Il Capitano Ultimo incontra gli studenti di Scafati

Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com

“La mafia è una creazione umana e come tale può essere combattuta, con i mezzi adeguati e le risorse giuste. Con l’impegno di tutti per la legalità, prima o poi sarà sconfitta”. Sono le parole di Sergio Di Caprio, alias “Il capitano Ultimo”. Il colonnello dei Carabinieri – che nel 1993 ha guidato lo storico arresto del boss dei boss della mafia, “la belva” Totò Riina, e che da allora vive sotto scorta – è stato ospite della comunità scolastica dell’Istituto Comprensivo statale “Samuele Falco” di Scafati.

Condannato a 26 ergastoli per innumerevoli omicidi, Riina è stato il mandante della strage del 23 maggio 1992, in cui Giovanni Falcone fu straziato da centinaia di chili di tritolo, insieme alla moglie Francesca Morvillo e agli agenti di scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Nemmeno 2 mesi dopo, Domenica 19 luglio 1992, ci fu sempre lui a capo della cupola mafiosa che ha ordinato l’uccisione del giudice Paolo Borsellino, in via D’Amelio, insieme ai cinque agenti di scorta: Emanuela Loi (prima donna della Polizia di Stato caduta in servizio), il capo-scorta Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Eddie Walter Cosina e Claudio Traina. Poi ci furono le bombe che ebbero come obiettivo il patrimonio artistico italiano, uccidendo in totale dieci persone (tra cui due bambine) e causando un centinaio di feriti. A ordinare il massacro fu ancora Totò Riina. Latitante da quasi un quarto di secolo, sulle sue tracce si mise un pugno di uomini intelligenti, coraggiosi, professionisti della squadra speciale dei carabinieri del ROS. A guidarli una persona straordinaria, che ha scelto come nome d’azione Ultimo, in segno di umiltà. Incalzato dal giornalista e docente Paolo Romano, il colonnello di Caprio ha raccontato il  dietro il quinte dell’indagine che nel 1993 portò all’arresto del boss malavitoso. “Per noi è stato un grande onore poter ospitare una persona di così grande levatura morale e allo stesso tempo così umile – spiega il dirigente scolastico dell’Ics Falco, Domenico Coppola – l’intera comunità scolastica, in un appuntamento aperto anche alla cittadinanza, ha potuto così riflettere sulla nostra storia tragica più recente ma anche sulle strategie messe in atto per fronteggiare la malavita. Con le sue iniziativa solidali, Ultimo continua ad offrire prospettive possibili di risoluzione dei conflitti. Per questo, parafrasando il suo nome, abbiamo inteso titolare questa nostra giornata: ultima è la speranza”. Rispondendo alle numerose domande degli alunni (talmente tante che si è dovuto fermare la fila), Ultimo si è soffermato poi sui temi dell’inclusione e della legalità, presentando la sua comunità alle porte di Roma, la Casa Famiglia “Volontari Capitano Ultimo”, che accoglie Rom, extracomunitari, minori non accompagnati in disagio e altri “ultimi”. Il colonnello dei Carabinieri ha poi ricevuto in dono un quadro originale realizzato da Maria Barbato, studentessa della Falco e un Pulcinella d’artista donato dal Rotary.