Vesevo, Antonio Caporaso espone al FRaC di Baronissi

CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
Compro oro e argento usato, negozi Gold Metal Fusion a Salerno, Battipaglia, Nocera Superiore, Agropoli, Vallo della Lucania. Quotazioni dell'oro in tempo reale, pagamento in contanti immediato, oggetti inviati alla fusione.
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

Sabato 11 maggio, alle ore 18.30, sarà inaugurata la mostra ANTONIO CAPORASO VESEVOterzo appuntamento della rassegna FOTOGRAFIA24, curata da Massimo Bignardi e da Carlo Pecoraro, promossa dal Museo-FRaC Baronissi, in collaborazione con il Museo-ARCOS di Benevento e la Fondazione Ente Ville Vesuviane.

Terza esposizione che segnala la vivacità di una rassegna proiettata a segnalare nuove esperienze che hanno registrato un significativo interesse del pubblico.

La mostra di Antonio Caporaso (classe 1959), allestita nelle due sale della Galleria dei Frati, espone trentasei opere fotografiche, selezionate dall’ampio lavoro che ha dedicato al Vesuvio, alle marine che da Napoli si allineano una dopo l’altro fino a Castellammare e alle bellissime ville vesuviane che un tempo tratteggiavano il Miglio d’Oro. Una selezione tratta dal più ampio book che Caporaso ha raccolto nel volume Guardiani del Vesuvio, pubblicato da Gutenberg edizioni e che  sarà presentato a Villa Campolieto ad Ercolano il prossimo 13 giugno.

“C’è in questi mesi a Baronissi e in parte in tutta la Valle dell’Irno – dichiara il sindaco di Baronissi  Gianfranco Valiante – una vivacità di iniziative culturali che fanno ben sperare in un nuovo modo di operare nel territorio. Baronissi è certamente un polo di forte impegno e, in particolare per le arti visive, il Museo-FRaC rappresenta una realtà d’eccezione. La mostra dedicata ad Antonio Caporaso ci spinge oltre, perché ripercorre, con l’obbiettivo fotografico, percorsi, paesaggi a noi tutti particolarmente cari. Il Vesuvio è una icona che portiamo nell’anima”.

“Caporaso – rileva Massimo Bignardi – ci propone esperienza che per oltre un decennio è rimasta poco nota e che ho avuto la possibilità di conoscere, grazie al volume Giganti del Vesuvio. Possiamo ben definirlo un ‘album’ fotografico, rigidamente in bianco e nero, accompagnato da un testo che narra il Vesuvio, la sua storia di “sterminator Vesevo” (Leopardi), la sua immagine e la sua presenza nella letteratura del Voyage pittoresque, dell’Italienische Reise, del Voyage of Italy. Un libro di grande fascino, nel quale l’autore si muove, pensando alla sua ‘erculea’ sagoma, come il ciclope che dalla sommità del Vesuvio fa rotolare sui pendii, sotto forma di scatti fotografici, grandi massi di lava, a forma di corpi dell’immaginifico. La fotografia che Caporaso ci propone non è il documento di interventi di operatività ambientale: al di là del valore documentativo, essa si propone come entità compartecipe della metamorfosi di quei luoghi, ora abitati dalle opere realizzate in loco (con pietra lavica e alle pendici del vulcano) dai dieci artisti invitati, tra il 2004 e il 2005, da Jean-Noël Schifano […] La fotografia aggiunge un ulteriore punto di vista, perché sospende, in millesimi di secondi, il transito delle emozioni che accompagnano lo sguardo di Caporaso, per subito riprendere la sua azione di compagna di viaggio: lo sguardo fa proprio il luogo che perde i confini, per dilatarsi nella grande scena che offre il golfo visto dall’alto della montagna. La drammatica memoria che il profilo del vulcano evoca, cede all’incanto della sua immagine specchiata nel mare, nell’ampio golfo incorniciato, sul filo dell’orizzonte, dalle piccole sagome, color viola scuro, di Capri, Ischia e Procida, perle della collana di Partenope”.

“La linea del Vesuvio  – rileva Carlo Pecoraro  –  è un tratto inconfondibile che fa da cartolina alla città di Napoli da sempre. La Montagna, che terrorizza e seduce, come una antica divinità bella e terribile è parte fondante del paesaggio, un segno potente. Questo Antonio Caporaso lo sa benissimo, e le sue foto, vere, entrano nel cuore del Vesuvio, lasciando l’osservatore scalare il grande cono, passeggiare per i fiumi di lava, percorrere uno dei sentieri o respirarne semplicemente l’aria. Il bianco e nero degli scatti rafforza quel paesaggio lunare, apparentemente desertico, le cui forme sono state costruite dalla lava in un gioco, potente, tra fuoco e gravità dal quale l’uomo è escluso. Gli scatti sottolineano la solennità de “la Montagna”, il rispetto verso questa natura rude, che possiamo solo guardare, appunto come guardiani.

 

 

 

E qui entriamo nell’altro racconto fotografico, che è la manipolazione della pietra lavica, questa volta per effetto dell’uomo, che da artista la reinterpreta nel progetto “Creator Vesevo” che Caporaso riprende e documenta con i suoi scatti. I guardiani sono lì, sotto il cielo, in questo museo aperto che sale la Montagna insieme al visitatore. Come pietre miliari segnano la capacità creativa, il talento, l’ironia e ne sottoscrivono forza ed eleganza. Il magma che diventa pietra, la lava che diventa opera d’arte. E Caporaso è l’osservatore privilegiato, le cui foto mischiano l’arte naturale e quella dell’uomo in un unico linguaggio, il suo, che racconta fedelmente il Vesuvio e ne restituisce immediatamente quell’emotività che sopravvive in chi ha visitato i luoghi e si sia lasciato permeare dalla loro bellezza”.

 

La mostra  è visitabile fino a domenica  9 giugno.

 

 

 

ANTONIO CAPORASO nato a Salerno nel 1959, vive e lavora stabilmente a Napoli da oltre 30 anni. Consegue la laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Salerno e viene ammesso a frequentare a Milano la George S. May International per conseguire un master in gestione delle risorse umane che gli apre la strada per ricoprire incarichi di responsabilità negli uffici legali di grandi aziende multinazionali nel settore assicurativo e finanziario. La sua vera passione è però la fotografia. Giornalista pubblicista, fotografo freelance di spettacoli, eventi e cronaca. Viene ammesso a frequentare un Master Comunicazione e Media Digitali “Business School del Sole 24 Ore” di Milano. Attualmente collabora con: diverse testate giornalistiche: Stampa Alternativa; Banda Aperta srl; Sport e Spettacolo LA PRESS.it; Newsly.it Milano srl; Napoli.com; Tags). Dal 2017 risiede a Pellezzano (Sa), in via M.L. King 34, dove dal 2018, ha anche stabilito con Jacopo Naddeo la sede di uno studio e laboratorio dedicato all’arte fotografica: “Caporaso&Naddeo Fotografi”. Ha legato la sua partecipazione a diverse mostre fotografiche: “Luci, colori e riflessi” Napoli Galleria Navarra; “A sud del Mediterraneo: Appunti di viaggio” Napoli Cosulich Agency; Concorso fotografico: “La Via Reale”. Catania; Concorso fotografico: “Mediterraneo e dintorni” Reggia di Portici; Mostra collettiva “On the Road” Villa Campolieto Ercolano; Mostra Collettiva: “Futuro Remoto” Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa-Portici; Mostra Collettiva “Legami” Arco Catalano-Salerno; Mostra Collettiva “Incontri con l’Autore” Biblioteca Comunale Nocera Superiore; Mostra Street Art e Writers “Just Push on the Button” con Jacopo Naddeo, Cibarti Salerno; Mostra Collettiva “Sublimia” Giffoni Valle Piana; Mostra Collettiva “I Paesi Vesuviani” Museo Archeologico Boscotrecase; Mostra collettiva “Ibridi Fogli, DadoDu&Co” Archivio di Stato Salerno; Mostra “Urban Writing” Museo arte Contemporanea FRaC Baronissi, a con Jacopo Naddeo, a cura di Massimo Bignardi.