Le sedie di Ionesco vince il Festival Teatro XS Città di Salerno.

Lo spettacolo “Le sedie” di Eugène Ionesco, messo in scena da Teatro Impiria di Verona, vince la 14esima edizione del Festival Teatro XS Città di Salerno.

Un podio che il pubblico presente al Teatro Genovesi domenica sera per la finale del festival, organizzato dalla Compagnia dell’Eclissi con la direzione di Enzo Tota, forse si aspettava visto il lungo applauso che ha accompagnato il percorso di Gherardo Coltri, regista e interprete dello spettacolo, dalla platea  al palcoscenico. A consegnare l’opera di Don Qi (pseudonimo scelto da Roberto Lombardi per firmare le sue sculture che da anni costituiscono i primi ufficiali del festival) sono stati Lea Celano, dirigente dell’IIS “Genovesi-Da Vinci” di Salerno ed Enzo Tota. Due sono stati i riconoscimenti che il Teatro Impiria ha portato a casa da Salerno: a Coltri e a Michele Vigilante la giuria ha assegnato anche il premio Miglior Attore per i ruoli della Vecchia e del Vecchio.

Il Premio Miglior Attrice è stato vinto da Chiara Giribaldi interprete del ruolo di Beatrice in “Il raccolto” di Giorgia Brusco – regia di Gino Brusco, messo in scena da I Cattivi di Cuore di Imperia, spettacolo che ha conquistato anche il Premio U.I.L.T. (Unione Italiana Libero Teatro). Il Premio per la Migliore Regia lo ha vinto Gianni Di Nardo per lo spettacolo “A lo stesso punto però a n’ata parte” di Paolo Capozzo portato in scena da Co.C.I.S. Teatro 99 Posti di Mercogliano. Il Premio Speciale della Giuria è andato allo spettacolo “La stanza di Veronica” di Ira Levin (trad. di L. Lunari) presentato al Festival Teatro XS da Giardini dell’Arte di Firenze.

 

Dal 2015 è stato istituito anche un Premio del Pubblico, che ha potuto esprimere un voto da 6 a 10 al termine delle rappresentazioni a cui ha assistito: dal  calcolo matematico  è risultato al primo posto “Nei panni di Cyrano” di Nicolas Devort – traduzione  di Norina Benedetti, messo in scena da Estragone Teatro di San Vito al Tagliamento.

 

I giovani giurati, allievi scelti dell’Istituto Superiore “Genovesi”  e del Liceo Scientifico “Leonardo  Da Vinci” hanno indicato quello  che per loro è stato lo spettacolo migliore attribuendo il premio intitolato all’indimenticata Ileana Petretta Pecoraro Scanio, socia del Soroptimist Club di Salerno e appassionata sostenitrice e spettatrice assidua delle prime edizioni del Festival XS. Giulia Medolla della III A Cambridge ha così consegnato il premio a Filippo Fossa regista dello spettacolo “Nei panni di Cyrano”.  La giuria in questa edizione ha voluto assegnare due menzioni speciali: a Marco Cantieri per lo spettacolo “Go Willy, go!” e ai tre interpreti dello spettacolo “A lo stesso punto però a n’ata parte”,  Paolo Capozzo, Maurizio Picariello e Vito Scalia.

 

Le premiazioni sono state introdotte dal reading “Gli anni tedeschi” di Giorgio Caproni, interpretato da Roberto Lombardi che ha accompagnato la lettura  da un discorso sulla poesia e sui motivi ispiratori di colui che viene considerato una delle voci più significative  del secondo ‘900. Gli interventi musicali sono stati di Marida Niceforo.