sotto controllo anche attraverso i sistemi di videosorveglianza, figurano stranieri ma anche molti italiani. (ANSA).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here