LA LETTERATURA TESTIMONIALE SPIEGATA DALLA PROFESSORESSA ROSA MARIA GRILLO AL ROTARY CLUB SALERNO DUOMO

Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com

Primo Levi mentre stava ad Auschwitz. pensava fortemente a tre cose: ritornare, mangiare, raccontare. Raccontare come terapia, come dovere per far conoscere ciò che altrimenti non potrebbe essere conosciuto. Questa è letteratura testimoniale: un genere letterario che in Italia non è molto riconosciuto come genere autonomo, come lo è invece la struttura autobiografica, la saggistica, la narrativa. In altre parti del mondo, come l’America Latina, la letteratura testimoniale raccoglie una serie di scritti di chi si è trovato a vivere in condizioni al limite della sopravvivenza, come ad esempio nei campi di sterminio o in situazioni di catastrofi naturali, ed essendo sopravvissuto vuole darne testimonianza in nome anche di coloro che non sono sopravvissuti perché la storia ufficiale, come sappiamo, è sempre scritta dai vincitori. Ascoltare la testimonianza dei perdenti, di coloro che sono sopravvissuti è un dovere necessario per correggere la storia”. A spiegare il significato della letteratura testimoniale è stata la professoressa Rosa Maria Grillo, Direttore del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Salerno, durante la conviviale rotariana a lei dedicata, organizzata al Grand Hotel Salerno dal Presidente del Club Rotary Salerno Duomo, il dottor Michele Pellegrino, che ha introdotto la relatrice ricordando un antico proverbio africano:” Finché i leoni non avranno i propri storici, le storie di caccia continueranno a celebrare il cacciatore”.   La professoressa Grillo, che insegna Lingua e Letteratura Ispanoamericana all’Università di Salerno, ha spiegato che la letteratura testimoniale ha qualcosa della scrittura autobiografica, qualcosa della narrativa e qualcosa della saggistica e che anche in America Latina riconoscono in Primo Levi come il capostipite della Letteratura Testimoniale:” A Cuba è stato anche istituito un premio letterario dedicato a questo tipo di letteratura. Dal 1970 a oggi, ogni anno, assegnano questo premio ad opere valutate per i meriti letterari, per l’attualità del tema e per la trascendenza politica e sociale, che poi sono gli elementi principali che costituiscono la letteratura testimoniale”. In questo periodo si parla molto di negazionismo:” Dopo la Seconda Guerra Mondiale per molti anni non si è parlato di Olocausto, dei campi di sterminio, perchè si è preferito tacere. Tante cose vengono alla luce solo dopo molti anni in processi di costruzione e revisionismo della storia”. La scrittrice salernitana che dirige la collana di narrativa “A Sud del Rio Grande”, ha spiegato che ci sono varie forme di letteratura testimoniale: “ Ci sono anche delle poesie” e che sono stati scritti dei libri con le testimonianze dei figli dei torturatori delle varie dittature dell’America Latina: Argentina, Cile, Paraguay e Uruguay:” Che sapevano o hanno scoperto dopo quello che facevano i loro padri”.   Ospiti della serata la scrittrice Antonia Dininno e il professor Sebastiano Martelli.

Aniello Palumbo