Contratti di insegnamento per il personale dell’Asl Salerno, la Fials provinciale chiede chiarezza sulle selezioni pubbliche

Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Compro oro e argento usato, negozi Gold Metal Fusion a Salerno, Battipaglia, Nocera Superiore, Agropoli, Vallo della Lucania. Quotazioni dell'oro in tempo reale, pagamento in contanti immediato, oggetti inviati alla fusione.
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Laurea online presso l'Università telematica Unicusano Salerno sede di esame

La Fials Salerno chiede chiarezza sulle selezioni pubbliche riservate al personale dell’Asl Salerno e, in particolare, sui Corsi di laurea delle Professioni sanitarie in infermieristica e fisioterapista.

Nel mirino ci sono i conferimenti di contratti di insegnamento per l’anno accademico 2023/2024. “Nel bando si tiene presente del protocollo d’intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Salerno che disciplina lo svolgimento dei corsi di laurea delle professioni sanitarie presso il Dipartimento di Medicina, Chirurgia e Odontoiatria “Scuola Medica Salernitana”, ed in particolare l’articolo 5, che stabilisce che “nelle sedi delle aziende ospedaliere o gli Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico altre strutture del Servizio sanitario nazionale la titolarità dei corsi d’insegnamento previsti dall’ordinamento universitario è affidata, di norma, a personale del ruolo sanitario dipendente delle strutture presso le quali si svolge la formazione stessa, in possesso dei requisiti previsti. Qualora la struttura presso la quale si svolge la formazione non disponga di unità di personale del ruolo sanitario in possesso dei requisiti previsti in numero tale da assicurare la copertura degli insegnamenti previsti dall’ordinamento universitario, la titolarità sarà affidata dal presidente, previa delibera del Consiglio di Facoltà, al personale universitario secondo le disposizioni normative regolamentari vigenti. In assenza di personale sia del Servizio sanitario nazionale sia dell’Università con i previsti requisiti per la docenza, il Consiglio di Facoltà può proporre di affidare, mediante contratto di diritto privato secondo le disposizioni normative regolamentari vigenti, la titolarità dei corsi di insegnamento, nonché le attività didattiche integrative dei corsi di insegnamento, a soggetti, in possesso di comprovata qualificazione professionale e scientifica, esterni al sistema universitario ed esterni alla struttura sanitaria sede del corso di laurea”. L’avviso, inspiegabilmente non presenta gli insegnamenti Med/45, ossia, quelli che vengono effettuati da personale del comparto con laurea magistrale, specialistica, vecchio ordinamento nel settore scientifico disciplinare di riferimento”, ha detto Carlo Lopopolo, segretario generale della Fials provinciale in una nota inviata ai vertici di Asl, Università di Salerno e Ordine delle professioni infermieristiche.

 

Nel mirino della Fials, poi, è finito anche un ulteriore avviso, per il conferimento di ulteriori 44 selezioni pubbliche, per titoli, per il conferimento di contratti di insegnamento dell’anno accademico 2023/2024, mediante stipulazione di contratti di diritto privato. “In questo caso, improvvisamente, compaiono gli insegnamenti Med/45. Si evidenzia che in questo bando, che prevede 44 selezioni, non viene citato assolutamente il protocollo d’intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Salerno che disciplina lo svolgimento dei Corsi di laurea delle professioni sanitarie presso il Dipartimento di Medicina, Chirurgia e Odontoiatria “Scuola Medica Salernitana”. Altresì, nel bando, si rileva la necessità di attivare 44 procedure selettive, a titolo retribuito, per la copertura di insegnamenti vacanti, mediante la stipula di contratti di diritto privato, a tempo determinato, per l’anno accademico 2023/2024”, ha continuato Lopopolo. “Come sigla sindacale, ribadiamo che come indicato nel protocollo d’intesa la stipula di contratti di natura privata è considerata l’extrema riatio di tali processi valutativi. Basti pensare che nello stesso giorno, il medesimo Dipartimento pubblica l’avviso di selezioni pubbliche, della stessa natura, però riservato al personale dell’Azienda ospedaliera universitaria di Salerno che prevede tutte le linee di insegnamento senza contratti di natura privata, in piena linea con il protocollo d’intesa. Tale modalità si riflette in tutte le aziende sanitarie della Campania, le cui sedi sono titolari dei corsi di insegnamento. L’unica eccezione ricade sull’Asl Salerno, dove, gli insegnamenti Med/45, sono di natura privata. Eccezionalmente, tale anomalia è riscontrabile solo dal 1 gennaio scorso. Prima di questa data gli insegnamenti erano messi sempre a bando, Med/45 compreso, ovviamente, non vi era una rotazione/suddivisione tra gli idonei aventi diritto, in quanto potevano essere assegnati ad unico vincitore. Ora, invece, che tutti avevano alimentato questa speranza, complice qualche pensionamento, viene dispensato il protocollo di intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Salerno che, invece, dovrebbe essere seguito pedissequamente in tutti i suoi punti. La cosa strana è che i dipendenti dell’Asl Salerno sono “costretti”, pur di espletare l’insegnamento, valorizzando le proprie competenze, a partecipare a selezioni dell’Università Federico II, che svolge tirocinio a Salerno. Ci sono diversi professionisti che hanno competenze di primissimo livello, che non possono esprimersi nell’Università della propria provincia e, quindi, devono “emigrare” in altre realtà universitarie. Questo è un concetto assolutamente misterioso. Ecco perché la Fials chiede l’immediata applicazione del protocollo d’intesa tra Regione Campania e Università degli Studi di Salerno, in modo da garantire un processo di selezione che preveda tutti i passaggi stabiliti nel protocollo stesso”.