“DA CATERINA VOLPICELLI, LA DONNA A SALERNO OGGI”. CONVEGNO AL SALONE DEGLI STEMMI DI SALERNO

0
1331
Infissi a Salerno con lo sconto del 50% ecobonus - preventivi gratuiti



Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture


“ Bisogna vivere la nostra vita sapendo di essere persone che si sono ricollocate nel disegno di Dio. Facendo tesoro dell’esempio di Santi come Caterina Volpicelli possiamo trovare la nostra vocazione alla santità, che è vocazione alla vita, che è vocazione a costruire la storia affinché diventi sempre più storia di salvezza”. E’ questo il messaggio lanciato dall’Arcivescovo di Salerno, Monsignor Luigi Moretti, che ieri mattina ha partecipato al convegno “Da Caterina Volpicelli, la Donna a Salerno oggi”, organizzato nel Salone degli Stemmi della Curia Arcivescovile dalle “Ancelle del Sacro Cuore” in collaborazione con la nuova associazione “Noi Insieme per le Famiglie”, presieduta dalla professoressa Rosa Maria Volpe, che grazie a dei volontari cerca di dare sostegno alle famiglie in difficoltà:” L’obiettivo di questa associazione è la famiglia inserita in una pastorale familiare. Vogliamo stare accanto alle famiglie del territorio anche con l’aiuto di specialisti nel campo pedagogico, scolastico, legale, psicologico e sanitario”. La figura di Santa Caterina Volpicelli, una nobildonna napoletana nata nel 1839 a Piazza Dante, è stata ricordata da Suor Elena Santoro, Vicaria Generale Ancelle del Sacro Cuore di Santa Caterina Volpicelli:” Inaugurò le nuove vie di apostolato, coinvolgendo e promuovendo il laicato nelle attività catechetiche e caritative per l’evangelizzazione delle famiglie e di tutte le fasce di età e condizione sociale. Per aiutare la gioventù, promosse l’associazione delle Figlie di Maria e del Sacro Cuore, i corsi di cultura, la biblioteca circolante e l’orfanotrofio “Le Margherite”. Si prese cura delle ragazze madri, che accoglieva nel suo Palazzo Petrone di Napoli, dei soldati delle caserme, dei malati di colera, dei figli dei carcerati, delle mense gratuite e del prestito gratuito per combattere l’usura. Fondò l’Istituto costituito dalle “Ancelle del Sacro Cuore”, religiose di vita comunitaria con abito laicale, e membri esterni: ”Le Piccole Ancelle” e “Aggregate”. 125 anni fa Caterina Volpicelli venne a Salerno per creare un gruppo di “Piccole Ancelle” e “Aggregate”: “Per portare il Vangelo a tutte le famiglie di Salerno” – ha ricordato Suor Susanna delle Ancelle del Sacro Cuore di Salerno – ” Caterina Volpicelli che ha lottato per i diritti delle donne, il 25 aprile del 2009 è stata proclamata Santa da Benedetto XVI”. I relatori sono stati moderati dalla professoressa Emilia Persiano, che ha ricordato che le donne come Caterina Volpicelli erano fortemente incardinate nella terra: ”Avevano la capacità di cogliere i bisogni ed erano tenaci nel raggiungere l’obiettivo”. Il sociologo Claudio Spina, ha spiegato che Caterina Volpicelli è stata una delle prime donne a fare sistema attraverso associazioni e organizzazioni:” Una sorta di cooperazione per il bene comune. Con la sua semplicità ha realizzato cose grandiose”. La dottoressa Mara Porcaro, psicoterapeuta, ha parlato dei problemi della donna a livello psicologico e di come la donna oggi riesce ad affrontare le difficoltà sociali. La dottoressa Antonia Autuori, imprenditrice salernitana, ha raccontato la sua esperienza portata avanti con consapevolezza e impegno. La professoressa Maria Pellegrino, Aggregata delle “Ancelle del Sacro Cuore”, ha raccontato come sono nate le Ancelle. Interessanti e toccanti le testimonianze di quattro donne salernitane: l’avvocato Giovanna Limongi Apolito, Presidente del Centro Femminile Italiano di Salerno, che da oltre dieci anni è presente sul territorio con il centro antiviolenza; la dottoressa Vilma Tabano, Presidente dell’Associazione Spazio Donna che ha ricordato la nota vicenda subita nel 2012 dalla salernitana Filomena Lamberti che ha raccontato di essere stata sfregiata dal marito che non accettava di doversi separare da lei;   la professoressa Clotilde Baccari Cioffi, Presidente dell’associazione “Parco Storico Sichelgaita” che tenacemente, da tempo, sta lavorando per unire in rete le associazioni, soprattutto di donne, del territorio. A concludere il convegno è stato il parroco del Duomo di Salerno, Don Michele Pecoraro che, accompagnato al piano dall’avvocato Cosimo Palumbo, ha cantato due brani dedicati alle donne: “Ave Maria”, di Fabrizio De Andrè, e “Fili di Cuore” di Marcello Marrocchi.

Aniello Palumbo

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here