Digitalizzazione e transizione energetica, il convegno all’Università di Salerno.

Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
CartolibreriaShop.it acquista online tutti i prodotti per la scuola e per l'ufficio. Zaini, astucci, colori, penne, quaderni, raccoglitori, evidenziatori, Stabilo, Legami Milano, Eastpack, Invicta, Pool Over, Panini, Seven
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace

Questa mattina, mercoledì 24 maggio, nell’Aula Cilento dell’Università degli Studi di Salerno, si è tenuto il convegno di studi dal tema “Digitalizzazione e transizione energetica”, organizzato dal Dipartimento di Scienze Giuridiche UNISA.

 

Dopo i saluti istituzionali di Vincenzo Loia – Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Salerno, Giovanni Sciancalepore – Direttore Dipartimento di Scienze Giuridiche, Francesco Fasolino – Presidente Consiglio Didattico Dipartimento di Scienze Giuridiche, Raffaele D’Alessio – Direttore Dipartimento di Scienze Aziendali – Management e Innovation Systems, sono intervenuti: i professori UNISA, Francesco Buonomenna, Giorgio Giannone Codiglione e Valerio Antonelli, Domenico De Rosa –  Presidente SMET Group, Massimiliano Gambardella – University Relations Manager di PagoPA Spa, Paolo Pietrogrande, Managing partner Netplan Management Consulting.

 

Ha presieduto Remo Morzenti Pellegrini, Vicepresidente della Scuola Nazionale dell’Amministrazione.

 

Le conclusioni sono state affidate a: Maria Paola Quaglia – responsabile Affari Legislativi ENEL e Alessandro Moricca – Amministratore unico PagoPA Spa.

 

Il convegno di studi – ha spiegato il direttore Sciancalepore, al quale è stata affidata anche l’introduzione dell’evento – rappresenta la conclusione del primo triennio del Corso di Laurea in Giurista d’Impresa e delle Nuove Tecnologie. Questo Corso di laurea, a numero chiuso, al quale hanno partecipato studenti anche di altre regioni, è uno dei pochi corsi italiani con questo indirizzo. Come ateneo salernitano, abbiamo lavorato anche su una intensa attività di formazione con professionisti, manager, esperti del settore nazionali ed internazionali. I nostri laureati, a fine Corso, avranno acquisito una formazione didattica e professionale già molto importante che li farà accedere in modo brillante nel mondo del lavoro.

 

Il Convegno, momento celebrativo e necessario di questo triennio che sta volgendo al termine, percorre temi quanto mai essenziali e attuali che noi, come Dipartimento, stiamo solcando concretamente. Lavoriamo sempre più in un’ottica di rafforzamento con il territorio, con soggetti istituzionali e privati che impegneranno i nostri giovani in percorsi formativi e professionali importanti per il loro futuro. Non a caso, molti dei relatori presenti oggi, rappresentano già realtà con le quali i nostri allievi si rapportano in una interlocuzione proficua e preziosa”.

 

“Il tema trattato oggi in questo convegno di studi, – ha sottolineato Domenico De Rosa –  Presidente SMET Group – è quanto mai attuale e importante. Le aziende, per competere nel mondo globale, devono adeguarsi a questi nuovi strumenti che migliorano l’esperienza produttiva, creando migliore efficienza in tutti i processi aziendali.

La trasformazione digitale si basa sulle nuove tecnologie ma anche sulla capacità di creare nuovi modelli di business e sulla ridefinizione delle preesistenti strutture organizzative e sulla stessa cultura aziendale che va rimodulata.

 

Troppe volte ho sentito la frase che nel Mezzogiorno manca tutto. Ai giovani e agli imprenditori io rispondo che se non abbiamo nulla, allora possiamo fare tutto. Dove non c’è nulla, tutto è possibile.

 

Consideriamo che nel Sud, l’intelligenza artificiale ha una percentuale di applicazione in una media standard con il resto d’Europa, non è pensabile che ci chiudiamo a pensieri pessimistici.

 

Noi dobbiamo proporci come traino dell’intero Paese, come locomotiva dell’Italia e non come vagone che viene trainato.

 

È proprio per questo che, come Gruppo Smet, investiamo nella formazione dei giovani e abbiamo un interessante rapporto di collaborazione con questo innovativo Corso di Laurea di cui si sta concludendo questo primo ciclo. Siamo sempre aperti e interessati ad investire nella cultura e nella formazione delle nuove generazioni. Senza questo passaggio, che vede protagonisti i giovani, l’Italia non potrà porsi in posizioni privilegiate nello scacchiere europeo”.