I gioielli di Pompei ed Ercolano, lectio magistralis venerdì 15 a Vietri

Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
“I GIOIELLI DI POMPEI ED ERCOLANO: beni rifugio e trasmissione del potere”, lectio magistralis della prof.ssa Aglaia McClintock, docente di Diritto romano e Diritti dell’Antichità all’Università degli Studi del Sannio di Benevento.
Venerdì 15 dicembre, ore 18:30 presso l’Aula Consiliare del Comune, c.so Umberto I n.83, Vietri sul Mare (SA).
_________
Gioielli e bambini erano le “armi” delle donne romane. Gli ornamenta muliebria erano prova di ricchezza, ascendenza, status, capacità di partecipare ai culti religiosi; e sembra che a Roma i gioielli avessero una linea di trasmissione prevista da donna a donna. A partire dalla prima età imperiale i figli presero il posto dei gioielli come dimostrazione di status: non più solo espressione del prestigio della madre, ma una “garanzia comune dei coniugi”.