Linea D'Ombra, presentata la XIX edizione. Dal 13 al 15 novembre al Cinema Teatro Augusteo.

0
27

ImmagineLineadOmbra2014“Fare luce” sulle nuove ed inedite forme in cui ormai si declina la comunicazione artistica: è il tema e la mission di Linea d’Ombra – Festival Culture Giovani, promosso dall’Associazione SalernoInFestival con il sostegno del Comune di Salerno.

La XIX edizione, presentata questa mattina, si svolgerà al Cinema Teatro Augusteo dal 13 al 15 novembre 2014 e sarà all’insegna delle più interessanti espressioni della creatività contemporanea tra cinema, musica, performing e videoarte&web lungo il filo rosso del tema guida, “FIAT LUX” (sia fatta la luce) appunto, spaziando dalle migliori produzioni audiovisive per il cinema breve e il web alle arti performative teatrali e visuali.

Il Cinema Teatro Augusteo allestito in tutti i suoi spazi sarà la location principale della speciale passerella creativa che passa dai più virali video confluiti sulla rete negli ultimi tempi, con uno sguardo particolare sulla videodanza, a una scorpacciata notturna con i capolavori del visionario Stanley Kubrick, condita dai succulenti racconti inediti del suo italianissimo assistente personale Emilio D’Alessandro e, ancora, dal singolare contest teatrale, che vedrà sei compagnie contendersi l’attenzione del pubblico nonostante il diktat “Buio In Sala”, al Concorso dedicato ai cortometraggi prodotti in Europa negli ultimi due anni e a cui hanno aspirato a partecipare oltre 800 filmakers.

Particolarmente preziosa anche la finestra musicale, che proporrà due tappe uniche per il Sud, e i momenti di approfondimento tra cui l’incontro, promosso con il Coordinamento dei Festival Cinematografici della Campania, per ribadire l’urgenza di una legge regionale per il Cinema. Testimonianze speciali attese quelle da Daniele Ciprì e Diego De Silva, e il fumettista Andrea Bruno che presenterà il suo nuovo “Cinema Zenit/1” con un’inedita performance live.

IL CINEMA IN PROGRAMMA Colonna portante dell’evento resta la ‘settima arte’ a partire dal progetto MEC Media Education Cinema, rivolto agli studenti delle scuole superiori e volto ad alimentarne il rapporto con il cinema. Il primo appuntamento dell’iniziativa ‘inaugura’ ufficialmente l’edizione 2014 del Festival con un omaggio a Robin Williams e a una delle opere che più di altre ha segnato l’immaginario teen degli ultimi decenni, “L’Attimo Fuggente” (USA, 1989) di Peter Weir, in programma nelle mattinate del 12 e 13 novembre. Ventisei i cortometraggi di finzione presentati quest’anno in concorso per CortoEuropa. Il viaggio nella selezione degli short film, realizzati in Europa negli ultimi due anni, accende un riflettore sulle tendenze in atto nel videomaking del Vecchio Continente, che non sembra affatto ignorare le tante difficoltà che lo stanno attraversando, sul piano culturale ed economico, relazionale e sociale. Tra le 26 opere in gara – che spaziano tra l’animazione e il videoclip musicale, dall’essenzialità degli opposti nei B/N integrali all’esplosione della luce nelle rappresentazioni oniriche del racconto – tre sono i titoli prodotti in Italia, anche se marche di creatività italiana si ritrovano in altre opere, realizzate però al di fuori dei confini nazionali. Maggiormente rappresentate Francia e Spagna, rispettivamente in gara con 8 e 6 titoli, seguite dalla già citata Italia, Gran Bretagna, Belgio, Germania, Kosovo, Polonia, Portogallo, Romania e Ungheria.

A giudicare le opere una giuria composta da studenti appartenenti all’Area Umanistica e delle Scienze Sociali dell’Università degli Studi di Salerno, giovani esperti del settore e una ‘rappresentativa’ di studenti Erasmus dell’Ateneo salernitano, e presieduta da Stefano Falivene. Direttore della fotografia e primo assistente di camera ‘al servizio’ di nomi del calibro di Abel Ferrara, Terry Gilliam, Martin Scorsese, Nanni Moretti, Falivene condividerà a Linea d’Ombra la sua vita spesa per il cinema anche in un incontro dedicato all’arte dello “Scrivere con la luce” (venerdì 14 alle ore 18).

FotoDAlessandroconKubrickFuori Concorso torna anche la maratona cinematografica notturna dedicata quest’anno al genio visionario di Stanley Kubrick. L’appuntamento con la “Kubrick light night” è fissato per le 22 di venerdì 14 e sarà introdotta da un testimone di eccezione: Emilio D’Alessandro, assistente personale del Maestro e autore, con Filippo Ulivieri, del libro autobiografico “Kubrick e me. Trent’anni con lui. Rivelazioni e cronache inedite dell’assistente personale di un genio”. Con i suoi racconti dal set e la sua personalissima visione di Kubrick, D’Alessandro porterà il pubblico nel vivo della Maratona che, con tutti i 13 capolavori realizzati dal Maestro dal 1953 al 1999, si protrarrà fino alle 10 di sabato 15.
Si resta nell’ambito delle arti audiovisive con la sezione VIDEOARTE & WEB che guarda alla videodanza con “Gesti di Luce” ed esplora il fenomeno della viralità web con “Il Micio Funziona”.

Un’installazione indoor di opere di videoarte vagliate con Invideo – Mostra Internazionale di video e cinema oltre, organizzato dal 1990 dall’AIACE di Milano (www.mostrainvideo.com), e uno sguardo sull’esperienza italo-vietnamita della Borderline Danza, costituisce il cuore di “Gesti di Luce”, spazio dedicato al movimento coreutico e alla sua trasformazione/rappresentazione video. In tutto 13 opere, presentate in collaborazione con due importanti realtà aperte da tempo alla ricerca e sperimentazione di linguaggi elettronici e di innovative forme di racconto ed espressione della danza.

Sono invece 100 i video selezionati in rete per esplorare le forme della viralità online: questa la missione de “Il Micio Funziona”, sezione nata da un’idea di Luigi Marmo e sviluppata in collaborazione con le cattedre di Sociologia degli audiovisivi sperimentali e di Tecniche di ricerca sociale sulla comunicazione dell’Università degli Studi di Salerno che ne ha fatto un progetto di ricerca, coordinato da Alfonso Amendola e Felice Addeo. Gatti ‘indemoniati’, bambini ‘pasticcioni’, animali ripresi in ‘atteggiamenti buffi’, ma anche videoclip musicali, video divertenti, tutorial, flashmob: un assaggio di quello che negli ultimi tempi ha invaso le bacheche e i profili sociali di molti di noi, visti in rapida successione per interrogarsi sui meccanismi di un successo.

Il Festival ‘fiat lux’ anche sulle PERFORMING ART con due momenti declinati appositamente sulla contrapposizione tra luce e oscurità, tra ombra e vita. L’assenza di luce è infatti il diktat cui si sono dovute attenere le sei compagnie teatrali invitate a “Buio in sala”, contest aperto ai professionisti della scena campana che hanno a disposizione 20 minuti e uno spazio oscurato per catturare l’immaginario del pubblico, in programma giovedì 13 e venerdì 14 dalle 22 alle 24.

Le performance saranno valutate da una giuria specializzata, composta da Emanuela Ferrauto, Vincenzo del Gaudio, Grazia D’Arienzo, che assegnerà un premio al lavoro più meritevole. Rivive con la coreografia ideata da Claudio Malangone e l’interpretazione dei ballerini di Borderline Danza il mito di “Orfeo e Euridice”, eterni simboli dell’indissolubile rapporto tra la ‘luce’ dell’amore e ‘l’oscurità’ della morte, protagonisti della performance live prevista per giovedì 13 alle 22.
Fedele alla sua ricerca sulle Culture Giovani, Linea d’Ombra ritrova quest’anno anche la GRAPHIC ART con la mostra di Andrea Bruno, pluripremiato fumettista catanese ma bolognese di adozione, che porta a Salerno la sua ultima opera, “Cinema Zenit/1”. Primo atto di una trilogia in fieri, “Cinema Zenit/1” gioca con il bianco e nero in uno scenario onirico, quasi una proiezione ininterrotta di film in una sala cinematografica abbandonata, tra personaggi improbabili e misteriose apparizioni. La mostra, realizzata in collaborazione con il COMICON – Salone Internazionale del Fumetto di Napoli, sarà inaugurata da una performance live dell’autore giovedì 13 alle 19.

Non poteva certo mancare la MUSICA nella programmazione del Festival Culture Giovani che per l’edizione 2014 ha in serbo due appuntamenti esclusivi e raffinati. Si parte venerdì 14 (ore 21.30) al Modo Music Club a Salerno con l’esibizione live di Robert Glasper e il suo quartetto “Experiment”, proposta in collaborazione con Hub Music Project e Club Modo. Un appuntamento imperdibile per gli appassionati del jazz, che possono assistere dal vivo alle performance di un artista che ha saputo accostare il genere alle influenze della moderna black music. Open act affidata a Illogic Trio.
Sabato 15 (ore 22.30) invece il Festival ha il piacere e l’onore di ospitare la prima data del nuovo tour di John De Leo: al Cinema Teatro Augusteo il concerto del poliedrico musicista-cantante-compositore-autore, ex leader dei Quintorigo, che presenterà live “Il Grande Abarasse” accompagnato da una formazione composta da 8 elementi. Ad aprire il concerto i Rossometile, gruppo salernitano rock con influenze pop e progressive composto da Marialisa Pergolesi (voce), Gennaro Balletta (batteria), Pasquale Murino (basso), Rosario Reina (chitarra) che si è aggiudicato il “Linea d’Ombra Live Music Contest”, proposto per il secondo anno consecutivo da SalernoInFestival per promuovere i musicisti campani emergenti.
Oltre ai già citati INCONTRI con Falivene e D’Alessandro, il regista Daniele Ciprì (“Cinico Tv”, “Totò che visse due volte”, “È stato il figlio” “La Buca”) e lo scrittore Diego De Silva (Certi Bambini, Non avevo capito niente, Mia suocera beve, Sono contrario alle emozioni, Mancarsi) proporranno il loro personalissimo “Racconto dell’Italia contemporanea” (giovedì 13 alle 18), mentre è atteso per sabato 15 (ore 11) il confronto per “Una legge per il cinema” a cura del CFCC – Coordinamento Festival Cinematografici della Campania a cui interverranno Angelo Curti, Presidente Teatri Uniti, Luigi De Luca, Vicepresidente Apulia Film Commission, Luigi Grispello, Presidente Agis Campania, Maurizio Sciarra, Regista, Vitulia Ivone, Consigliere d’amministrazione Film Commission Regione Campania. Moderano Giuseppe Colella, presidente CFCC e Peppe D’Antonio presidente di SalernoInFestival.
INFO UTILI Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, ad eccezione dei concerti, e si svolgono al Cinema Teatro Augusteo, escluso lo show di Robert Glasper ospitato al Modo Music Club.
Per saperne di più: www.festivalculturegiovani.it; Associazione SalernoInFestival 089 662 565 – info@festivalculturegiovani.it. Facebook / Google Plus lineadombrafestival; Twitter/ Pinterest / Instagram / Youtube LdOFCG.
Linea d’Ombra-Festival Culture Giovani è membro di: AFIC – Associazione Festival Italiani di Cinema,
CFCC – Coordinamento dei Festival Cinematografici della Campania.

LASCIA UN COMMENTO