“ L’attentato ad Attanasio e Iacovacci in Congo  un attentato alla sicurezza nazionale”. L’ambasciatore Cosimo Risi all’incontro organizzato dai Club Rotary Salernitani.

0
807
Infissi a Salerno con lo sconto del 50% ecobonus - preventivi gratuiti



Atelier Caliani abiti da sposa a Salerno Jesus Peiro Nicole Milano Nicole Couture


L’ Ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo Luca Attanasio, 44 anni da compiere, ucciso nell’area più pericolosa del Congo insieme al carabiniere Vittorio Iacovacci, di 30 anni, e  a Mustapha Milambo, l’autista della jeep non blindata a bordo della quale viaggiavano, sono stati ricordati dall’Ambasciatore Cosimo Risi,  da  Don Antonio Romano, dall’avvocato Tommaso Maria Ferri e dal  Past President del “Rotary Club Salerno Duomo”, Francesco Dente, durante l’incontro organizzato su piattaforma dal “Rotary Club Salerno Nord dei Due Principati”, presieduto dal dottor Carmelo Orsi, in interclub con il “Rotary Club Salerno a.f. 1949”, presieduto dal dottor Rocco Pietrofeso,  in collaborazione con i Club Rotary e Rotaract salernitani,  e grazie al Past President Vittorio Villari.

Don Antonio Romano, Vicario Episcopale e parroco di Santa Croce e San Felice in  Salerno, dal 2009 al 2017  è stato missionario in  Congo, proprio nei luoghi dov’è stato ucciso l’ambasciatore:” La sera prima dell’attentato mi ero sentito con Padre Franco Bordignon, il missionario saveriano della comunità di Bukavu dove il giorno prima era stato in visita l’ambasciatore Attanasio:  per i padri  saveriani era la prima volta che avevano  l’occasione di incontrare un ambasciatore. Attanasio ha cenato e pranzato con loro, ha assistito alla messa e parlato dei progetti che voleva realizzare in quei luoghi. Il giorno dopo si è messo in cammino e poi c’è stato l’attentato. E’ morto sul campo, in quell’Africa che aveva sempre amato. Un uomo buono, di pace, di fede, attento alle sofferenze della popolazione locale             e attivo nel portarle aiuto e conforto.. Era una persona scomoda, che dava fastidio a chi è lì per altri interessi: le guerre in Congo sono fatte dai congolesi, ma sono  animate da altri che forniscono anche le armi”. L’ambasciatore salernitano  Cosimo Risi,  docente presso l’Università Federico II di Napoli e di Salerno,  Past President del “Rotary Club Salerno a.f. 1949”, ha conosciuto personalmente l’ambasciatore Attanasio:” Al “Circolo degli Esteri” di Roma dove veniva sempre accompagnato dalle sue  bimbe. Era un                esponente         di            altissimo             valore   del         nostro  corpo   diplomatico”. Il dottor Risi ha parlato della  sicurezza delle sedi diplomatiche all’ estero nei paesi ad alto rischio e della sicurezza personale degli ambasciatori:” La sicurezza nel caso del Congo ha lasciato a desiderare: se ci fosse stato un livello di sicurezza più elevato, sia da parte dell’Onu, che organizzava il convoglio, sia da parte delle autorità italiane, l’accaduto sarebbe stato meno tragico. S’ipotizza che lo scopo dell’attacco, terminato tragicamente con un conflitto a fuoco, sia stato il sequestro dell’ambasciatore per ottenere il riscatto. Ci sarebbe stata una trattativa e l’Italia, che ha sempre pagato, sicuramente  lo avrebbe fatto anche in questo caso.  Ci sono varie indagini in atto, ma prevedo che sarà difficile appurare la verità”. L’ambasciatore Risi ha anche sottolineato l’importanza di guardare alla politica estera:” Significa capire come va il mondo:  la politica estera è complementare a quella interna e lo è maggiormente nell’ epoca della globalizzazione. L’attentato ad Attanasio e Iacovacci è un attentato alla sicurezza nazionale”. A moderare l’incontro è stato l’avvocato Tommaso Maria Ferri, Presidente della “Fondazione Rachelina Ambrosini” che opera, con progetti di solidarietà,  in tanti paesi africani: “Con questo attentato siamo stati colpiti noi italiani, ma questo lutto coinvolge anche quelle popolazioni. Le mani di quei delinquenti sono ancora sporche di sangue e lo saranno per tutta la vita, perché continueranno ad ammazzare; le abbiamo armate anche noi, per i nostri discutibili interessi, perché abbiamo ogni giorno necessità di avere quella tecnologia avanzata che vogliamo sempre più veloce e che è certamente utile. In quel contesto, dove è stato ammazzato il nostro ambasciatore, ci sono tante ricchezze: una in particolare il Coltan,  un  piccolo minerale indispensabile per i nostri amati cellulari. E’ presente principalmente in Congo ed è estratto da adulti e anche da centinaia di bambini, spesso strappati da rapitori senza scrupoli alle proprie famiglie. Bisogna parlare ogni giorno di ciò che accade in quelle realtà: dobbiamo sconfiggere il virus dell’indifferenza, della violenza, dove le prime vittime sono i bambini. Non bisogna costruire muri, ma ponti, come quello che stava costruendo il nostro ambasciatore”.  Il Past President del  “Rotary Club .  Salerno Duomo”, Francesco Dente, è stato più volte in Congo: ” Con Don Antonio, grazie ai soci dei Club rotariani salernitani,  abbiamo portato  all’Ospedale Universitario Cattolico di Bukavu, una TAC: C’era gente che faceva  600 chilometri a piedi per fare la Tac, ne abbiamo viste di tutti i colori,  sparavano per strada, abbiamo avuto paura, ci è andata bene”. (FOTO DI  ATTANSIO E IACOVACCI DI AGENPRESS .IT).

Aniello Palumbo

 

 

 

 

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here