Facoltà di Medicina, l'Ordine dei Medici precisa: nessun disinteresse per Cava. Sì a delocalizzazione Odontoiatria.

Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Studio di dermatologia e medicina estetica della dottoressa Alessia Maiorino a Salerno
Dopo il successo del 2023 Vittoria Assicurazioni, in occasione del Torneo Italiano di Beach Rugby, torna sulle spiagge d’Italia con il Vittoria for Women Tour con Federazione Italiana Rugby e Specchio dei tempi. In ogni tappa sarà possibile sostenere la lotta contro i tumori femminili con una donazione, fare una visita senologica gratuita e divertirsi al Vittoria Village.
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

brunoraveraIn merito alle recenti polemiche sulla Facoltà di Medicina dell’Università di Salerno, l’Ordine dei Medici di Salerno precisa quanto segue:
Il giorno 4 marzo l’Ordine viene a conoscenza di un comunicato della CISL Federazione Università segreteria provinciale, in cui è scritto testualmente:

“I Segretari della CISL hanno chiesto al Commissario Straordinario e al Prorettore un impegno affinché il nuovo atto aziendale determini la delocalizzazione delle attività universitarie dal “Ruggi” di Salerno al presidio ospedaliero “Gaetano Fucito” di Mercato San Severino , dal punto di vista strutturale ben si presta a modello di “piccolo policlinico ospedaliero” e salvaguardare il presidio ospedaliero di Cava de’ Tirreni laddove, lo stesso atto, preveda i posti letto per le attività universitarie”.

Presa visione di detto comunicato l’Ordine ha espresso la sua netta contrarietà alla delocalizzazione delle attività universitarie dal San Giovanni e Ruggi d’Aragona di Salerno al Presidio Ospedaliero Fucito di Mercato San Severino.

Nel comunicato richiamato non si è parlato della delocalizzazione dell’Odontoiatria, ipotesi che l’Ordine approva e che non ha alcuna difficoltà a condividere. Vi è da aggiungere che nel nostro comunicato si fa esplicito riferimento a: “Altra cosa è parlare di delocalizzare qualche settore, su cui l’Ordine è d’accordo, come si è incominciato a fare per esempio con la medicina legale, valutando obiettivamente le disponibilità e le attitudini dei vari presidi”.

L’aver ipotizzato un disinteresse dell’Ordine per gli Ospedali di Cava e di Curteri può essere un pretesto per una polemica sui giornali, a cui l’Ordine non è interessato, ma non rappresenta il rispetto della verità, cosa che invece si intende ripristinare con l’attuale comunicato.