Ancora violenza al Carcere di Fuorni, la denuncia del Sappe

Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Compro oro e argento usato, negozi Gold Metal Fusion a Salerno, Battipaglia, Nocera Superiore, Agropoli, Vallo della Lucania. Quotazioni dell'oro in tempo reale, pagamento in contanti immediato, oggetti inviati alla fusione.
Ancora sangue e violenza in un carcere della Campania. Lo denuncia Tiziana Guacci, segretario regionale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria: Ancora tensioni nel carcere di Fuorni dove nella serata di ieri, intorno alle 19 circa, i detenuti della Sezione Transito si sono rifiutati di accogliere un altro detenuto. L’Agente di Polizia Penitenziaria addetto al controllo e vigilanza della Sezione, da solo e con opera di persuasione è riuscito a mantenere l’ordine e a far accettare l’allocazione del nuovo detenuto. Ma al momento dell’apertura dello sbarramento del Reparto per farlo entrare, la restante parte della popolazione detenuta è riuscita ad allontanarsi ed arrivare presso gli uffici. Sempre da solo e con opera di convincimento il poliziotto è riuscito a far rientrare i detenuti nella Sezione di appartenenza, ad eccezione di un detenuto, classificato Media Sicurezza che, armato di un coltellino, ha aggredito il collega provocandogli dei tagli e la frattura dell’omero a causa di una forte spinta contro un muro, causando una prognosi di 15 giorni.
Nella concitazione il poliziotto ha provato ad azionare l’allarme per chiedere aiuto ma inutilmente, visto che lo stesso risultava non funzionante a causa di altri eventi critici avvenuti nei giorni precedenti”. La sindacalista denuncia che “il detenuto aggressore era ben noto presso la Casa Circondariale di Salerno perché già resosi protagonista in passato di eventi turbativi dell’ordine e la sicurezza. Per cui “invano” la Direzione del carcere ha chiesto agli Uffici ministeriali il trasferimento dello stesso. Così non si può continuare, è necessario evitare che il personale di polizia penitenziaria venga continuamente e ripetutamente aggredito da detenuti problematici e recidivi di comportamenti violenti. Si chiede l’immediato trasferimento del detenuto in questione, come già valutato e richiesto dalla Direzione della Casa Circondariale di Fuorni”.
Il Segretario Generale del SAPPE Donato Capece stigmatizza il grave episodio avvenuto nel carcere di Fuorni, a Salerno, ed esprime solidarietà e vicinanza all’Agente ferito, che ha dimostrato grande professionalità e sangue freddo nella gestione dei gravissimi eventi critici: “Con questi ulteriori gravi atti violenti, sale vertiginosamente il numero dei poliziotti coinvolti da detenuti senza remore in fatti gravi. Esprimiamo la massima solidarietà e vicinanza a tutte le colleghe ed i colleghi della Casa circondariale di Salerno: e questi ultimi episodi devono far riflettere i vertici dell’Istituto e della Regione”. Il leader del SAPPE definisce “semplicemente allarmanti ed inquietanti” alcuni degli eventi critici accaduti nelle carceri del distretto campano dal 1° settembre al 31 dicembre 2023:
Pensate, ci sono state 193 denunce per resistenza ed ingiuria a pubblico ufficiale, 20 proteste collettive con rifiuto di entrare in cella. Ma ancora più gravi le aggressioni a poliziotti: 43 quelle che hanno visto assegnare ai malcapitati fino a sette giorni di prognosi, 8 quelle con prognosi da 8 a 20 giorni ed 2 aggressioni con prognosi maggiori di 20 giorni”.
“Numeri da brividi”, conclude Capece. “Ci vuole una completa inversione di rotta nella gestione delle carceri regionali, siamo in balia di questi facinorosi. Facciamo appello anche alle autorità politiche regionali e locali: in carcere non ci sono solo detenuti, ma ci operano umili servitori dello Stato che attualmente si sentono abbandonati dalle Istituzioni”, ricordando che “il SAPPE da decenni chiede riforme concrete come l’espulsione dei detenuti stranieri, un terzo degli attuali presenti in Italia, per fare scontare loro, nelle loro carceri, le pene come anche prevedere la riapertura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari dove mettere i detenuti con problemi psichiatrici, sempre più numerosi, oggi presenti nel circuito detentivo ordinario. Ma servono anche più tecnologia e più investimenti: la situazione resta allarmante, anche se gli uomini e le donne della Polizia Penitenziaria garantiscono ordine e sicurezza pur a fronte di condizioni di lavoro particolarmente stressanti e gravose”
“Esprimo la mia solidarietà all’agente della Polizia Penitenziaria aggredito ieri sera, nel carcere di Salerno, da un detenuto armato di coltello. A lui vanno gli auguri di pronta guarigione per le ferite riportate e il plauso per essere riuscito a mantenere l’ordine nonostante la ribellione da parte di alcuni carcerati che rifiutavano di accettare l’arrivo del nuovo detenuto”. Lo dichiara, in una nota, il deputato di Fratelli d’Italia Imma Vietri, che sottolinea: “Il carcere di Salerno è all’attenzione del Governo Meloni che, fin dal suo insediamento, sta lavorando per contrastare la carenza di organico dei poliziotti penitenziari ed incrementare la sicurezza attraverso l’acquisto massiccio di strumenti utili alla tutela degli agenti (dagli scudi ai kit antisommossa, ai guanti antitaglio operativi ecc). Il Governo, in particolare, grazie al tenace impegno del Sottosegretario alla Giustizia Andrea Delmastro delle Vedove, in un anno ha trovato risorse per più di 5mila nuovi allievi agenti di Polizia Penitenziaria. Per quanto riguarda la Campania sono arrivati, per il momento, già 135 allievi del 181esimo corso di cui 10 proprio a Salerno. Ovviamente, siamo solo all’inizio. Si tratta di primi passi in avanti rispetto all’inerzia dei governi di sinistra del passato. E, come Fratelli d’Italia, non intendiamo abbassare la guardia” conclude Vietri.