Bandiere Blu 2023, la Campania sale a 19, novità San Mauro Cilento.

Caliani, atelier di abiti da sposa e sposo a Salerno ed Avellino, Jesus Peiro, Nicole Milano, Thomas Pina, Tombolini

Deposito bagagli e valigie a Salerno a 200 metri dalla stazione di Salerno. Prenota il ritiro dei tuoi bagagli con SalernoBagagli.com
Gioielleria Juliano a Salerno, scegli il regalo perfetto per te o per chi ami tra i gioielli di Giovanni Raspini, Mirko Visconti, Marcello Pane, Donna Oro, gli orologi Philip Watch, Seiko
Salerno Immobiliare è un’agenzia immobiliare che fornisce supporto e strumenti ai clienti in cerca di immobili in affitto e in vendita
Università telematica Unicusano presso il learning center di Pagani sede di esame
Compro oro e argento usato, negozi Gold Metal Fusion a Salerno, Battipaglia, Nocera Superiore, Agropoli, Vallo della Lucania. Quotazioni dell'oro in tempo reale, pagamento in contanti immediato, oggetti inviati alla fusione.
MarketIervolino.it il negozio online di intimo donna e uomo, biancheria per la casa, prodotti per l'infanzia
Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella gestione dei social network come Facebook, Instagram, Linkedin
Ecommerce di successo è un programma di Kynetic agenzia web di Salerno specializzata nella consulenza e nella realizzazione di siti web di commercio elettronico integrate con Amazon, Ebay e i migliori marketplace

Sono 226 le località rivierasche e 84 gli approdi turistici che in Italia potranno fregiarsi del riconoscimento Bandiera Blu 2023. Questi 226 Comuni italiani, per complessive 458 spiagge, corrispondono a un quarto delle spiagge italiane, anche lacuali oltre che marine, e a circa l’11% delle spiagge premiate a livello mondiale. Sono 16 le Bandiere Blu in più rispetto allo scorso anno. In testa la Liguria, quindi la Puglia. Ad assegnare le Bandiere Blu è la Foundation for Environmental Education (FEE), con una cerimonia di premiazione alla presenza dei sindaci interessati svoltasi a Roma questa mattina presso la sede del CNR, con intervento del ministro del Turismo, Daniela Santanchè.

Qui l’elenco di tutte le località premiate

È la 38esima edizione di questo appuntamento. Nella fase di valutazione portata avanti dalla Commissione valutatrice, hanno dato il loro contributo diversi Enti Istituzionali tra i quali appunto il ministero del Turismo, con il ministero dell’Agricoltura, Sovranità alimentare e foreste, l’Istituto Superiore di Sanità, gli Ordini dei Chimici e dei Fisici; università come quella della Tuscia-Laboratorio di Ecologia Marina; l’Università per Stranieri di Perugia, nonché organismi privati quali i sindacati balneari (SIB-Confcommercio – FIBA – Confesercenti). L’iter procedurale, certificato secondo la norma UNI-EN ISO 9001:2015, ha guidato la valutazione delle candidature permettendo alla giuria nazionale, dopo l’approvazione della giuria internazionale, il raggiungimento del risultato finale.

Nel corso della manifestazione sono state premiate quelle località le cui acque di balneazione sono risultate eccellenti negli ultimi 4 anni, come stabilito dai risultati delle analisi che, nel corso di questo arco temporale, le ARPA (Agenzie Regionali per la Protezione dell’Ambiente) hanno effettuato nell’ambito del Programma Nazionale di monitoraggio, condotto dal Ministero della Salute. I Comuni hanno potuto presentare direttamente tali risultati, in quanto c’è piena corrispondenza tra quanto richiesto dalla FEE e quanto effettuato dalle ARPA, in termini di numero di campionamenti e di indicatori microbiologici misurati.

I criteri di valutazione

I 32 criteri del Programma sono aggiornati periodicamente in modo tale da spingere le amministrazioni locali partecipanti ad impegnarsi per risolvere, e migliorare nel tempo, le problematiche relative alla gestione del territorio al fine di una attenta salvaguardia dell’ambiente. Grande rilievo viene dato alla gestione del territorio messa in atto dalle Amministrazioni comunali. Sono diversi gli indicatori considerati, tra cui l’esistenza e il grado di funzionalità degli impianti di depurazione; la percentuale di allacci fognari nel territorio; la gestione dei rifiuti; l’accessibilità; la sicurezza dei bagnanti; la cura dell’arredo urbano e delle spiagge; la mobilità sostenibile; l’educazione ambientale; la valorizzazione delle aree naturalistiche; le iniziative promosse dalle Amministrazioni per una migliore vivibilità nel periodo estivo.

Inoltre, l’azione di sensibilizzazione intrapresa affinché i Comuni portino avanti un processo di certificazione delle loro attività istituzionali e delle strutture turistiche che insistono sul loro territorio. Soddisfazione viene espressa da Claudio Mazza, presidente della Fondazione Fee Italia: “Anche quest’anno registriamo un notevole incremento dei Comuni che hanno ottenuto il riconoscimento della Bandiera Blu, ben 226 con 17 nuovi ingressi. Una progressione che cresce di anno in anno: basti pensare che nel 1987 – primo anno dell’assegnazione del riconoscimento – i Comuni Bandiera Blu in Italia sono 37, nel 1997 arrivano a 48, nel 2007 a 97, nel 2017 diventano 164, fino ad arrivare a oggi, con sempre più località che si avvicinano al percorso facendo una chiara scelta di campo per la sostenibilità”.

I Comuni Bandiere Blu rappresentano circa un quarto di tutte le spiagge italiane, e quindi “parliamo di eccellenze del turismo nazionale che possono contare su una strategia articolata e su una visione che non tralascia alcun elemento presente sul territorio. Bandiera Blu – aggiunge Mazza – è ormai riconosciuto come uno strumento di straordinario impatto non solo territoriale ma anche sociale, in cui ciascuno è chiamato a fare la propria parte e a mettersi a servizio della comunità nell’ottica di uno sviluppo sostenibile e inclusivo del territorio”.

Durante la cerimonia di premiazione è stato affrontato il tema dell’accessibilità nel turismo, che costituisce uno dei criteri imperativi di Bandiera Blu, tema sollecitato dall’intervento alla conferenza di Anna Grazia Laura, presidente di Enat (European Network for Accessible Tourism), partner a livello internazionale di Bandiera Blu. Quest’anno è stato inoltre confermato l’importante parametro dell’impegno sociale e dell’inclusività, in linea con l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Per stimolare i Comuni in questo percorso, la Fondazione FEE Italia ha infatti coinvolto la Fondazione Dynamo Camp, una delle più importanti realtà italiane che opera dal 2006 ed offre gratuitamente specifici programmi di terapia ricreativa rivolti a bambini e adolescenti affetti da malattie croniche, in terapia o nel periodo di post-ospedalizzazione, ai fratelli sani e alle loro famiglie. Questa collaborazione si concretizza affiancando la Fondazione Dynamo nel progetto “2+ Milioni di KM 2022 – La vostra energia la loro Felicita’”, una sfida in bicicletta in cui i Comuni Bandiera Blu possono gareggiare iscrivendosi come capi squadra e coinvolgendo cittadini, gruppi o altre strutture.

Una sfida civica e solidale a cui tutti possono partecipare, pedalando insieme per raggiungere un totale di 2+ milioni di km e raccogliere fondi per Dynamo Camp. Registrando di volta in volta i chilometri percorsi in bicicletta in qualsiasi parte del territorio comunale, per ogni di essi si potrà fare una donazione libera.

Progetto Bandiera Blu

C’è poi il progetto Bandiera Blu – Pesca e Ambiente, sviluppato in questi anni con la collaborazione della Direzione Generale della Pesca del il Ministero dell’Agricoltura, Sovranità alimentare e delle Foreste, che è riuscito con ottimi risultati a sensibilizzare il mondo della pesca alle tematiche ambientali ed alla valorizzazione delle tradizioni locali ad esso legate. Quanto agli 84 approdi turistici premiati, questi dimostrano che la portualità turistica ha consolidato le scelte di sostenibilità intraprese, rispondendo ai requisiti previsti per l’assegnazione internazionale, garantendo la qualità e la quantità dei servizi erogati nella piena compatibilità ambientale.

Guardando i risultati ottenuti in questa edizione, si nota, come detto, un trend di crescita delle località Bandiera Blu rispetto al precedente anno. Ci sono 16 Comuni Bandiere Blu in più rispetto ai 210 dello scorso anno: 17, come detto, sono i nuovi ingressi, 1 il Comune non confermato. Nel dettaglio per regioni, la Liguria segna 2 nuovi ingressi e raggiunge quota 34 località, la Puglia sale a 22 riconoscimenti con 4 nuovi Comuni. Seguono con 19 Bandiere la Campania e la Toscana, entrambe con un nuovo ingresso; la Calabria con due nuove Bandiere Blu.

Le Marche salgono a 18, con un nuovo ingresso. La Sardegna conferma le sue 15 località, l’Abruzzo resta a 14, la Sicilia a 11, il Lazio a 10. Rimangono invariate anche le 10 bandiere del Trentino Alto Adige. L’Emilia Romagna vede premiate 9 località con un’uscita e un nuovo ingresso; sono riconfermate le 9 Bandiere del Veneto. La Basilicata conferma le sue 5 località; si registrano 2 nuovi ingressi in Piemonte che così ottiene 5 Bandiere; il Friuli Venezia Giulia conferma le 2 dell’anno precedente. La Lombardia sale a 3 Comuni Bandiera Blu, con due nuovi ingressi, il Molise conquista 2 Bandiere con un nuovo Comune.

Le Bandiere sui laghi sono 21, con 4 nuovi ingressi

I criteri, imperativi e guida, per l’assegnazione della Bandiera Blu sono l’assoluta validità delle acque di balneazione secondo regole più restrittive di quelle previste dalla normativa nazionale sulla balneazione (quindi solo quelle classificate come “eccellenti” negli ultimi quattro anni); regolari campionamenti delle acque effettuati nel corso della stagione estiva.

Il 2023 non ha deluso le attese degli amanti del mare, consegnando una volta ancora le tanto agognate Bandiere Blu. In particolare, la regione della Campania si distingue con ben 19 località premiate, accogliendo tra queste anche una novità: San Mauro Cilento, situato nella provincia di Salerno, che si conferma detentrice del record di riconoscimenti.

L’arrivo dell’estate porta con sé l’annuncio delle Bandiere Blu, un prestigioso riconoscimento assegnato annualmente dalla Ong Fee (Foundation for environmental education). Questo premio internazionale, presente in 81 nazioni, celebra le migliori destinazioni balneari che si distinguono per la limpidezza e la purezza delle acque marine. Nel corso del 2023, la Campania ha visto l’aggiunta di una sola nuova località al suo elenco, San Mauro Cilento, situato nella provincia di Salerno, che mantiene il primato per il maggior numero di riconoscimenti.

La Campania e le sue Bandiere Blu, l’elenco

Tra le cinque province della Campania, solo tre si affacciano sul mare. Solo le province di Napoli e Salerno hanno avuto l’onore di ricevere le Bandiere Blu, escludendo quindi la provincia di Caserta. Con 19 località premiate, la Campania si posiziona al terzo posto nel ranking nazionale, a pari merito con la Toscana e la Calabria, superata dalla Puglia e dalla Liguria, rispettivamente al secondo e al primo posto. Ecco le località e le rispettive spiagge premiate con la Bandiera Blu in Campania nel 2023.

Le Località Premiate in Campania

Napoli

  • Anacapri: Faro Punta Carena; Gradola-Grotta Azzurra
  • Massa Lubrense: Baia delle Sirene; Marina del Cantone; Marina di Puolo; Recommone
  • Vico Equense: Bikini, Scrajo Mare, Marina di Vico-Marina di Seiano Ovest Porto, Capa la Gala
  • Sorrento: San Francesco-Marina Grande; Riviera di Massa
  • Piano di Sorrento: Marina di Cassano

Salerno

  • Montecorice: Baia Arena; Spiaggia Capitello; Spiaggia Angone; San Nicola
  • Capaccio: Licinella; Varolato-La Laura-Casina D’Amato; Torre di Paestum-Foce Acqua dei Ranci
  • Agropoli: Spiaggia libera Porto; Lungomare San Marco; Torre San Marco; Trentova
  • Pisciotta: Ficaiola-Torraca-Gabella; Pietracciaio-Fosso della Marina-Marina Acquabianca
  • Casal Velino: Dominella-Torre; Lungomare-Isola
  • Centola: Palinuro; Marinella
  • Pollica: Acciaroli; Pioppi
  • Vibonati: Santa Maria le Piane; Torre Villammare; Oliveto
  • Positano: Spiaggia Grande; Spiaggia Arienzo; Spiaggia Fornillo
  • Castellabate: Lago Tresino; Marina Piccola; Pozzillo-San Marco; Punta Inferno; Baia Ogliastro
  • Ascea: Baia di Velia; Torre del Telegrafo; Marina di Ascea
  • Marina di Camerota: Cala Bianca
  • Ispani (Salerno)
  • San Mauro Cilento (Salerno)

A cura di Luigi Mario Meazza