Turismo e Destinazioni, bilancio positivo per la 3 giorni organizzata da Destinazione Sud.

1
857

Un progetto condiviso di sviluppo per tutto il Sud Italia. Questa la necessità emersa alla fine della tre giorni su Turismo e Destinazioni, organizzato a Salerno da Rete Destinazione Sud, in sintesi:

  • 10 incontri
  • 26 ore di relazioni
  • 78 relatori tra i quali:
  • 9 università (l’Università degli Studi di Salerno, l’Università Suor Orsola Benincasa, l’Università degli Studi del Sannio, l’Università di Foggia, l’Università della Basilicata, l’Università della Calabria, l’Università La Sapienza di Roma, la LUISS Business School e l’Accademia Belle Arti di Napoli);
  • 6 associazioni di categoria (Confindustria, Confagricoltura, Confesercenti, Confcommercio, Asso Cepi, l’Associazione dei Datori di Lavoro Italiani).
  • 10 rappresentanti di enti e associazioni nazionali tra cui il MiBACT, Unioncamere, il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali, IRISS CNR, il Giffoni Film Festival, il Parco Nazionale del Cilento, del Vallo di Diano e degli Alburni, il Parco Nazionale della Sila, la Società Geografica Italiana, Agriturist;
  • 6 dirigenti scolastici delle Regioni Campania e Basilicata;
  • 4 esperti di formazione professionale tra cui Formamentis, Enfor Ente di Formazione Basilicata, Euro Glocal, Uniconsul;
  • 6 esperti di innovazione e comunicazione tra cui Digital Magics, E-Press, MTN Company, Stratego Comunicazione, LCG World, Startup Weekend Salerno;
  • 9 rappresentanti di GAL, consorzi ed enti territoriali tra cui UNPLI Campania, UNPLI Basilicata, GAL La Cittadella del Sapere, GAL Titerno Scarl, GAL Terra è Vita, Destinazione Sele/Tanagro/Vallo di Diano, Fondazione Mida, Consorzio Termale Sele/Tanagro, Consorzio Albergatori di Matera;
  • 5 rappresentanti degli ordini professionali tra cui gli ordini dei dottori commercialisti di Salerno, di Vallo della Lucania e di Sala Consilina, l’ordine degli architetti P.P.C. di Salerno e Confassociazioni.

Hanno portato i loro saluti introducendo i seminari diversi rappresentanti delle istituzioni tra cui: Roberto De Luca (Assessore al bilancio Comune di Salerno),

Vincenzo Napoli (Sindaco di Salerno),

Massimo Cariello (Consigliere provinciale Salerno),

Franco Alfieri (Delegato all’Agricoltura Regione Campania),

Francesco Picarone (Presidente Commissione bilancio Regione Campania),

Vincenzo Maraio (Consigliere Regione Campania),

Angelica Saggese (Senatrice),

Tino Iannuzzi (Deputato),

Nicola Caputo (Europarlamentare).

 

Hanno partecipato ai lavori oltre 600 persone, tra cui imprenditori, consorzi, associazioni, fondazioni, opinion leader e stakeholder.

“Per poter essere competitivi sui mercati internazionali non serve andare da soli a promuovere il singolo territorio di competenza. Non ci riconoscono” ha affermato Mariano Schiavone, direttore generale APT Basilicata. “Rete Destinazione Sud nasce proprio per questo” afferma Michelangelo Lurgi, presidente della Rete -“Lo scopo ė quello di valorizzare, promuovere e commercializzare le Destinazioni con un unico brand: SOUTH ITALY”.

“Un’ iniziativa ideata e finanziata interamente da imprenditori, senza alcuna contribuzione pubblica” – conclude Michelangelo Lurgi, presidente di Rete Destinazione Sud – “Tre giorni intensi d’incontri, dibattiti, lavoro da cui sono scaturite proposte operative concrete e di grande spessore: 1) la definizione di un nuovo modello per l’alternanza scuola-lavoro; 2) un contratto di sviluppo per la Destinazione Sele/Tanagro/Vallo di Diano; 3) la volontà di creare le destinazioni del Sud Italia; 4) un progetto condiviso di sviluppo per l’intero Mezzogiorno. Nel corso dei lavori abbiamo rafforzato la collaborazione tra Scuole, Università e Imprese. Una condizione necessaria per proseguire il processo di programmazione partecipata per lo sviluppo. Ora bisogna realizzare una società pubblico-privata per la Destinazione Sele/Tanagro/Vallo di Diano e replicare il modello nei territori prossimamente interessati, della Campania e della Basilicata, per poi coinvolgere l’intero Mezzogiorno in un progetto strategico unitario”.

Hanno preso parte ai lavori: i componenti della Rete Destinazione Sud, tra i quali, Marcello Formica presidente del Consorzio Termale di Contursi, Francesco Garofalo e Lucia Scapolatiello, rispettivamente di Confindustria Turismo Basilicata e Campania. Il presidente Unioncamere Campania Andrea Prete ha partecipato all’incontro conclusivo. All’interno del forum sono intervenuti i dirigenti degli istituti scolastici che collaborano con la Rete; docenti delle Università La Sapienza e Luiss Business School di Roma, delle Università di Salerno, Basilicata, Foggia, Sannio, Calabria e Suor Orsola Benincasa di Napoli; Filippo Bencardino presidente della Società Geografica Italiana;  Marco Gay  vicepresidente esecutivo di Digital Magic Spa; Filippo Diasco dirigente generale per l’Agricoltura della Regione Campania; l’UNPLI regionale e delle provincie di Salerno e del Sannio, con numerosi presidenti delle Pro loco;  i responsabili nazionali, regionali e provinciali di Confagricoltura, Confesercenti, Confassociazioni international; responsabili di Confindustria giovani: provinciale, regionale e nazionale; Confindustria Turismo Campania e Basilicata, Federalberghi; Fabio Bertolazzi vicepresidente nazionale Agriturist; le reti d’imprese Diapason Consortium di Lombardia ed Emilia Romagna, Masserie Didattiche della Puglia e Consorzio Maremmare di Toscana e Lazio; Marianna Dimona presidente del Consorzio Albergatori di Matera, i GAL Terra e Vita-Campania, La Cittadella del Sapere-Basilicata, Titerno scarl-Campania; Alfonso Andria presidente Centro Europeo Beni Culturali, Ledo Prato direttore generale Mecenate 90, Giovanni Marrazzo AD Villaggio Akiris Basilicata, Francescantonio D’Orilia presidente Fondazione MIdA, Claudio Gubitosi patron di Giffoni Film Festival, Rolando Marciano e Claudio Pisapia della Confederazione Europea Piccole Imprese. Alcuni seminari sono stati moderati da Virgilio Gay, esperto di marketing territoriale e Claudio Cipollini, esperto d’innovazione territoriale.

 

In dettaglio la tre giorni si è articolata in dieci incontri sui temi della “digitalizzazione, formazione e progettazione per lo sviluppo”.

Il primo argomento è stato quello della formazione con il progetto V.A.L.L.E.Y. e le nuove professioni per il turismo dibattuti all’interno di un confronto tra professori, dirigenti scolastici e altri esperti di formazione.

A seguire, si è tenuta una tavola rotonda e di confronto tra presidi e associazioni di categoria per discutere di un nuovo modello organizzativo dell’Alternanza Scuola Lavoro, che sarà presentato al MIUR. A termine dell’incontro i partecipanti hanno scelto di impegnarsi nella costituzione nel breve termine di questo nuovo modello sottoscrivendo un manifesto pubblico.

I lavori sono proseguiti parlando d’innovazione e startup, social media e nuove tecnologie per il marketing e lo sviluppo, con i saluti di Roberto De Luca e gli interventi di docenti e rappresentanti delle associazioni di categoria.

La sen. Angelica Saggese, l’on. regionale Vincenzo Maraio e il presidente Tommaso Pellegrino hanno partecipato all’incontro sulla creazione delle Destinazioni, i cui relatori sono stati i docenti delle università Sapienza, Salerno, Sannio, Foggia, Calabria e Basilicata e a seguito del quale gli ospiti hanno scelto di partecipare ad un progetto di creazione delle Destinazioni.

Si è, poi, fatto il punto sui GAL e le opportunità offerte dal nuovo PSR della Regione Campania, con il contributo offerto da Franco Alfieri e i saluti del parlamentare europeo Nicola Caputo a cui sono seguiti gli interventi tecnici di Filippo Diasco e dei presidenti dei GAL.

In presenza dell’on. Francesco Picarone, con il contributo dei presidenti degli ordini professionali dei commercialisti e degli esperti contabili dell’intera provincia di Salerno e con la condivisione dell’ordine professionale provinciale degli architetti P.P.C. di Salerno, la Rete Destinazione Sud ha promosso un Contratto di Sviluppo da 50 milioni di euro per la Destinazione Sele/Tanagro/Vallo di Diano a cui, a termine del seminario, gli ospiti hanno scelto di aderire.

Alla presenza del sindaco Vincenzo Napoli e dell’on. Tino Iannuzzi si è discusso del Piano Strategico Nazionale per il Turismo 2017-2022, con i contributi, tra gli altri, della dott.ssa Patrizia Minardi della Regione Basilicata, l’intervento dell’assessore Corrado Matera e quello del dott. Francesco Tapinassi dirigente del MIBACT. Sono seguiti gli interventi di Alfonso Andria, Ledo Prato, Filippo Bencardino, Michelangelo Lurgi, Claudio Gubitosi, Francescantonio D’Orilia, Carmelo Stanziola, Giovanni Matarazzo e Claudio Pisapia.

A conclusione della tre giorni, si è svolta una tavola rotonda tra imprenditori, presidenti delle associazioni di categoria e professori universitari, alla quale ha partecipato Andrea Prete (Presidente Unioncamere Regione Campania) e al termine della quale i partecipanti hanno scelto di lavorare alla costruzione di un progetto strategico condiviso di sviluppo per il Sud Italia.

1 COMMENTO

  1. Ledo Prato ancora ha il coraggio di andare in giro a parlare di valori ed etica……bhè se i risultati saranno uguali a quelli ottenuti con il figlio….

LASCIA UN COMMENTO