Spiagge Pulite a Pontecagnano, Eboli e Battipaglia a cura dei Forum dei Giovani

Studio di dermatologia e medicina estetica della dottoressa Alessia Maiorino a Salerno
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.
Targago è il nuovo servizio di Autostrade per l’Italia, potrai pagare i pedaggi sulla Tangenziale di Napoli tramite lettura della targa, passando nell’apposita corsia gialla al casello.

Il prossimo 29 giugno prenderà il via l’iniziativa “Ripuliamo la nostra costa”, promossa dai Forum dei giovani di Battipaglia, Eboli e Pontecagnano Faiano, in collaborazione con il Coordinamento provinciale dei Forum dei giovani, del Forum regionale della Campania e di Legambiente.

Tre giorni di attività di raccolta dei rifiuti abbandonati sul litorale dei tre Comuni, con cui i giovani del territorio intendono sensibilizzare la collettività sull’urgenza di contrastare attivamente il fenomeno dell’inquinamento delle spiagge, dove, ai rifiuti gettati da tanti incivili, si aggiungono quelli portati a riva dalle correnti marine.

“L’iniziativa rientra in un progetto ben più ampio che includerà altre azioni concrete, non che momenti di informazione, formazione e momenti ludici trattanti la tematica ambientale”, si legge sui social del Forum di Battipaglia.

Si parte il 29 giugno da Pontecagnano Faiano, quando, dalle 18:00 alle 20:00, la pulizia si concentrerà sulla spiaggia libera “Gigli di mare”, spiaggia libera tra il camping Salerno e lo stabilimento di Isla Bonita, per proseguire il giorno , 01 Luglio, dalle 17:00 alle 19:00, a Battipaglia, tra il tratto di costa compreso tra gli stabilimenti “El Sombrero” e “Made in Italy”, concludendo sabato 8 luglio dalle 9:00 alle 12:30, nella zona dell’oasi dunale protetta Legambiente Silaris.

Si attendono, dunque, volontari per aiutare i ragazzi a liberare le spiagge dai rifiuti, ricordando che “siamo ospiti di questa terra e non padroni”, come si legge nella locandina dell’evento.

A cura di Agostino Marotta