ANCHE A SALERNO ARRIVA LA DISCIPLINA SPORTIVA DEL ”SURF CASTING” (PESCA DALLA SPIAGGIA).

0
897

 E’ stato Vincenzo Di Martino, dell’associazione sportiva “Rosa dei Venti” di Napoli, a vincere il “ Secondo Trofeo di Surf Casting “Il Pescatore Matto” organizzato sabato sera, sul tratto di spiaggia poco distante dal “Villaggio del Sole”, al confine con il Comune di Pontecagnano Faiano, dall’associazione “Movimentiamoci” di Mario Maiuri, con la collaborazione del negozio di articoli per la pesca di Mercato San Severino “Il Pescatore Matto”, di   Alessandra Camardelli e Dario Scarpa. Alla gara di pesca sportiva hanno partecipato quaranta pescatori, provenienti da tutta la Campania, tesserati della Federazione Italiana Pesca Sportiva, ma anche pescatori che praticano a livello sportivo dilettantistico la disciplina della pesca da spiaggia, sempre più diffusa in questi ultimi anni. I pescatori hanno raggiunto il campo di gara, disponendosi a quindici metri l’uno dall’altro. Per oltre quattro ore, concentratissimi, con le loro canne da pesca, le loro lenze onda con fili molto doppi, date le condizioni del mare molto mosso, e con le loro esche (arenicola napoletana, un verme rosso molto utilizzato nel surf casting) hanno pescato 120 pesci, soprattutto orate e pesci stella (leccia stella):” Oltre 220 prede sono state rilasciate immediatamente in mare perché misuravano meno di 16 centimetri” ha spiegato l’ispettore di sponda della gara, il salernitano Francesco Vuolo,   presidente dell’associazione sportiva “La Fenice”, che ad agosto si è classificato al terzo posto nell’ultimo Campionato Italiano di Long Casting, il quale ha annunciato che:” Il campo di gara di Salerno, utilizzato per l’organizzazione del trofeo, sarà inserito nel circuito dei campi di gara nazionali e già dal prossimo anno nella nostra città potranno essere disputate gare a livello nazionale”. Secondo classificato Salvatore Campitelli, con sette prede, e terzo Michele D’Aniello con 5 prede pescate. Premio speciale al pescatore che ha pescato la preda più grande, un’orata di 36 centimetri, è stato assegnato a Domenico Tridenti dell’associazione “Paesi Vesuviani”. Alla manifestazione ha partecipato anche il pescatore salernitano Rocco Pierri dell’associazione sportiva “Arechi Veret”.

Tanti i premi messi in palio dagli organizzatori che per la prima volta hanno voluto organizzare a Salerno questo trofeo per promuovere questa disciplina sportiva sul nostro territorio:” E’ un’esperienza bellissima che tutti dovrebbero vivere. Vorremmo portare un Campionato Italiano a Salerno”, ha auspicato la madrina della manifestazione, la prima pescatrice d’Italia,   Vincenza Lubrano,   Campionessa Mondiale e Campionessa Italiana di Long Casting che ha anche partecipato all’ultimo Campionato del Mondo di Surf Casting dedicato alla pesca degli squali di oltre un metro, che si è tenuto nel Galles. Tutti i pesci pescati sono stati rilasciati in mare dopo le misurazioni previste:” I pesci pescati rimangono vivi”- ha spiegato Vincenza Lubrano – ” Noi rispettiamo la natura: utilizziamo ami speciali affilati chimicamente che non creano traumi nel pesce pescato e tutti quegli accorgimenti atti a mantenere in vita il pesce pescato, come gli ossigenatori, tipo quelli usati per gli acquari, che consentono di dare il tempo agli Ufficiali di Gara di pesare e misurare il pesce con il pesciometro, un righello misura pesci, per stabilire il vincitore della gara”. Presente anche la Campionessa Italiana 2011 e Campionessa Mondiale 2015 di Long Casting Rosa Lubrano,

Aniello Palumbo

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here