La Campolongo Hospital RN Salerno perde a Firenze 13-7, giocando quasi tutto l’ultimo quarto a un uomo in meno

0
24

Alla piscina Nannini di Firenze, nel pomeriggio di sabato 30 novembre, si gioca la gara tra Rari Nantes Florentia e Campolongo Hospital RN Salerno, valida per la decima giornata del campionato di serie A1 di pallanuoto.

La piscina toscana sembra una succursale della Vitale, con tantissimi tifosi giunti da Salerno, che sovrastano in tifo e numero i pochissimi sostenitori fiorentini.

I giallorossi salernitani scendono in acqua con grinta e determinazione, spingendo la gara sul giusto binario, soprattutto grazie allo sprint di Cuccovillo, autore nel primo quarto di ben 3 reti, che chiudono il parziale sul 3-2. Secondo quarto in pareggio 2-2, con Fortunato e Luongo in rete per i salernitani. Da questo tempo, comincia a salire in cattedra il portiere della Florentia Cicali, che neutralizza un rigore a Elez (e uno a Luongo nel quarto tempo), oltre a sfoderare grandissime parate che tengono a galla i suoi. Nella terza frazione la Rari sbaglia molto in attacco, i fiorentini di meno e ribaltano il parziale vincendo per 3-1 (in gol Gandini). A inizio del quarto e ultimo tempo, la sensazione è che la Rari Nantes Salerno possa addirittura fare il colpaccio. Si sul 7 a 7 quando invece tutto precipita: Sanges viene espulso per brutalità. È questo l’episodio che mette la pietra tombale alla gara, perché Razzi mette a segno il rigore conseguente e i giallorossi sono costretti a giocare con un uomo in meno per 4 minuti, una eternità nella pallanuoto. In questi quattro minuti la Florentia costruisce la vittoria, terminando il tempo con il parziale di 6-1 (gol di Luongo).

Gara stranissima quella vissuta a Firenze, da un lato la Rari Salerno ancora una volta dimostra di potersela giocare con chiunque; dall’altro registriamo ancora alcune ingenuità (la reazione di Sanges) ed errori (solo 3 su 12 in superiorità e 2 rigori sbagliati).

“Partita in sostanziale equilibrio fino al 7-7 del quarto tempo, poi la brutalità fischiata a Sanges ci ha costretto 4 minuti con l’uomo in meno e la Florentia ha allungato” la sintetica analisi post partita di mister Citro.

L’appuntamento con l’ultima gara del 2019 è per sabato 7 dicembre alla piscina Simone Vitale, dove i giallorossi se la vedranno con la Pallanuoto Trieste. Poi ci sarà la lunga sosta fino a febbraio.

 

 

RN FLORENTIA-CAMPOLONGO HOSPITAL SALERNO 13-7

 

RN FLORENTIA: M. Cicali, G. Chemeri, Benvenuti, F. Coppoli 1, D. Vannini 2, D. Lynde 1, F. Turchini 1, S. Sordini, A. Razzi 3, G. Bini, M. Astarita 3, A. Di Fulvio 2, A. Antonini. All. Tofani

 

CAMPOLONGO HOSPITAL SALERNO: Santini, M. Luongo 2, C. Gandini 1, C. Sanges, A. Scotti Galletta, D. Gallozzi, M. Tomasic, N. Cuccovillo 3, M. Elez, G. Parrilli, A. Fortunato 1, D. Pica, G. Taurisano. All. Citro

 

Arbitri: Navarra e Pinato

 

Note

 

Parziali: 2-3 2-2 3-1 6-1 Usciti per limite di falli Elez (S) e Coppoli (F) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: RN Florentia 6/9 + 2 rigori e RN Salerno 3/10 + 2 rigori. Cicali (F) para un rigore a Elez (S) nel secondo tempo e uno a Luongo (S) nel quarto tempo. Sanges (S) espulso per brutalità nel quarto tempo. Spettatori 350 circa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here