Gli “Stralci di Vita “di Angela Procaccini raccontati al “Parco Storico Sichelgaita”.

Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Micòl, Assunta, Lucrezia, sono i nomi di alcune  delle dieci donne raccontate nel libro “Stralci di Vita “, edito da “Graus Editore” scritto dalla professoressa  Angela Procaccini, già Dirigente Scolastica di Istituti nautici, a Ischia e a Napoli; attuale Dirigente Scolastica dello storico Istituto Bianchi di Napoli,  che è stato presentato nella “Sala Bottiglieri” della Provincia di Salerno in occasione dell’incontro organizzato dall’associazione culturale “Parco Storico Sichelgaita”, presieduto dalla professoressa Clotilde Baccari Cioffi  che ha definito il libro “un inno alla vita”. ” È un libro che parla all’altro” – ha spiegato la professoressa Baccari – “L’autrice dona sé stessa a chi legge le sue pagine. Attraverso le sue tessere, così chiama i capitoli del libro, cuce sentimenti. È un libro che è esempio di resilienza, di come dalla sofferenza, dal dolore, si possa risalire e cominciare a vedere l’azzurro del cielo e del mare, che Angela ama tanto, che rappresenta la tempesta del vivere, ma anche la bellezza del vivere. In questi racconti c’è una forza cinestetica straordinaria in cui sensazioni, profumi e colori, riescono a dare significato ad un mondo che sembrava crollato definitivamente”.  Il professor Francesco D’Episcopo, Critico Letterario e Critico d’Arte, già Docente di Letteratura Italiana, Critica Letteraria e Letteratura Comparata presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Federico II di Napoli e presso l’Università del Molise, ha parlato delle donne protagoniste del libro di Angela Procaccini che ritiene essere:” Una brava scrittrice di poesia e di prosa che in questo libro, attraverso le donne che racconta, coglie l’imprevedibilità dell’esistenza. Tutto il libro si muove tra due dimensioni: quella della potenziale felicità e quella della dura realtà. Un libro profondamente marino ed estremamente mediterraneo”.  L’Editore Pietro Graus ha ricordato che la professoressa Procaccini collabora alla organizzazione del Progetto “Viaggio lib(e)ro” con la “Graus Editore” che pubblica molti dei suoi libri: “Il Progetto coinvolge le scuole secondarie di I e di II grado di tutta la Campania in un percorso che mira a potenziare le competenze base in madrelingua, in sinergia con quelle di creatività e di varie espressioni culturali”. La dottoressa Marisa Fiorillo Della Monica, socia del “Parco Storico Sichelgaita”, grande amica della professoressa Angela Procaccini,  che ha invitato a Salerno, ha letto con grande coinvolgimento emotivo una sintesi di alcuni dei racconti del libro la cui prefazione è stata curata dal Professor Architetto Loris Colombo e la postfazione dal dottor Roberto Di Salvo. La colonna sonora della serata è stata affidata alla cantante Silvana Ruggia che, accompagnata al piano dal Maestro Carmine De Nardo, ha eseguito alcuni brani classici della canzone napoletana. La scrittrice e poetessa Angela Procaccini ha dichiarato di amare la città di Salerno:” Una città di mare e di sole, di Maestrale e di Scirocco, che ho portato nel cuore nel periodo in cui ho vissuto a Cava De’ Tirreni: poi l’esilio e il dolore, che hanno pesato molto nel mio percorso di vita. Essere qui, questa sera, mi provoca una dolce e intensa emozione”. La professoressa Procaccini ha spiegato che la vita umana è connotata da uno strano miscuglio di luce e di buio:” Dopo il mio momento di chiusura dello spirito, ho sentito il desiderio di parlare attraverso la scrittura: non c’è niente di più catartico e liberatorio di aprirsi, attraverso la parola e la scrittura. Scrivere questo nuovo libro è stato per me un esercizio di memoria e di riflessione. In tutto ciò che scrivo ci sono elementi autobiografici: l’umiltà è il mio segreto, che mi permette di accettare con maggiore rassegnazione le prove del destino”. L’autrice ha spiegato che ama scrivere racconti e non romanzi: “I racconti, che si leggono tutto d’un fiato, sono più vicini alla poesia”. (Foto Luciana Cardone)

Aniello Palumbo