Quale sarà il futuro per le imprese dopo il Covid – 19? A spiegarlo il professor Rodolfo Vitolo al “Rotary Club Salerno Est”.

0
1272
Villaggio Turistico Golden Beach a Paestum in Cilento, bandiera blu, prenota la tua vacanza al mare

 ” Ricerca e innovazione sono le parole d’ordine che dovranno guidare gli imprenditori, soprattutto i più giovani, se vorranno superare gli effetti negativi generati dalla diffusione del Covid – 19 in un momento così delicato per l’economia del nostro Paese”. A spiegare quale sarà il futuro per il mondo delle imprese, è stato il Professor, Avvocato Rodolfo Vitolo, Ordinario del Dipartimento di Scienze Aziendali – Management & Innovation Systems dell’Università di Salerno, socio del “Rotary Club Salerno Est”, presieduto dal dottor Dino Bruno, che è stato protagonista dell’interessante incontro tenutosi presso il “Saint Joseph Resort” di Via Allende. Dopo essere stato introdotto dai soci del Club : Antonio Vairo e Generoso Andria, il professor Vitolo ha spiegato che :”La pandemia ha comportato una vera e propria «fibrillazione» del sistema delle imprese , già messo a dura prova dalla globalizzazione: dalla competizione a livello mondiale sui mercati” e che il fabbisogno finanziario occorrente al sostegno ed allo sviluppo delle PMI per l’emergenza Covid-19 passa per gli Istituti di credito:” La legislazione prodotta a seguito del lockdown prevede una serie di interventi a sostegno delle imprese, che però non si sono ancora concretizzati. Le banche però non possono erogare finanziamenti solo perché lo dice il Governo che ha fatto e disfatto i decreti senza prevedere per gli istituti bancari processi esecutivi definiti”.

Il professor Vitolo è favorevole al Mes:” Si stanno facendo soltanto inutili discussioni per portare avanti battaglie politiche senza capire che i benefici che ci può dare l’Europa sono enormi: è il caso di utilizzare tutti gli strumenti d’implementazione del sistema che generano PIL ”. L’utilizzo del remoto ha aperto scenari impensabili fino a sette mesi fa :” Sicuramente l’esperienza del lockdown è servita comunque a farci comprendere che il mondo dei rapporti economici si è trasformato e che lo smartworking rappresenta il prossimo futuro anche se però incide sulle relazioni familiari e parentali: in questo periodo c’è stato un aumento esponenziale di separazioni e divorzi, anche a Salerno, perché lavorando a casa si crea il problema della conflittualità latente”. Ma fino a che punto lo smartworking può entrare nella cultura del nostro Paese? “ Non tutte le prestazioni possono essere svolte a distanza. Conterà anche la cultura dei singoli capitani d’industria: i tradizionalisti non amano lo smartworking”. (Pubblicato su “Il Quotidiano del Sud” edizione di Salerno).

Aniello Palumbo

 

 

 

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here