La BCE taglia i tassi, cosa cambia per conti correnti e mutui.

0
585
Infissi a Salerno con lo sconto del 50% ecobonus - preventivi gratuiti



Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture


BANCHE: ABETE, ATTEGGIAMENTI VOLUBILI AGENZIE RATINGNei giorni scorsi il Presidente della BCE Mario Draghi ha tagliato nuovamente i tassi di interesse (se pur di soli 10 centesimi): una sorpresa per i mercati, tant’è che le borse hanno registrato record. Ma se le azioni e i titoli di Stato dell’Eurozona hanno festeggiato fin da subito, per assistere agli effetti sulle banche e sull’economia reale occorrerà un po’ più di tempo.

La mossa sui tassi ha soprattutto un valore simbolico, perché è il segnale del fatto che la Bce ha ben presente le difficoltà dell’Eurozona (a partire dal rischio deflazione) e che soprattutto è disposta a fare di tutto per mantenere i tassi di interesse bassi per un periodo decisamente lungo.

Cosa cambia per le banche

La riduzione di un decimo dei tassi rende ancora più a buon mercato per le banche finanziarsi presso la Bce e le incentiva a partecipare alle nuove aste finalizzate alla concessione di prestiti alla clientela (Tltro) che prenderanno il via esattamente fra due settimane. In fondo è al momento essenzialmente questo lo strumento principale attraverso il quale Francoforte intende evitare il “credit crunch” e limare le differenze esistenti all’interno dell’Eurozona.

Cosa cambia per i cittadini: i mutui futuri

La misura agevola certamente la strada per ulteriori riduzioni dei tassi nei prossimi mesi. Gli spread sui mutui cominciano a scendere sotto il 2%, e a livello di tassi fissi si è giunti ai nuovi minimi storici di sempre con tassi sotto il 4% anche per durate di 20 e 30 anni.

Variabile con Euribor

Per coloro che hanno già stipulato un mutuo a tasso variabile, l’ulteriore taglio dei tassi porterà ancor più vicino a 0 gli indici Euribor, a cui è agganciato il 98% circa dei mutui a tasso variabile.

Variabile con Bce

Stesso discorso per coloro che hanno un mutuo a tasso variabile agganciato al tasso Bce che, appunto, da oggi è allo 0,05% (dopo essere stato portato a giugno allo 0,15%). Dal prossimo mese le rate scenderanno di circa 6-7 euro al mese (per chi ha un mutuo di 150mila euro da rimborsare in 25 anni).Ma il vantaggio più grande che i mutuatari a tasso variabile ricavano dalle manovre della Bce è che si prolunga il tempo favorevole per beneficiare di Euribor e tassi Bce pressoché azzerati, almeno fino a quando l’economia (e l’inflazione) non riprenderanno a salire.

Scenario per vecchi mutui a tasso fisso

Per chi ha un mutuo a tasso fisso apparentemente non cambia nulla, perché continuerà a pagare la stessa rata.

Le conseguenze sui conti correnti

Il costante calo dei tassi da parte della Bce ha trascinato al ribasso anche i tassi applicati dalle banche ai risparmiatori che scelgono il conto di deposito come soluzione per il risparmio. A settembre 2014 il tasso medio – come emerge dalle rilevazioni di Confrontaconti.it – è sceso all’1,8% a 12 mesi. Con ogni probabilità, la nuova sforbiciata della Bce spingerà molti istituti a riadeguare l’offerta riducendo ancora un po’ il tasso medio applicato.

Conti correnti a tasso ordinario

Quanto ai conti correnti, da tempo ormai la maggior parte degli istituti applica tassi di remunerazione della liquidità molto bassa e vicina a 0, sdoppiando la parte remunerativa su un conto deposito o su altri strumenti di risparmio. La sforbiciata della Bce non farà altro che confermare questa tendenza.

 

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here