I FILM SULLA SHOAH RACCONTATI DA ADOLFO GRAVAGNUOLO

0
452
funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

 La produzione cinematografica internazionale è ricca di pellicole che, in maniera diversa, hanno parlato della Shoah. A fare una panoramica sui principali film che hanno trattato questo argomento, con la giusta sensibilità e con  rigore storico, è stato il dottor Adolfo Gravagnuolo, grande appassionato di cinema,  durante un incontro intitolato “La memoria delle immagini… un percorso di emozioni” organizzato su piattaforma dalle associazioni “Parco Storico Sichelgaita” e “Hortus Magnus”, presiedute dalla professoressa Clotilde Baccari Cioffi, e “Soroptimist International” di Salerno, presieduto dalla professoressa Giulia De Marco.

Il noto imprenditore salernitano ha spiegato che il cinema post bellico ha raccontato i maggiori eventi della guerra, come lo sbarco in Normandia del 6 giugno del   1944 :” Viene rappresentato molto bene in un film del 1962 “Il giorno più lungo”, in bianco e nero, dove si esaminano tutte le operazioni  dello sbarco ma non  si narra nulla del soldato :  non si affronta l’argomento uomo – guerra .Nel tempo c’è stata un’evoluzione nel raccontare cinematograficamente la guerra: con  “Salvate il soldato Ryan” del 1998   si fa comprendere quello che hanno vissuto veramente  i soldati durante la guerra”.    Gravagnuolo ha spiegato che nei film di guerra americani post bellici: ”Il male è stato rappresentato in maniera velata, come un male relativo, come componente della guerra, mentre invece  quello era un male assoluto”.  Gravagnuolo ha anche ricordato che durante  il processo di Norimberga  del 1945  vennero proiettate le pellicole  filmate dai russi che per primi  entrarono nei  campi di sterminio:” La cinematografia  non usa questi filmati:  accantona questo argomento, non lo porta avanti”. Il dottor Gravagnuolo ha raccontato le trame dei film più importanti sulla Shoah: “Diario di Anna Frank”, “Il bambino con il pigiama a righe”, soffermandosi su “La vita è bella” di Roberto Benigni, che ha vinto l’Oscar, e “Schindler’s List” di Steven Spielberg, vincitore di sette Oscar.  “Benigni è un genio! La forza del suo film, bellissimo e delicato, è nell’imprevedibilità: prevale il gioco sul reale. In maniera toccante, creando un romanticismo infantile,   fa la parodia dei campi di sterminio che occupano solo la seconda parte del film”.  Per Gravagnuolo il film che ha rappresentato meglio quel periodo è “Schindler’s List”:” Un  film bellissimo, tratto da un libro,   girato in bianco e nero da  Spielberg che  non ha mai usato immagini di repertorio, ma ha ricostruito tutte le scene. In questo film il cinema si fa storia”. La  professoressa Clotilde Baccari Cioffi ha ricordato le tante  iniziative letterarie che hanno raccontato le storie dei deportati:” A cominciare da  quella di Primo Levi. Nel cinema questo tema è stato trattato molto in ritardo. L’Olocausto è stata una tragedia di cui l’umanità intera si vergogna”. La professoressa Giulia De Marco, ha raccontato del suo incontro con una sopravvissuta al  campo  di sterminio di Auschwitz, Elisa Springer:” Durante l’incontro con i ragazzi delle scuole, al Comune di Salerno, sollevò la manica della sua camicetta  e mostrò il tatuaggio con il numero che aveva sul polso: commosse tutti noi”.  L’attrice Pina Russo ha recitato  il dialogo del ricco usuraio ebreo Shylock tratto da  “Il Mercante di Venezia” di William Shakespeare, mentre il  professor Gennaro Saviello ha  sottolineato  l’importanza delle immagini, della musica,  rispetto alle parole per descrivere e raccontare il dramma dell’Olocausto:” Noi ricordiamo un film anche grazie alla colonna sonora. Il compositore ha un ruolo determinante  : la musica è parte fondamentale del film. Le colonne sonore di Ennio Morricone sono fondamentali per la costruzione stessa delle immagini.  Questa concezione deriva  da una tradizione tutta italiana, quella dell’opera in musica del melodramma”.

Aniello Palumbo

 

 

 

 

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here