I Concerti d’Estate di Villa Guariglia in Tour, giovedì 21 Marco Zurzolo alla Tenuta dei Normanni, venerdì 22 la danza a Fratte.

0
73

Giovedì 21 luglio, alle ore 21, i “Concerti d’Estate di Villa Guariglia in Tour” si sposteranno alla Tenuta dei Normanni (Giovi Bottiglieri, 64 – Salerno), per il concerto di Marco Zurzolo “I Napoletani non sono romantici” in quartetto con Marco De Tilla (contrabbasso), Carlo Fimiani (chitarra) e Vittorio Riva (batteria). Ingresso 10 euro.

“I Napoletani non sono romantici, per niente. Sono emotivi. Che è tutt’ altra cosa, e di una emotività violenta e disperata quale quella che nasce da secoli di stress. Per questo in certi momenti sono anche allegri. Per la felicità che nasce solo perché in certi momenti riescono a sfuggire all’angoscia”. (Elvio Porta, dal libro “I Napoletani non sono romantici”). Marco Zurzolo usa in questo progetto un doppio magma creativo, parola scritta e omaggio ad un amico scomparso povero e solo nel 2016, lo sceneggiatore Elvio Porta. A Zurzolo aveva lasciato otto “microracconti”, come piccoli spartiti che Zurzolo ha raccolto in un libro assieme a personali memorie di altri affetti dai quali è stato lasciato solo fisicamente, il fratello Rino, contrabbassista, unitamente a Pino Daniele, una triade inscindibile. Zurzolo, ha legato con un doppio filo queste tessere, intessendole con 14 brani, che si possono ascoltare in Qr-Code nell’agile volumetto “I napoletani non sono romantici”, in libreria per Colonnese editore.

Per una sera ancora si riaccenderà la magia di brani poetici, unitamente a pagine della tradizione partenopea – “Tammurriata nera” sapientemente miscelata con brani della tradizione napoletana come “’O surdat ‘nnamurat” – attraverso cui Zurzolo, frugando soprattutto nella sua memoria, contribuirà a ricreare un’atmosfera le cui melodie rappresentano la storia di un popolo che attraverso altissimi versi e musica immortale, si è posto in cammino, cantando il suo amore, aprendosi ad ogni contaminazione. Immancabile sarà il ricordo del fratello Rino Zurzolo (contrabbassista), scomparso quattro anni or sono, attraverso le note di «È la mia musica» e «Rino», in una storia infinita fatta d’incroci sonori. Ognuno di noi ha una propria colonna sonora e sul filo delle parole ascolteremo “Indifferentemente”, “Lazzari Felici” e, certamente, “A me mi piace o blues” tributo all’amato Pino Daniele. Colui che ascolta e colui che canta vi ci troverà un amalgama perduto di passato, presente e futuro. Su questo ponte, finché la musica persiste, si andrà avanti e indietro.

Venerdì 22, alle ore 21 si tornerà all’Area Archeologica di Fratte per il primo appuntamento dedicato all’arte tersicorea. Due saranno le compagnie che si alterneranno sul palco dei Concerti: l’ARB Dance Company  con “Beyond Boundries” (coreografia e costumi di Maria Caruso, direzione artistica di Annamaria Di Maio) e La Dance Company con Legami (regia e coreografia di Alex Atzewi, direzione artistica di Maria Vittoria Maglione e Caterina Ceravolo). Ingresso 8 euro.

Il festival, ideato da Antonia Willburger, è organizzato dal CTA di Salerno in collaborazione con la Provincia di Salerno, il Conservatorio Statale di Musica “G. Martucci” di Salerno, la Camera di Commercio – Coldiretti Salerno, la Fondazione di Comunità Salernitana e con il patrocinio del Comune di Salerno e della Fondazione Carisal. I Concerti d’estate di Villa Guariglia in Tour quest’anno sono rete con le seguenti associazioni: Campania Danza, Compagnia del Giullare, Gestione Musica, Porto delle Nebbie e Spazio Up Arte che cura l’iniziativa “in rima agli alberi”.

 

Per info e prenotazioni: 3294158640 – 089 226979

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here