L’eredità, sabato 30 al Teatro del Giullare

Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven

Sabato 30 settembre 2023, alle ore 20.30, presso il Piccolo Teatro del Giullare, a Salerno, prima assoluta de “L’eredità” di Francesco Maria Siani, per la regia di Francesco Petti.

In scena: Roberto Nisivoccia, Anna Nisivoccia e Andrea Palladino.

Lo spettacolo sarà replicato nei sabati e nelle domeniche successive, ovvero  nei giorni 1, 7, 8, 14, 15 ottobre (il sabato alle 20.30 e la domenica alle 18.30).
Si tratta di un atto unico che ruota intorno alle dinamiche relazionali familiari, allo scontro e alle difficoltà di dialogo tra le generazioni.  “L’eredità è un testo complesso – scrive Petti nelle note di regia – che mette a dura prova chi lo interpreta. Le parole riescono a essere poetiche e quotidiane, dense e piene di sotto-testi e rimandi”. Ancora al giorno d’oggi, la famiglia appare come paradigma di una società patriarcale incapace di adeguarsi ai mutamenti epocali, generazionali, culturali, che si nutre di vanità, di pregiudizi, di non-detti; che coltiva l’ideologia del politicamente corretto, delle diversità razziali, sessuali, religiose, portando l’uomo a chiudersi nella discriminazione, nel risentimento, piuttosto che ad aprirsi alla tolleranza e al perdono.

La sinossi. Per recuperare gli effetti che alla sua morte la madre Marta gli ha lasciato, Enzo ritorna nella casa familiare per la prima volta quindici anni dopo essersene andato; rivede il padre Saverio che, colpito al cervello dall’arteriosclerosi, non ha consapevolezza della morte di Marta, ma crede invece che per ripicca dopo quasi cinquant’anni di matrimonio la moglie lo abbia lasciato, abbandonandolo al suo destino. La relazione tra padre e figlio è stata da sempre conflittuale: Saverio, un contadino emigrato dal Sud in una città industriale del Nord, di stampo patriarcale, nostalgico del duce; Enzo, un sessantottino che ha attraversato appieno il suo tempo, portandone le cicatrici sulla pelle.  Tra di loro, Marta: avulsa da sentimenti di rabbia e di rancore, finché ha potuto ha portato sulle spalle tutto il loro peso pur di salvare, quantomeno nelle apparenze, il nucleo familiare. Il confronto tra Saverio ed Enzo è una bomba a orologeria ad ogni momento sul punto di esplodere e seminare distruzione: guardando in faccia il passato, fuoriescono le verità che, mai dette, hanno avvelenato le loro esistenze.