Trent’anni di “Rotary Club Salerno Picentia”.

Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Compro oro e argento usato, negozi Gold Metal Fusion a Salerno, Battipaglia, Nocera Superiore, Agropoli, Vallo della Lucania. Quotazioni dell'oro in tempo reale, pagamento in contanti immediato, oggetti inviati alla fusione.
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace

“Il Rotary è uno stile di vita!”.  Inizia con questa frase di Paul Harris, il fondatore del Rotary, il pregevole volumetto dedicato al trentennale del “Rotary Club Salerno Picentia”, fondato il 24 maggio del 1993. Per celebrare questo importante traguardo il presidente del Club, il dottor Rocco Di Riso, insieme ai componenti del Consiglio Direttivo e a tutti soci, ha organizzato una meravigliosa serata iniziata con un concerto nel “Chiostro del Convento San Francesco” di Giffoni Valle Piana, dove tutti gli invitati sono stati accolti dalle note degli inni, che sempre aprono le conviviali rotariane, eseguiti dal “Corpo Bandistico Lorenzo Rinaldi” di Giffoni Valle Piana, presieduto dall’avvocato Carlo Sica e diretto dal Maestro Francesco Guida, che ha eseguito un repertorio di brani classici e moderni di grande coinvolgimento emotivo.

Il presidente Di Riso ha ricordato con orgoglio alcuni dei momenti più importanti della storia del Club che sono stati raccontati, anche attraverso numerose foto, nel libro curato dal Segretario del Club, Raffaele Brescia Morra, con il gentile contributo del Consigliere Paola Barbarito, in continuità   con la pubblicazione curata dal Past President Ferdinando Spirito nell’anno di Presidenza del dottor Roberto Napoli. Il presidente Di Riso ha raccontato che il primo nome del Club era “Rotary Club Nord Est Valle dei Picentini”:” La dizione aggiunta “Valle del Picentino” fu proposta dal notaio Gaetano Amato, presidente del “Rotary Club Salerno Est”, nostro Club padrino. Il primo presidente, al quale fu consegnata la Carta, fu il professor Carmine Sica al quale è dedicato il premio, giunto alla XVIII edizione, che quest’anno è stato vinto dalla dottoressa Valentina Russo”. Il presidente Di Riso ha anche raccontato che nel dicembre del 2010 il Club prese il nome di “Rotary Club Salerno Picentia”; ricordato i nomi dei presidenti che negli anni hanno guidato il Club, e spiegato che sui gagliardetti e sulla mattonella che viene donata agli ospiti, realizzata dal compianto Maestro Giancappetti, è riprodotta l’immagine di  un antico vaso “Kotyle”, conservato nel “Museo Archeologico di Pontecagnano”: “La riproduzione di questo vaso vuole essere il simbolo dell’impegno del Club per la valorizzazione del patrimonio storico archeologico della Valle del Picentino”.   Il presidente Di Riso ha anche ricordato le iniziative più importanti realizzate negli anni dal Club e che quest’anno è stato nominato Socio Onorario del “Rotary Picentia” il Magnifico  Rettore dell’Università Federico II di Napoli, il professore salernitano Matteo Lorito.  Di Riso ha ricordato, commosso, alcuni dei soci che purtroppo non ci sono più e il loro forte legame che avevano con il sodalizio rotariano:” Ed è proprio questo solido spirito di appartenenza, unito alla palmare amicizia, che lega tutti i soci, il tratto distintivo del nostro Club”.  Di Riso ha anche ringraziato il dottor Gianfranco Camisa, Direttore Generale del “Campolongo Hospital”; il dottor Giuseppe Pizzuti, CEO della “Molini Pizzuti”, e la dottoressa Antonella Sica”, dell’azienda agricola omonima, per la disponibilità offerta per sostenere la pubblicazione del volume dedicato al trentennale. Le conclusioni sono state affidate al Governatore del “Distretto Rotary 2101” Alessandro Castagnaro, che da architetto ha apprezzato la bellezza del Chiostro “di impronta gotica”, e ricordato di quando, da ragazzo, ha partecipato, in qualità di giurato, al “Giffoni Film Festival”.   Il Governatore, che ha consegnato al Presidente una targa celebrativa per il trentennale, ha riconosciuto la grande coesione tra i soci che caratterizza il Club:” Una delle eccellenze del “Distretto Rotary 2100”, prima, e del “Distretto Rotary 2101” oggi, che con diversi progetti si prende cura del territorio e sviluppa i principi e gli obbiettivi rotariani affinché si possa immaginare un mondo migliore”. Presenti: l’Assessore alla Pubblica Istruzione  del Comune di Giffoni Valle Piana Angela Mele,  che ha portato i saluti del Sindaco  Antonio Giuliano; l’Assistente del Governatore Massimo Carosella; il Formatore Distrettuale Carla Alamo; il Governatore Nominato  Antonio Brando; i Past Governor   Gennaro Esposito, Marcello Fasano e  Giancarlo Calise; i presidenti dei Club Rotary Angelo Gentile e Basilio Angrisani; la Professoressa Marilena Sibillo, presidente della commissione del “Premio Carmine Sica” ; il Presidente Onorario del “Giffoni Film Festival”, Generoso Andria, Past President del “Rotary Club Salerno Est”, e  il Presidente del “Conservatorio Martucci” di Salerno, Luciano Provenza.  A fine serata, all’interno del ristorante “Il Convento”, il soprano Anna Corvino ha eseguito, con grande virtuosismo, un brano augurale. (Foto di Raffaele Brescia Morra).

Aniello Palumbo