Servizio di Piazzapulita al Ruggi, il centrodestra chiede intervento ministro Schillaci

Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

“Le immagini andate in onda, ieri sera, durante il programma Piazzapulita di La7 sul pronto soccorso del Ruggi d’Aragona di Salerno sono davvero scioccanti ed evidenziano, semmai ce ne fosse ancora bisogno, l’eclatante fallimento delle politiche sanitarie adottate negli ultimi otto anni dal governatore della Campania De Luca e dai suoi nominati”.

Lo dichiara, in una nota, la deputata Imma Vietri, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Commissione Sanità della Camera, che annuncia la presentazione di un’interrogazione parlamentare al Ministro della Sanità Orazio Schillaci per accertare i gravi fatti denunciati nel corso del servizio televisivo.

“E’ stato straziante vedere medici stremati dormire sulle sedie; pazienti (tra cui anche malati oncologici) legati ai lettini senza ricevere alcuna assistenza, altri che scappavano via persino con il catetere ancora attaccato perché esasperati dal caos del pronto soccorso. Scene davvero agghiaccianti – aggiunge Vietri – che hanno mostrato, questa volta a livello nazionale, la cruda realtà che ormai quotidianamente si vive all’interno del principale ospedale della provincia di Salerno. Negli ultimi mesi, inoltre, illustri medici, fortemente stimati anche a livello nazionale ed internazionale, hanno preferito lasciare proprio il Ruggi d’Aragona, spesso insieme alle loro equipe, per andare a lavorare nelle strutture private a causa dell’assenza di meritocrazia e delle mortificazioni che erano costretti a subire, privando, in questo modo, l’ospedale di Salerno di professionisti che, in passato, hanno dato lustro alla sanità salernitana. Questa è la realtà che De Luca tenta invano di nascondere, ma che è sotto gli occhi di tutti e che accomuna molti ospedali della Campania. E’ evidente – conclude Vietri – che il presidente della Regione non è più in grado di garantire il diritto alla salute e soprattutto la dignità ai cittadini campani”.

Di fronte alle immagini choc che hanno fatto il giro dell’Italia le giustificazioni del Ruggi non bastano: è necessario che qualcuno si faccia da parte”. Questa la riflessione di Aurelio Tommasetti, consigliere regionale della Campania e della Lega, in merito sollevato dal servizio della trasmissione “Piazza pulita” all’ospedale di Salerno e alle successive spiegazioni dai vertici aziendali.

Come si suol dire, la toppa è peggio del buco – commenta Tommasetti – Alla luce di ciò che abbiamo visto, mi riferisco in particolare alle condizioni degradanti in cui sono abbandonati pazienti anche anziani che nel video risultavano anche legati ai letti, attendevamo almeno delle scuse. Invece dalle parole del manager D’Amato emerge ancora una volta l’intento di voler proteggere solo se stessi. Come si può parlare di strumentalizzazione e di eventi estremamente rari? Gli episodi documentati dalla trasmissione non dovrebbero mai accadere in un ospedale pubblico che voglia definirsi tale, e a maggior ragione in un’Azienda ospedaliero universitaria che ha il compito di forgiare i medici del futuro e che è parte dell’Università di Salerno”.

Tommasetti stigmatizza inoltre il silenzio della Regione Campania: “Nella sua diretta del venerdì il governatore De Luca, che tecnicamente è pure assessore alla Sanità, non ha fatto il minimo accenno alla vicenda. Il dolore e la sofferenza di quei pazienti non meritano attenzione? Eppure Salerno e il Ruggi sono sulla bocca di tutti e qualcuno dovrà pagare per una vergogna nazionale. A cominciare dal manager D’Amato da cui si aspetteremmo un passo indietro e non sterili giustificazioni. In mancanza, chiedo l’intervento del ministro Schillaci”.

Il consigliere regionale ricorda la battaglia condotta nei mesi scorsi, a partire dalle dimissioni di Severino Iesu, già primario della Cardiochirurgia d’urgenza all’ospedale salernitano: “Lo smantellamento dell’equipe guidata da Iesu è l’emblema della sanità campana: le eccellenze vengono svilite e costrette a partire, andando ad arricchire altre strutture. Come se non bastasse, ci si aspetta almeno che ad un paziente che entra nell’ospedale vengano garantiti gli standard minimi di cura, dignità e decoro. Ma anche su questo, a quanto pare, stiamo toccando il fondo”.