Salernitana, pari con il Sassuolo.

Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Compro oro e argento usato, negozi Gold Metal Fusion a Salerno, Battipaglia, Nocera Superiore, Agropoli, Vallo della Lucania. Quotazioni dell'oro in tempo reale, pagamento in contanti immediato, oggetti inviati alla fusione.
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin

Salernitana e Sassuolo hanno pareggiato 2-2 in uno degli anticipi della 29/a giornata della Serie A.

Granata in vantaggio con Bonazzoli, raggiunti e superati dagli uomini di Dionisi dall’uno-due di Scamacca e Traore. Nel secondo tempo l’espulsione lampo di Raspadori cambia la gara, dando nuova fiducia alla squadra di Nicola che trova il pari ad una decina di minuti dal termine con il solito Djuric, per poi sfiorare l’impresa al 93’esimo sempre con Bonazzoli, che si vede negare la doppietta e la vittoria da un super intervento di Consigli.

La Salernitana inizia con il solito approccio aggressivo, con ritmo ed intensità, che viene subito premiato all’8′ minuto: dialogo Ruggeri-Verdi, con il tacco del fantasista a liberare l’ex atalantino, cross per la testa di Djuric che ostacolato schiaccia la palla verso Consigli, la cui presa non è delle migliori, tra sole e traversa, e Bonazzoli è il più lesto ad avventarsi e trasformare in oro la prima vera occasione della partita. 

La reazione del Sassuolo sembra non arrivare ma si accende all’improvviso al minuto 20: cambio campo di Berardi per Traore che manda in crash Veseli, il fantasista chiama la sovrapposizione di Kyriakopoulos che mette al centro per Scamacca, lasciato solo da Gyomber, che di testa non sbaglia. La squadra di Dionisi prende coraggio ed alza i giri del motore, trovando alla mezzora addirittura il vantaggio, ribaltando cosi il risultato. Fa tutto Junior Traore, che riceve palla, punta Veseli e Lassana Coulibaly passando nel mezzo, si porta la palla sul destro e fa partire un tiro a giro che non lascia scampo a Sepe. Gol di pregevole fattura dell’Ex Empoli, ormai non più una sopresa per questa Serie A. Ederson lascia il campo a Radovanovic per un infortunio muscolare. La Salernitana è in difficoltà e non riesce a tirare la testa fuori dalla propria metà campo perchè il Sassuolo tiene palla e fraseggia con il suo quartetto, pronto a trovare l’imbucata vincente.

Nella ripresa Nicola cambia le carte: dentro subito Perotti e Zortea, per Kastanos ed un deludente Veseli, mentre Dionisi preserva Chiriches, non al meglio, inserendo Tressoldi. La musica non cambia con il Sassuolo che va due volte vicino alla rete, o per meglio dire, esterno della rete, con Raspadori e Scamacca, prima dell’episodio chiave della gara: Raspadori ad un’ora di gioco rimedia nel giro di 60 secondi due cartellini gialli e lascia la sua squadra in dieci. La Salernitana prendere coraggio, Nicola inserisce forze fresche (Ranieri e Mousset), mentre Dionisi si copre togliendo Berardi e Traore, poco prima della traversa clamorosa di Frattesi che va vicinissimo al goal per la terza volta nel match. La copertura scelta dal tecnico neroverde non basta perchè i padroni di casa trovano subito il pareggio con Djuric: Zortea pesca la testa del capitano che sovrasta Tressoldi e insacca alle spalle di Consigli. Imponente stacco del centravanti bosniaco con il suo marchio di fabbrica che gonfia l’Arechi e carica la squadra per il finale. Il Sassuolo non molla e prova ad affondare il colpo con Kyriakopoulos, ma Sepe risponde presente. L’ultima occasione è però della Salernitana: Bonazzoli tira a botta sicura dopo un liscio di Radovanovic, concludendo un’azione tambureggiante condotta da Zortea e Mousset, ma Consigli si fa perdonare l’errore sul primo goal e si supera, deviando la conclusione del bomber granata.

Termina cosi all’Arechi la gara considerata da molti l’ultima spiaggia per i granata. Un altro pari, tra rimpianti e rammarico, che potrebbe aver messo davvero la parola fine sulla lotta per la permanenza in A della squadra di patron Iervolino.

Il direttore della Salernitana Walter Sabatini è intervenuto ai microfoni di DAZN dopo il pareggio dei granata per 2-2 contro il Sassuolo. “C’è molto rammarico per non aver vinto oggi e non averne vinte altre. È una squadra che non riesce a vincere ed è una mia responsabilita. Sono venuto ad autodenunciarmi. Forse ho fatto un errore di valutazione, pensando che alcuni calciatori inattivi potessero trovare una condizione così velocemente, rispettando comunque molto la loro storia e quello che sono attualmente, perche il Perotti di oggi può giocare ancor ad alti livelli. Ai giocatori non posso comunque dire niente oggi perchè hanno messo molto coraggio ed è una qualità da non disperdere. Abbiamo creato palle gol anche sul 2-2, l’hanno avuta anche loro con la traversa ma stavamo giocando con una squadra fortissima con molti nazionali e potevamo avere sudditanza invece abbiamo messo molto coraggio. Il fatto che non si riesce a vincere è però una mia responsabilità che mi devo assumere nei confronti della società e del publbico meraviglioso perchè mi hanno dato carta bianca, la gente andrebbe gratificata con i risultati. Non parlo di fortuna, però la palla avuta da Bonazzoli all’ultimo minuto, di solito da quella posizione è un cecchino e invece non abbiamo fatto gol, sarebbe stata un’iniezione di fiducia straordinaria per tutto il gruppo però non è successo e ne prendiamo atto”.

Cosa manca per vincere?
“In realtà non molto se fai due gol al Sassuoo e crei tante occasioni nel finale. Forse un pò di fortuna ma la fortuna bisogna saperla cogliere, rimane una partita di alto livello. Mi dispiace per Ederson che oggi stava finalmente mettendo in campo tutte le sue grandi qualità. Questa però è la mia squadra e non la rinnegherò mai e sarò sempre con loro sia quando si vince che quando si perde” .

L’allenatore della Salernitana, Davide Nicola, è intervenuto ai microfoni di DAZN dopo la partita pareggiata 2-2 col Sassuolo. Queste le dichiarazioni del tecnico granata: “Giochiamo sempre per vincere, dei risultati delle altre mi interessa poco. Se guardiamo la classifica abbiamo guadagnato un punto ma noi vogliamo sempre vincere. Non sono scontento, so che possiamo fare ancora meglio ma la squadra ci mette il cuore e le idee, abbiamo fatto i primi 25 minuti di grande qualità. Poi abbiamo pagato dazio sulla lettura di alcune uscite in pressione e abbiamo subito questo 1-2 che ci ha fatto chiudere il primo tempo in difficoltà. Nel secondo tempo siamo entrati com la voglia di accettare l’uno contro uno e di uscire in pressione più alta. Abbiamo lottato fino all’ultimo agguantando per la terza volta la partita. Noi vorremmo tutto e subito ma non è facile, abbiamo fatto tre risultati su quattro partite e non è neanche un mese che lavoro con questi ragazzi che ci mettono l’anima e questo mi basta”.

Sabatini ha detto che è colpa sua se non si vince. Cosa manca per vincere?
“Il direttore è sempre molto autocritico perchè ha una qualità tecnica e morale indiscutibile. Non è sicuramente sua la colpa se non vinciamo. Non è un fallimento perchè produciamo numeri chiari e certi per vincere le partite. Noi non molliamo a prescindere da chi sia l’avversario. Prima o poi raggiungeremo il risultato”.

Giocate sempre per vincere, tra 8 giorni contro la Juventus avrete lo stesso approccio?
“L’approccio che vuole avere la Salernitana è quello di proporre gioco ed essere aggressiva. Chiaro che c’è anche un discorso legato alle due fasi, bisogna avere la capacità di avere equilibrio e di migliorare alcune letture in campo ma è un processo che può arrivare solo con l’allenamento e con le partite. Chi vede la Salernitana in questo momento non può essere scontento per quello che fanno i ragazzi e per la voglia di vincere sempre le partite”.

Ederson come sta?
“Ha sentito un pò indurirsi il muscolo. Non abbiamo ancora parlato con lo staff medico, vedremo la problematica”.