Stella per una notte 2014: ecco tutti i vincitori

0
46

di Gilda Ricci

Conclusa domenica 27 luglio la VI edizione della Competizione canora “STELLA PER UNA NOTTE” al Parco del Mercatello di Salerno con la prima serata dedicata alle categorie dei più piccoli e due giorni di selezioni, venerdì 25 luglio e sabato 26 luglio, con la grande orchestra dal vivo di 24 elementi , tutti professionisti del territorio provenienti anche dal Conservatorio di Musica di Salerno, diretta dal maestro Maurizio Maiorino affiancato dai maestri Peppe Picardi e Marcello Pepe.

Questo singolare Festival della canzone è nato allo scopo di scoprire nuovi talenti nell’ambito musicale e di promuovere il canto tra i giovani, scritto e diretto da Massimo Galdi ed organizzato dall’Associazione Culturale Cassiopea di Salerno, presieduta da Antonio Della Monica, con il patrocinio del Comune di Salerno e della Cidec provinciale di Salerno.

Sull’imponente palco di “Stella per una Notte” disposto nell’area naturale del Parco nella zona orientale della città di Salerno si sono esibiti otto concorrenti per la categoria “Nuove Stelle”, di cui fanno parte cantautori o cantanti che presentano brani inediti, ventiquattro per la sezione “Stelle” (età superiore a 16 anni) che in due serate sono poi pasati alle fasi eliminatorie durante le quali i concorrenti sono stati valutati da una giuria tecnica che ha scelto la miglior voce dell’anno e l’ambizioso premio messo in palio: la produzione discografica di un brano inedito con la pubblicazione sugli store musicali più importanti del mondo (Hi-Tunes, Amazon ecc.) , grazie alla collaborazione instaurata con la DarKuba Records di Luigi Donadio, studio di registrazione e produzioni musicali.

Ma sul palcoscenico del Parco del Mercatello di Salerno si sono esibiti anche i ballerini di tango, Luca Morale e Francesca Santangelo dell’ Accademia Corazon al Sur Tango Club, diretta dai maestri e ballerini argentini Yanina Quiñones e Neri Piliù, le bravissimehballerine di Art in Motion, il noto fioraio artista di Salerno, Lello Carrella, ideatore della “Turbomoda” che ha presentato le sue ultime creazioni( abiti realizzati con rettangoli di stoffa intrecciati tra loro trattenuti insieme da spille da balia e petali di rosa realizzati con la seta).

Domenica sera sono stati così scelti i vincitori alla presenza dell’artista Rossana Casale, madrina della manifestazione e dal Sindaco di Salerno Vincenzo De Luca.

E’ stato Vincenzo Cicale il vincitore assoluto della VI edizione di “Stella per una notte 2014”, con l’acclamazione del numeroso pubblico presente. Ad aggiudicarsi il secondo posto della categoria “Stelle” è stata Costanza Massimo che con un omaggio a Whitney Houston “I have nothing” con il quale ha vinto anche il Premio dell’Orchestra, assegnato dai 24 elementi, diretti dal maestro Maurizio Maiorino. Terza classificata con l’interpretazione della canzone “All that jazz” del musical Chicago è stata Mikela Botta di Montoro Inferiore(Av).

A trionfare per la categoria degli inediti “Nuove Stelle“, il giovane ventiduenne Francesco Casoni di Giffoni Vallepiana con il brano “Lasciati sfiorare”, secondo classificato Pierluigi Aliberti di Baronissi con “Le Parole”, terza Cristina Cafiero di Napoli con il testo “Ancora qui”. Il Premio della Critica è stato assegnato dalla giuria di giornalisti per l’originalità e la padronanza vocale nell’interpretazione a Maria Negri di Fisciano per la completezza nell’interpretazione del brano di Beyoncè “One plus one”. Ad aggiudicarsi il Premio Web Agency , assegnato dalla Kynetic è stato Antonio Palumbo, finalista più votato sul web della categoria Stelle che ha vinto la realizzazione di un sito web.

Il Premio per il Look infine è andato alle Celano Sisters di Latina, Krizia e Greta sul palco ad interpretare il brano “Run”. Forti emozioni, voci dal centro al sud Italia su un palco nel verde di uno dei più spaziosi e accoglienti parchi della città. Per una notte tutti protagonisti di un sogno, quello di cantare ed esibirsi con una orchestra dal vivo, davanti a migliaia di spettatori che oltre la giuria rappresentano il vero indice di gradimento della buona musica , della voglia di tornare a casa cantando motivi di un tempo recente e passato e nuove melodie inedite che restano nel cuore. Il giorno dopo, resta il piacevole ricordo di quattro serate trascorse in serenità , in una città dove centro e periferia si incrociano ad oriente , senza frastuono ma in armonia, grazie alla tenacia e alla passione di un’organizzazione , frutto di un proficuo gemellaggio tra organizzatori veronesi e salernitani , che hanno creduto nell’arte del canto e nei giovani.

 

 

LASCIA UN COMMENTO