Il mostro ha gli occhi azzurri, Giuliana Covella presenta il suo libro sulla strage di Ponticelli alla Fiera di Vietri

Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Compro oro e argento usato, negozi Gold Metal Fusion a Salerno, Battipaglia, Nocera Superiore, Agropoli, Vallo della Lucania. Quotazioni dell'oro in tempo reale, pagamento in contanti immediato, oggetti inviati alla fusione.
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace

Si parlerà anche di un caso che più di 40 anni fa scosse l’opinione pubblica alla Fiera del Libro in corso a Vietri sul Mare in questi giorni.

E’ il caso del delitto di Ponticelli, uno dei più efferati che le cronache ricordino, che viene raccontato ed analizzato da Giuliana Covella, cronista de “Il Mattino”, nel suo lavoro “Il mostro ha agli occhi azzurri” (Guida Editori), dal quale è stata anche tratta una docu-serie su Sky che ha avuto ampi riscontri di successo e di critica.

Più di 40 anni fa, a fine giugno 1983 a Ponticelli, periferia problematica della zona orientale di Napoli, scomparvero due bambine, Nunzia Munizzi di 11 anni e Barbara Sellini, di appena 7. Dopo qualche giorno di ricerca, il 3 luglio, i corpi delle due bambine furono ritrovati nell’alveo Pollena, un torrente in secca. La perizia medica legale svelerà dettagli atroci: Nunzia e Barbara furono violentate, pugnalate a morte e quindi bruciate.

Le prime indagini sembrano portare ad un maniaco del luogo, poi la svolta, vengono arrestati 3 giovani incensurati.

Ciro Imperante, Giuseppe La Rocca e Luigi Schiavo, questi i loro nomi. Senza alcuna prova che ne dimostri la colpevolezza ma solo in base alle accuse, più volte ritrattate davanti ai giudici, di un supertestimone costretto a dichiarare il falso da un pentito di camorra, i tre ragazzi vengono condannati all’ergastolo. Pena confermata in tre gradi di giudizio. Dopo 27 anni di carcere i tre uomini tornano liberi per buona condotta e oggi, a distanza di 40 anni, continuano a rivendicare la loro estraneità ai fatti.

Giuliana Covella, che è coetanea di una delle due bambine uccise, Nunzia, fu molto colpita all’epoca dal delitto, ed è stata proprio l’empatia provata che l’ha spinta a voler mettere le mani su questa vicenda che a più di 40 anni di distanza ha ancora molti punti oscuri.

Appuntamento alle 18:30 alla Torre Vito Bianchi.