“IL ROTARY IDEALE” SECONDO IL DOTTOR CARLO WIDMANN AL “ROTARY CLUB SALERNO  DUOMO”

0
5
Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture

 “La grandezza del Rotary sta nel suo futuro, non nel suo passato: il Rotary migliore è il Rotary che sarà”. Sono le parole di Paul Harris, il fondatore del Rotary, che sono state rimodulate dal dottor  Claudio Widmann, psicologo, psicoanalista junghiano,  scrittore, docente presso varie Scuole di Specializzazione,   Past President del Club Rotary di Ravenna e del Club Rotary Galla Placida ( Ravenna), da lui fondato,  già  Presidente della Commissione di Formazione del Distretto Rotary 2072,  durante la presentazione del  suo libro:” Rotary Ideale. Un secolo di idee, concetti valori e cultura”,  edito da “Longo Editore Ravenna”, che si è tenuta nella storica e suggestiva “Torre Vicereale” di Cetara , organizzata dal presidente del “Rotary  Club Salerno  Duomo”, il dottor Vincenzo Abate, in occasione del “ President Day” .  Dopo aver letto il ricco  curriculum del dottor Widmann e consigliato di leggere il suo saggio, il dottor Vincenzo Abate ha ricordato che il dottor  Claudio Widmann è originario del Trentino Alto Adige e che la prefazione del libro è stata   curata dal Past Governor del Distretto 2070,  Italo Giorgio Minguzzi:” Il dottor Widmann  parte dal raccontare il contesto storico e culturale  in cui è nato, nel 1905 a Chicago,  il Rotary: un’Associazione  di figure – leader nel proprio settore professionale che coniugano eccellenza professionale e integrità morale”.   E proprio partendo  dalle matrici culturali del Rotary che il professor Widmann ha iniziato la sua relazione:” Matrici che affondano nella prima grande corrente filosofica americana: il pragmatismo, che nasce dalla filosofia della trasformazione. Lo spirito originario del Rotary è quello di anticipare i tempi e di trasformarsi   costantemente. Paul Harris diceva che: ” Il Rotary è ed è sempre stato un po’ in anticipo sulle tendenze del tempo”.  Il dottor Widmann ha poi parlato del Rotary attuale:” Il mondo sta cambiando velocemente  e anche nel Rotary molte cose stanno cambiando: negli ultimi due anni  abbiamo familiarizzato con le tecnologie digitali  e il Rotary del futuro sarà un Rotary sempre più dematerializzato,  sempre più online, un Rotary sempre più globalizzato. Anche il concetto di amicizia è cambiato: ci sono gli amici di rete, molti dei quali non abbiamo mai incontrato, ma che sono delle presenze reali nella nostra vita”. Il dottor Widmann  ha spiegato che la nostra società è caratterizzata dalla velocità:” Una delle sfide del Rotary è di assecondare la velocità, di adattarsi alla trasformazione.  Bisogna, inoltre, continuare a  coltivare e  valorizzare  il meglio dell’uomo”. Il dottor Widmann  che è stato invitato a Salerno dal socio Carmine Napoli, ha  anche ricordato che nel 2020,  durante il periodo della pandemia, i Distretti italiani del Rotary hanno versato  alla Sanità italiana più di undici milioni di euro: ”In sostegno all’emergenza sanitaria: continueremo a farlo”. Durante la serata sono stati premiati  i protagonisti di alcuni progetti realizzati dal Club: il dottor Arcangelo Saggese Tozzi,    responsabile dell’emergenza covid dell’ASL Salerno,  per aver collaborato alla realizzazione  e gestione  del Centro Vaccinale Rotary  “Don Alfonso Santamaria e Pietro Fiocco”, dove in dodici mesi sono state inoculate oltre settantamila dosi di vaccino,  presso la chiesa di Sant’Eustachio retta da Don Nello Senatore ,  che ha delegato a ritirare il premio le  signore Antonella Rotondo  e Liliana Talento;  il dottor Giuseppe La Mura, Vice Presidente della “Croce Rossa Italiana” per aver installato le tende  all’esterno del Centro Vaccinale e dato assistenza  durante le operazioni di vaccinazione; il dottor Gennaro Esposito, per il suo impegno nel volontariato a favore delle famiglie indigenti; Don Michele Pecoraro, parroco del Duomo di Salerno,  per aver collaborato alla realizzazione del concerto organizzato  dal Rotary con i musicisti del “Conservatorio Martucci” di Salerno per raccogliere fondi a favore della popolazione ucraina; il dottor  Mario Petraglia, per il suo significativo apporto alla realizzazione del progetto “Nereus – SeaBin” nel porto di Salerno.  A premiare sono stati il Presidente Vincenzo Abate, e i soci: Francesco Dente, Vincenzo Fiocco e Sabatino Cuozzo.  Alla serata hanno partecipato il Sindaco di Cetara Fortunato Della Monica e  la Consigliera , con Delega alla Cultura,  Cinzia Forcellino che sono sempre vicini alle iniziative del Rotary. Nel corso della serata è stata presentata  dal socio  Nicola Scarpa,  la  nuova socia del Club, la dottoressa ucraina Raissa Rita Martinova. Il Past President Canio Noce ha spiegato il concetto di “privato sociale”: “il Rotary non è un’associazione di volontariato o di assistenzialismo : noi siamo “privato sociale” e il nostro servire ricade sul sociale”. Dopo i saluti del Presidente Incoming Raffaele Parlato, a portare i saluti del Governatore del “Distretto Rotary 2101” Costantino Astarita, è stato l’Assistente del Governatore Ciro Senatore.

Aniello Palumbo

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here