“Fratelli Tutti”, l’Enciclica di Papa Francesco spiegata da Don Tonino Palmese.

0
629
Infissi a Salerno con lo sconto del 50% ecobonus - preventivi gratuiti

  “O siamo fratelli o ci distruggiamo a vicenda” è stato il titolo dell’incontro organizzato su piattaforma dalle associazioni: “Soroptimist International Salerno” , presieduto dalla professoressa Giulia De Marco,  “Hortus Magnus” e “Parco Storico Sichelgaita”, presiedute dalla professoressa Clotilde Baccari Cioffi, durante il quale Don Tonino Palmese, professore di teologia e Vicario Arcivescovile della Diocesi di Napoli per il Settore Carità e Giustizia, ha approfondito i contenuti della terza enciclica di Papa Francesco,  “Fratelli Tutti”, scritta nel suo ottavo anno di pontificato, durante la pandemia. “ Papa Francesco ha scritto che l’emergenza sanitaria globale è servita a dimostrare che “nessuno si salva da solo” e che è giunta davvero l’ora di “sognare come un’unica umanità” in cui siamo “tutti fratelli” –  ha spiegato  Don  Tonino Palmese  che ha parlato di fratellanza, amicizia e  solidarietà – “ La solidarietà è il principio di pianificazione sociale che permette ai diseguali di diventare uguali,  la fraternità consente agli eguali di essere persone diverse. E’ questo il concetto di fratellanza espresso nell’Enciclica, secondo il quale tutti sono cittadini del mondo, con uguali diritti e doveri, nuovo paradigma per risolvere i problemi attuali dell’umanità”.  Don Tonino ha spiegato che l’enciclica di  Papa Francesco offre una lettura  di carattere multidisciplinare  sulla questione umanità:” La riflessione che ci offre Papa Francesco è totalmente radicata sul Vangelo e sul Concilio Vaticano II. L’icona evangelica che presenta all’Umanità e alla Chiesa è la parabola del buon samaritano. Per conoscere  Dio bisogna conoscere l’uomo che diventa finalmente umano, perché se  è disumano non può conoscere Dio”. Nell’Enciclica il  Papa, lancia l’allarme anche contro una “cultura dei muri” che favorisce il proliferare delle mafie, alimentate da paura e solitudine:” Il   tema delle mafie  è stato molto rivisitato all’interno dell’esperienza della religione cattolica.   Lo studio delle religioni ci ha dimostrato che le regioni più cattoliche del mondo, o dove il cattolicesimo è stato portato, sono state anche le regioni che più hanno subito il tema delle mafie. Le regioni più cattoliche sono quelle dove la mafia si è sviluppata:  la logica di un certo perdono ha determinato la possibilità della doppia morale: “nella vita posso fare il mafioso, nella Chiesa posso fare il cattolico che si confessa”.  Per avere il perdono è necessario, oltre a restituire quanto si è rubato, restituire  anche la verità. Si ritorna a Dio solo se  si restituisce il danaro e la dignità” . Don Tonino ha terminato il suo intervento recitando una  preghiera “ che è respiro dell’anima”: quella  che conclude l’Enciclica:” Affinché nel cuore degli uomini alberghi “uno spirito di fratelli”. (Pubblicato su “Il Quotidiano del Sud” edizione di Salerno).

Aniello Palumbo

 

 

 

 

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here