Dopo l’ennesimo stop della stagione, ora la panchina di Nicola rischia di saltare

0
18
Davide Nicola

La stagione calcistica 22/23 è ormai entrata nel vivo: sono passati già 2 mesi dal fischio d’inizio della prima giornata di Serie A e, inevitabilmente, i primi verdetti stanno delineando una classifica, seppur provvisoria, ricca di spunti di riflessione interessanti.

Nonostante il cammino delle 7 sorelle, è molto interessante quello che sta accadendo nella cosiddetta tabella di destra della classifica, la quale include alcune squadre che stanno faticando ad esprimere il calcio proposto nella passata stagione o da quelle squadre che si sono salvate dalla retrocessione nella stagione scorsa e che sono chiamate a dover contro-invertire il trend negativo.

Questo è proprio il caso della Salernitana, compagine campana protagonista di una rimonta incredibile nella passata stagione che le ha permesso di scongiurare una retrocessione ormai scontata e, quest’anno, guidata dal mago delle salvezze Nicola: tuttavia, la serie di risultati che finora i granata campani stanno ottenendo non sta soddisfacendo la dirigenza, la quale sta vagliando la posizione di Nicola sempre più in bilico a causa dei risultati altalenanti. Qual è il percorso sinora già fatto e cosa lo potrebbe aspettare nelle prossime settimane?

 

Il cammino della Salernitana finora

La classifica della formazione campana ad oggi parla chiaro: essa si trova a 10 punti dopo altrettante giornate, con 2 vittorie, 4 pareggi e 4 sconfitte, un bottino che la posiziona al 12mo posto.

 

A preoccupare, tuttavia, non è tanto la posizione in classifica che sinora la vede in un’ubicazione di tutto rispetto in confronto a quelle che sono le aspettative stagionali, ma all’estrema altalenanza di risultati che Nicola sta incamerando: le ultime 5 partite hanno visto la compagine campana raccogliere solamente 4 punti, con la sconfitta del tutto pronosticabile a San Siro con l’Inter ma con il tonfo in casa contro il Lecce e, soprattutto, la pesante sconfitta rimediata sul campo del Sassuolo, la quale l’ha vista uscire dal Mapei Stadium con una manita difficile da digerire.

Questo trend altalenante e poco confortante sta portando la dirigenza salernitana a rivedere la posizione in classifica di Nicola e a metterla in dubbio: un’idea di gioco esiste, ma non è sempre visibile e molte volte viene annullata da amnesie tattiche che assumono una rilevanza cruciale dal momento che è sempre più vicina la sosta per il mondiale.

Tuttavia, come potrebbe continuare il percorso della Salernitana nelle prossime giornate? Cerchiamo di analizzarlo criticamente, considerando la caratura dei prossimi avversari e la loro condizione attuale.

 

I prossimi importanti impegni della Salernitana per la panchina di Nicola

Mancano esattamente 5 giornate alla lunga sosta per il Mondiale, con un bottino massimo di 15 punti da raccogliere prima che i giocatori vadano nei ritiri delle proprie nazionali.

I prossimi impegni della Salernitana vedono le trasferte di Roma contro la Lazio, di Firenze e di Monza, dalle quali sarà molto difficile per Nicola guadagnare qualche punto: a fronte di un periodo molto positivo per la squadra di Sarri, in questo momento avversario molto difficile da affrontare, soprattutto in casa, Nicola potrebbe avere qualche chance in più a Firenze, data la situazione molto delicata nella quale si trova la Fiorentina e i prossimi impegni europei che certamente non faranno altro che affaticare i suoi titolari.

Raccogliere almeno un pareggio sarebbe vitale per Nicola, ma il match contro il Monza sarà inevitabilmente uno snodo cruciale per il suo futuro sulla panchina dei campani: vincere quello che ha il sapore di uno scontro diretto per la salvezza potrebbe dare nuova linfa ai ragazzi del tecnico piemontese.

 

Un’importanza primaria la rivestono le 2 partite che la Salernitana dovrà affrontare in casa, le quali la contrapporranno allo Spezia e alla Cremonese, scontri salvezza da non sbagliare per andare alla sosta Mondiale carichi di un bel bottino di punti.

Una cosa è certa: la panchina di Nicola è ancora in discussione e saranno decisive le prossime partite per determinare se è lui il tecnico adatto a far rimanere la Salernitana in A per il secondo anno di fila, compiendo un’altra impresa che avrebbe il sapore di un secondo miracolo!

Sarà una stagione intensa e complicata per la Salernitana, e non potrebbe essere altrimenti, ma così come avvenuto lo scorso anno, il miracolo è possibile. Anzi, rispetto alla passata stagione la partenza è stata migliore. E se gli operatori di scommesse sportive e casino, ovviamente che possono operare in Italia legalmente come quelli su Time2play.com, sono convinti che la Salernitana raggiungerà la salvezza ed anche senza particolari problemi. Queste previsioni saranno rispettate?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here